All material on this website is protected by copyright, This website also contains material copyrighted by 3rd parties.
Licenza Creative CommonsProtected by Copyscape Web Copyright Protection Software

Prefazione, introduzione e indici illustrati

Licenza Creative Commons
Ripeness is all: dai bambini di IERI a chi sarà grande DOMANI diAnna Abbiate Fubini è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.
 All material on this website is protected by copyright, This website also contains material copyrighted by 3rd parties.

Motore di ricerca del sito / Site Search Engine



SITEMAP

16 maggio 2017




Indice interno
:
#inizio, #lungo_percorso, #percorsi, #prima_e_dopo, #discussioni, #prefazione_e_indici_illustrati, #precisazioni, #raccomandazione, #link_esterni, #amici_speciali, #libri

SITEMAP



Bambini di IERI = adulti di oggi
Adulti di oggi
adulti di DOMANI (La freccia "->" del titolo sta sia per "verso" che per "contro")
Toutes les grandes personnes ont d'abord été des enfants: mais peu d'entre elles s'en souviennenent

ripe adjective \ˈrīp\  rip·errip·est
Definition of RIPE
1:  fully grown and developed : mature <ripe fruit> <ripe wheat>
2:  having mature knowledge, understanding, or judgment
3:  of advanced years : late <a ripe old age>
4a :  suitable, appropriate <the time was ripe for the attempt>


ripeness = compiutezza, ripeness = idoneità, ripeness = maturità,  ripeness = perfezione

Considerate la vostra semenza

fatti non foste a viver come bruti

ma per seguir virtute e conoscenza
Il bambino che cresce
si impegna in esperienze fondamentali
secondo ritmi e fasi
che appartengono solo a lui.
Un aneddoto che forse non è realmente accaduto, ma che è comunque molto istruttivo.
 Un vecchio indovinello geometrico, riproposto sotto forma di aneddoto, nel libro di Maria Toffetti, spiega con facilità questo concetto troppo spesso non accettato o relegato a fumoserie irrazionalistiche, un concetto che invece sembrerebbe ovvio sia sul piano generale che tanto più sul piano delle esistenze degli esseri viventi.

Anche Albert Einstein si occupò di tetraedri: a un convegno, criticato per la sua inattesa concezione di uno spazio-tempo a quattro dimensioni, chiese ai colleghi di costruire quattro triangoli equilateri con sei stuzzicadenti. Nessuno dei presenti riuscì a posizionare su un piano gli stuzzicadenti per formare i triangoli richiesti, il che è appunto impossibile. Allora Einstein costruì un tetraedro con i sei bastoncini e commentò: "Se non sapete usare la terza dimensione, che sperimentate tutti i giorni, come sperate di capire la quarta?"


bambini e gattini copyright Pucci Violibambine e cagnolini copyright Pucci Violi Bambini?
Il NUOVO che avanza...

Immaturità?
L'infanzia non esiste.
Esiste lo sviluppo che va rispettato come tale
per poter diventare  cambiamento liberatorio


Aggiornamenti e segnalazioni:

Questo sito e i libri che ne derivano NON sono di INFORMAZIONE, ma si costituiscono come una specie di ENCICLOPEDIE TEMATICHE, in cui vengono presentati e discussi vari argomenti da leggersi e soprattutto da CONSULTARE di volta in volta.
A seguito di difficoltà lamentate e relative richieste, l'architettura stessa del sito è stata modificata in funzione di un più agevole orientamento: sdoppiato, il presente file prende ora questo nuovo nome e riinvia a un differente URL mentre diventa iniziale e fondamentale un file semplificato dove a prima vista compaioni i links indirizzanti sui capitoli interni.
Dopo la pubblicazione del libro aggiornamenti sono già iniziati e molti altri ne verrano fatti, segnalati di volta in volta nel nuovo file Aggiornamenti e novità / Novelties on the site: ma si consiglia di considerare ancora con attenzione le più importanti passate modifiche.
Ogni link viene continuativamente monitorato
Ed è possibile una documetazione riassuntiva autobiografica dall'animazione:
Presentazione.ppt
come pure sono stati aggiunti Power Point ospitati per illustrare meglio il concetto di TEMPO
GIORNATA.pps: la vita è corta anche per coloro che passano il tempo trovandola lunga...
Danza lenta.pps
e un pdf ESPERIMENTI SU BAMBINE/I tratto da un altro sito - per documentare fatti gravissimi, testimonianze  e possibili recuperi.

Per accogliere le richieste di una più agevole lettura, i testi di questo sito sono stati - anche - trasferiti in un LIBRO: Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi -> adulti di domani
Cortina Torino
Via Ormea 69 10125 Torino (ITALY)
Tel: 0039 0116507074 / 00390116505228
 Fax: 00390116502900 giuliana@cortinalibri.it marco@cortinalibri.it acquisti on-line / on-line orders

The page mirroring this one can be reached not only as file but also as chapter of the derived English book -From children of  YESTERDAY to adults of  TOMORROW, both books at hand on Abebooks.com,. More easy for European readers to order Cortinalibri.it
From children of  YESTERDAY to adults of  TOMORROW
is print-ready also in the BookSurge system and will be available for purchase on Abebooks, holding also all our books - and in www.Alibris.com, and also on Kindle. More easy for European people, at Cortinalibri.it. The book endorses this page as chapter 4.


Raggruppati per singoli agomenti, aggiornati e completati, i capitoli ormai superati del libro Bambini di IERI= Adulti di oggi. Adulti di oggi-> Adulti di DOMANI saranno presentati in volumi separati a cominciare da Infanzia un mestiere difficilissimo- in via di prossima revisione completato da un nuovo file Considerazioni e conclusioni / To complete and to outline dovrà essere presente come capitolo finale in TUTTI i nuovi libretti, offrendo una sintesi organica, sinteticamente riassuntiva dei problemi in discussione.

Libri in PDf scaricabili e capitoli in pdf

  Consapevolezza e memoria ESPERIMENTI SU BAMBINE_I.PDF
 Quando la cartella clinica è terapeutica... Dare ai ricordi una specie di seconda vita?
Medicina: scienza applicata e multidisciplinare: Emozioni, istinti, ricordi, contraddizioni
Danza-del-tempo. Giornata.pps
Danza lenta
Presentazione professionale
 
Presentazione-libri
STUPRI DI GUERRA: I figli dell'odio
Regina Louf - Silenzio.Qui si uccidono bambini!


AVVERTENZA /DISCLAIMER:
Il sito, che non è un blog ma un portale da cui derivano anche libri, non costituisce testata giornalistica avendo lo specifico fine di condividere riflessioni e studi senza alcuna periodicità nella loro pubblicazione ed aggiornamento. Nel sito i contenuti e le illustrazioni sono e saranno aggiornati, senza alcuna periodicità, in funzione degli scritti pervenuti ai curatori o redatti dagli stessi, in base a nuove conoscenze o più approfondite riflessioni raggiunte anche grazie ai consigli ed apporti - positivi, dubbiosi o critici - che man mano protranno venir proposti.
Il sito NON ha fine di lucro; la collaborazione è libera e gratuita se attinente alle sue finalità e le citazioni tratte dal sito e dal libro sono soggette a Copyright: vanno quindi presentate con la segnalazione completa della loro provenienza, mentre il Copyright di pagine totalmente offerte da altri autori rimane di pertinenza degli stessi.

maratona
Il sito verrà di continuo rivisto e aggiornato: molto gradite saranno le proposte  e i consigli/critiche dei lettori. Per questo si consiglia di rivederlo di tanto in tanto e di proporne ulteriori  miglioramenti in un ... continuo rincorrersi.
(Ci teniamo a precisare che ogni figura rimanda al link da cui è stata tratta: come appunto questa Maratona)


Il PRIMO PASSO DI UN LUNGO PERCORSO

Bambini di IERI = adulti di oggi. Adulti di oggi -> adulti di DOMANI
la freccia "->" del titolo sta sia per "verso" che per "contro".

L'infanzia non esiste: Esiste lo sviluppo e lo sviluppo è cambiamento liberatorio
  1. Questo sito e i libri che ne derivano NON vanno letti come se fossero un semplice testo di sociologia, né - tanto meno - come un compendio di "consigli" e descrizioni indirizzate a problematiche familiari: è una "filosofica" enciclopedia tematica in cui ogni argomento va considerato di volta in volta.
  2. Il significato prevalente dell'insieme degli studi qui discussi utilizza - anzi: valorizza - il significato di INFANZIA come dinamico basilare inizio in cui si sostanzia la vera natura dell'essere umano.
  3. Il concetto dell' ESSERE appartiene alla FILOSOFIA, come l'altro fondamentale e complementare principio: l'essenza del TEMPO, dei cambiamenti, delle evoluzioni, in sostanza della QUARTA DIMENSIONE degli esseri viventi.
  4. Da qui: nella MEMORIA e nel suo materializzarsi - consapevole - in  rinnovabile ESPERIENZA.
  5. Il titolo stesso di un file del sito -  Imbroglio è il contrario di sviluppo - puntualizza l'idea che sviluppo è il contrario di Imbroglio - vedi lemma relativo del Dizionario dei Sinonimi e contrari di Niccolò Tommaseo - in parallelo ai preconcetti che si autoconfrmano spigati in un altro file TOTEM AND TABOO REVISITED: awful and fertile rise of new superstions.
  6. Ma, partendo da simili basi, si vanno a toccare punti nevralgici tali da produrre resistenze anche accanite; per cui questi argomenti debbono trovar spazio in capitoli particolarmente dedicati appunto a controversie.
  7. E, dato che le controversie rischiano sempre più di travalicare in interpretazioni fasulle, è stato necessario aggiungere al sito Opinioni, fatti, accuse e Opinion, fact. complaint, capitoli dedicati a dirimere malintesi e ambiguità.

I capitoli introduttivi di impostazione e inizio forniscono essenziali basi di significatività, seguiti e concretizzati come sono da capitoli in cui si evidenzia il percorso teorico personale dell'autore. Pur offrendo presentazioni anche generiche, supportano principi e scopi prioritari in cui sono energicamente sottolineati in dettaglio concetti fondanti: ne deriva un'esposizione volutamente  "multimediale" e enciclopedica, in cui i dati ricompaiono - e più volte -  distribuiti in lemmi e NON in una serie regolare strutturata di capitoli.
Ecco i punti chiave intorno ai quali si struttura tutto il discorso:
  • le "quattro dimensioni" dell'esistenza umana: le tre spaziali corporee e quelle dinamiche sensoriali, relazionali ed esperienzali.
  • l'esistenza globale nel tempo a partire dall'infanzia e dai suoi passaggi obbligati di sviluppo
  • a seguire nell'ininterrotta presenza della memoria
    • sia conscia, discorsiva, comunicabile e fonte di significativo bagaglio soggetivo di "esperienza"
    • sia inconscia in quanto corporea, e riattivabile attraverso sensorialità e movimenti
    • sia rifiutata e "rimossa": in quanto tale causa non solo di patologie personali ma anche e soprattutto di mal funzionanti relazioni con l'esterno.
    • A questo proposito va considerata ogni inter-azione tra corpi viventi non solo fra loro ma verso il e derivante dal mondo esterno globalmente inteso,
    • Per finire in altri termini così si sostanzia il concetto di PSICOSOMATICA sia come "medicina" . ma anche in genere come "scienza"
  • Purtroppo lo studio delle POSSIBILITA' EVOLUTIVE degli esseri umani non comporta soltanto aperture "positive": anche la MALVAGITA' e sue concrete attuazioni ne fanno realisticamente parte e debbono venir segnalate.
  • mentre fortunatamente di riscontro vanno riconosciute le enormi possibilità non solo di resilienza personale
  • ma anche di vitale arrichimento collettivo che dal singolo si propaga, persino quando vicende straordinarie e terribili divengono esperite, riconosciute, definite e trasmesse.

PERCORSI

PERCORSI PERSONALI: CONTINUITA' PROFESSIONALE
Hippocrates

La vita è breve, l'arte lunga. l'esperienza ingannevole, il giudizio difficile. - Ippocrate



Quando la cartella clinica è terapeutica... Dare ai ricordi una specie di seconda vita? Medicina: scienza applicata e multidisciplinare: Emozioni, istinti, ricordi, contraddizioni
Presentazione professionale
Presentazione-libri

PERCORSI SUCCESSIVI: CONTINUITA' GENERAZIONALE
... nipoti... figli... genitori... nonni...: parenti dell'umanità  La nonnità dà il senso della continuità dopo di noi e, sconfinando nella continuità generazionale (essendo stati figli e nipoti), consente di riconoscersi parenti nell'umanità

FINE DEI PERCORSI: INTERRUZIONE E TERMINE:

Richiede mezzi espositivi agili e facilmente modificabili l'addentarsi nel campo dei PERCORSI dello SVILUPPO UMANO: così vasto, così intrinsecamente carico di valenze emotive in quanto CIASCUNO nel bene o nel male ne è PROTAGONISTA; richiede cautela e attenzione l'assecondare un itinerario teorizzato in un conseguente settore di studi straripante di dati cronistici e interpretativi, anedottici sentimentali o freddamente consequenzialeggianti, di dati bibliografici discordanti e in rapido divenire. La scrittura telematica fornisce e predispone ampie possibilità di dar forma dinamica ai contenuti principali di un lungo lavoro di ricerca, e si presta non solo ad una presentazione ampiamente disponibile di dati aggiornati in quanto tali, ma - pemettendo di ripensarli e ridiscuterli in continuative possibilità di riscontri, discussioni, partecipazioni e approfondimenti - li rende più che condivisibili: può trasformare nell'immediato ogni fruitore in un autentico co-autore, e renderne riconoscibili i personali apporti - pur rispettandone l'anonimato - evidenziandoli con caratteri grafici peculiati. Specifica cura di questo sito sono stati quindi nel tempo i rinnovamenti stimolati anche da diretti commenti e riscontri: in rete i molti file e citazioni anche in inglese vi si trovano per meglio sviluppare reciproci aggiornamenti, soprattutto per poter raggiungere nello spazio e fra i diversi popoli più differenziate informazioni e avviare sempre più validi e scambievoli allargamenti di orizzonti.

La lettura di lunghi paragrafi, spesso anche impegnativi come contenuti, non è comunque troppo agevole su di uno schermo di computer: per questo come completamento del sito vengono proposte in italiano e in inglese anche versioni libresche, in cui ovviamente viene a perdersi la vivace circolarità, e la prontezza di presentazione di nuovi dati. Il vantaggio in soggettiva di un libro è che lo si può leggere ovunque e magari evidenziarvi i passaggi per sé più significativi, mentre la diffusibilità di un sito Web lo caratterizza nell'essere un’aperta e mobilissima bibliografia di hyperlink - cioè di rimandi immediati ipertestuali - che può seguire tempestivamente ogni nuova acquisizione di dati e permettere subito gli opportuni rimaneggiamenti interni. Un libro che deriva da un sito non può corrispondere quindi esattamente al sito di provenienza: non ne può seguire i percorsi evolutivi ma neanche può venir troppo appesantito da rimandi bibliografici e indici analitici così vasti come quelli facilmente attuabili in Rete e tanto meno conservarne l'immediatezza ipertestuale. Un "dinamico" sito si corregge e si aggiorna da un momento all’altro con sempre puntuali rimandi e revisioni e così pure in Rete parole-chiave conducono con facilità agli argomenti che più possono interessare sul momento offrendo parallele e successive possibilità di ampliare quasi all'infinito ogni segnalazione bibliografica con svelti e immediati rimandi: su carta non è possibile mantenere la freschezza dei vari incroci tra capitoli ed argomenti, e tanto meno seguirne i passaggi in continuative correzioni e rettifiche. In un libro che è un manufatto richiedente determinati tempi tecnici di preparazione il tentativo di trasferire questi rimandi in un indice bibliografico o analitico come note a margine ne appesantirebbe enormemente le dimensioni e richiederebbe nel lettore tempi prolungati di consultazione: le "normali" bibliografie in calce al testo indicano le fonti su cui l'autore si è presumibilmente documentato, ma questo procedimento non solo appesantirebbe - in calce - i testi con statici elenchi e non aiuta abbastanza il lettore a potersi documentare sulla effettiva realtà attuale di quanto affermato. Inoltre in rete ogni file anche proveniente da differenti siti può rimanere agganciato ad ogni altro a seconda di singoli elementi del contenuto del testo e/o delle citazioni: per cui correzioni e acquisizioni nell'immediatezza della Rete si diffondono circolarmente appunto per la sua possibilità peculiare  dei rimandi incrociati. I contenuti di un sito suddivisi in file secondo il loro ordine di logica non-lineare sono collegabili a qualsiasi argomento tramite Hyperlink che graficamente appaioni di differente colore - azzurro - e SOTTOLINEATI: titoli di libri o di articoli o di siti, nomi di autori, date e luoghi, citazioni, rimandi, persino singole parole o frasi-chiave se appaiono azzurri e  sottolienati rinviano ad un Hyperlink e così pure può rimandare all'Hyperlink della sua origine ogni illustrazione: conservando queste particolarità nei capitoli di libri che ne derivano illustrazioni e sottolineature segnalano l'invito alla consultazione della corrispondente pagina Web per fungervi da "esterne" note a margine, bibliografia e indice analitico. I rimandi e le segnalazioni possono comunque apparire fin troppo numerosi: lo sono infatti, ma lo sono perché - scelti con la massima cura, precisi, documentati e tempestivi - prima di tutto debbono garantire le fonti di quanto viene esposto, che altrimenti potrebbe apparire impreciso e/o idealizzato. Questa precisione e immediatezza di riferimenti può ovviare ad un altro problema cruciale: sgombrare il campo da ogni falso rimando bibliografico dovuto a non abbastanza controllate ridondanti copiature. In questo sito come nei libri collegati non c'è posto per bibliografie attinenti al passato o da ricercare in un secondo tempo; importanti come i contenuti di testo sono i riferimenti agli inerenti settori di studio, ma con indicazioni critiche, verificate, contingenti a immediati e con più che attendibili sguardi su di un presente in evoluzione anche con citazioni di cronaca giornalistica; a una sovrabbondanza di aforismi icastici - anch'essi grraficamente evidenziati - fa riscontro l'assenza di citazioni scontate dal già pubblicato che si esauriscano in se stesse, e di rimasticature di fonte incerta o secondaria. Ai rimandi culturali garantiti originari e di continuo ri-verificati delle informazioni devono affiancarsi non soltanto accertamenti dei documenti presentati da chi scrive, ma quasi al contrario piuttosto inviti pressanti e suggestivi a chi legge di approfondire con suggerimenti e documentazioni e prospettive. Gl'indici di un libro stampato e le "normali" bibliografie non possono adeguarsi alla duttilità e ricchezza dei rimandi circolari di un sito Web la cui caratteristica non trasferibile è il poterne utilizzare i contenuti secondo un ordine estemporaneo, e di poterli intersecare rimandandone la lettura da argomento ad argomento? Ma anche in questi libri costituiscono l'essenza di un "anomalo" voluto stile bibliografico sia la presenza di insistenti riferimenti che dalle parole sottolineate rimandano sul momento agli argomenti indicati, sia la loro conferma per mezzo di immagini, sia i rimandi interni che - come in un indice analitico - affiancano precisi riferimenti ad altri capitoli del sito e dei libri. In altri termini: le sottolieature nel testo stampato non sono soltanto dinamici sostituti di normali bibliografie, arricchite da indicazioni da indice analitico e da spiegazioni da note a margine: la sovrabbondanza di link del sito e le sottolineature che li propongono sono elementi insostituibili del metodo che adottiamo. I testi stampati lo sono in quanto prodotti di una tecnologia che ha richiesto vari passaggi, e quindi a risultato finito non possono più rispecchiano esattamente quanto ivi documentato: i libri quindi sono subordinati al sito di provenienza, che, per raggiungere tempestivamente ogni variazione di dati - comprese le modificazioni dei link esterni - è di continuo revisionato e migliorato sia per correggere ogni eventuale anomalia, sia per riassumere tempestivamente le novità. Pregio peculiare di un sito Web sono le possibilità tecniche che permettono all'istante sostanziali rimaneggiamentih anche in base a critiche e segnalazioni dei fruitori: se dal "dinamico" sito derivano libri e questi non possono esserne che "statici" simulacri e supplementi, opportuni accorgimenti possono contribuire a collegarli in modo operativo: anche ai lettori-su-carta può venir offerta una possibilità indiretta di valersi di queste aperture conoscitive, indirettamente conservate dall'integrazione tra le due proposte attraverso peculiari forme grafiche.
Discussioni e critiche riguardanti la "forma" di presentazione delle pagine Web - ed altrettanto dei corrispettivi capitoli dei libri derivati da queste - inducono a meglio precisare i concetti che sottostanno alle scelte volutamente attuate con paragrafi di definizione di intenti, ma una precisazione incontrovertibile è comunque da farsi fin dall'inizio per introdurre il concetto base che caratterizza il metodo portavoce di tutta questa attività.
E' ben comprensibile soggettivamente che la sostanziale varietà dei segni grafici presente anche nei libri, e l'insistente, continuativa esibizione di sottolineature indicanti link possano apparire incoerenti, distraenti se non quasi vessatorie; ma questa impaginazione sia dei testi on-line che  dei loro corrispettivi stampati indica che NON si tratta di semplice letteratura saggistica d'informazione, né tanto meno - e questo va energicamente messo in risalto - di copiatura a-critica di dati magari inusuali. Infatti in modo più evidente di quanto non lo siano le abituali citazioni, le varietà grafiche all'interno del testo differenziano già visivamente i paragrafi "altrui" a cui deve venir attribuita la piena responsabilità di quanto vi si afferma: vogliate quindi scusarci se è di nostro - e non vostro! - gradimento veder evidenziati nel corpo del testo stampato determinati punti salienti con differenti colori, o con alternanze di grassetti e maiuscole e con differenti caratteri grafici; i voluti e insistiti cambiamenti di spessore, colore e maiuscole/minuscole ecc. mirano a proporre un linguaeggio scritto, che in una specie di modalità multimediale possa "mimare" il parlato nelle differenti inflessioni di chi legge ad alta voce. Ma non basta: un precipuo intento di questo lavoro è quello di fornire informazioni il più possibile esatte e con dati originari cercando di comprovarne l'effettiva realtà con le immagini dei loro autentici logo o copertine di libri ecc. - ma ben più importante è la particolare attenzione rivolta a contributi poco noti e esclusivi, e - ancor meglio - a testimonianze di PRIMA MANO approvate anzi incoraggiate dagli interessati: graficamente rese riconoscibili in caratteri simulanti la scrittura manoscritta, quando non  presentate anche con disegni autentici o con fotografie altrettanto autentiche da loro stessi fornite.
In un usuale volume “cartaceo” il materiale - contenuti e riferimenti - va distribuito secondo un ordine di logica lineare, in cui parti costitutive e capitoli devono venir collocati in una sequenza ben precisa di capitoli e di pagine rigidamente numerati; ma se questa sequenza è congeniale ad una romanzo o ad un trattato, in una raccolta di articoli o in un'Enciclopedia può risultare arbitraria rispetto all'interesse soggettivo di chi legge: pur necessaria, serve soltanto per indicare i numeri di pagina ove ritrovare con facilità gli argomenti preferiti in quel momento. Per meglio conservare le potenzialità di consultazione di un sito Web già di per sé strutturato in forma Enciclopedica, anche i libri che ne derivano devono poter venir utilizzati come una rinnovabile Enciclopedia, formata da una serie di articoli tematici in un certo senso a se stanti, da disporre in diversificate distribuzioni per sceglierli secondo le proprie  priorità di interesse: una grossa limitazione nel passaggio dall'uno all'altro è dovuta alla necessità di indicare su carta la serie dei capitoli secondo una numerazione lineare: NON va rispettata come ordine di lettura, ma seguita indirettamente come se ci trovasse di fronte ad un'Enciclopedia per argomenti. Analogamente alla CONSULTAZIONE di un telematico sito Web una logica intrinsecamente non-lineare ma circolare facilita il ritrovamento dei vari argomenti collegati insieme ed indipendenti l’uno dall’altro da leggere e approfondire separatamente; non importa quindi se in differenti capitoli-lemmi di un libro-enciclopedia si ritrovano <interi capoversi identici fra loro: l'intenzione è di agevolare chi - in fondo giustamente - preferisce leggere file o capitoli come fossero singoli, separati articoli mentre paragrafi identici inseriti in un differente contesto vi assumono e vi conferiscono differenti significati. E così, come parlando a voce, si utilizzano le inflessioni, i toni ecc. e l'uso dei gesti, anche negli scritti l'integrazione di diversi linguaggi - compreso il più ovvio: l'immagine - può rendere più incisiva la comunicazione di un pensiero. L'insistita presenza di immagini non è un dato "ornamentale" per alleggerire la lettura dei testi: con le sue capacità di sintetizzare e alludere nel contesto generale costituisce un serie di apporti espositivi essenziali. Per mantenere al massimo le possibilità espressive del multimediale sito, si è quindi cercato di riportare - anzi ampliandola - nel libro e in ciascuno dei suoi successivi supplementi la serie delle iconografie.
Comunque sia - tanto per i libri che per il sito - all'inizio si consiglia di leggere soltanto le pagine di testo, evitando la tentazione di "cadere" nei links e nei rimandi. Solo in un secondo tempo si può partirvi per aprire o ritrovare le diversificate e poco note informazioni in continuo rinnovamento, che in fondo, sono il VERO scopo del sito e del libro: solo in un secondo tempo conviene superarne la confusione per ritrovare gli argomenti e orientarsi fra le controversie di cui prima non ci si era resi conto.

Questa ricerca si occupa del fondamentale - fondamentale: che pone le fondamenta in senso reale e non solo come modo di dire - e vitale argomento dello sviluppo umano, ma non può certo fermarsi all'individuo avulso dal suo ambiente e dai suoi tempi, nè ignorare che questo ambiente, anzi questi ambienti al massimo del plurale sono anch'essi in continuo cambiamento. E non solo: come da assecondate normali fasi di sviluppo si "aprono" - il termine tecnico adottato da Freud è: sublimano tutte le possibili attività e rapporti umani verso svariati percorsi, così altrettanto le fasi ostacolate si involvono, aggrovigliano e coartano in stretti vicoli ciechi - magari privatamente "implosivi": vedi come esempio i "delitti in famiglia" ecc. - ma possono avviarsi verso una soglia "collettiva" in cui processi nefasti si dispiegano verso circoli viziosi sempre più efficacemente distruttivi, non solo con aumento della frequenza e gravità delle patologie personali - nevrosi, psicosi, "stupidità"... - ma di attuazione di grandi tragedie pubbliche. Per cui, mentre messaggi di progresso, di speranza -  possibilità di recupero - possono aprirsi partendo dalle origini seguendo i loro preordinati percorsi, sito e libri correlati inviano parallelamente anche diffide dei propugnatori di indirizzi opposti.
Questo file in cui al testo fanno da corollario pagine intere di schemi e figure - viene a  costituirsi come e più di una vera e propria Prefazione anche per i molteplici link verso le pagine interne. Fra queste ...adulti di oggi -> adulti di DOMANI... NON è soltanto uno dei capitoli più significativi nell'economia generale di tutto il lavoro: affiancato a questo capitolo iniziale ne costituisce l'integrazione riassuntiva e quasi una - anche se posposta - seconda Prefazione, arricchita dall'esposizione panoramica di riferimenti su contenuti basilari di tutto un lavoro in cui si trattano argomenti fondanti e fonte di controversi pareri. In fondo il vero scopo ne sono proprio queste PROPOSTE di diversificate INFORMAZIONI: consiglio quindi a tutti di non trascurare, anzi di aprire sovente, le pagine dedicate esclusivamente ai LINKS sia ITALIANI che INTERNAZIONALI.

Mentre il sito è unitario e i vari files - italiani e inglesi - vi si trovano affiancati, non tutti i capitoli nelle due lingue si corrispondono: il contenuto di ciascuno file/capitolo non è per lo più in esatta traduzione, poiché possono differire anche molto per la presenza - o meno - di rimandi, bibliografie e citazioni. "Ospitati" ad arricchire l'insieme con riferimenti di contenuto e bibliografici estesi ed aggiornati sono i files/capitoli Che cos’è il ‘lavoro emozionale’?, e What is ‘ Emotional Labour’?, pagine di teoria socio/economica e umanistica da correlarsi con le altre d'impronta più pragmatica su fatti concreti. Alcuni files/capitoli non si trovano  nell'edizione inglese, ma DUE differenti files/capitoli - importanti e fondanti - si trovano soltanto ciascuno in uno o nell'altro libro: Imbroglio è il contrario di sviluppo e TOTEM  AND TABOO REVISITED: awful and fertile rise of new superstitions, ben diversi come testo, ma complementari, dato che integrano e confermano entrambi - da differenti punti di vista e argomenti - essenziali propositi e concetti di base. Per questi motivi sarebbe opportuno poter leggere entrambi i libri e sopratutto questi DUE capitoli: entrambi si costituiscono - in generale - come punti chiave, ma possono venir considerati - in particolare - come completamenti di Consapevolezza e memoria a sua volta da integrarsi con la differente bibliografia di Consciousness and memory; entrambi strettamente collegati a Delgado & Skinner ed alla sua appendice - l'intervista (in inglese) Psychocivilization and its discontents come ampliamenti esplicativi.

Il problema del TEMPO: del "prima e del dopo" e dello scorrere delle generazioni.


L'infanzia non esiste. Esiste lo sviluppo e lo sviluppo è cambiamento liberatorio

... nipoti... figli... genitori... nonni...: parenti dell'umanità
 La "nonnità" dà il senso della continuità dopo di noi e, sconfinando nella continuità generazionale (essendo stati figli e nipoti), consente di riconoscersi parenti nell'umanità
Martedì sera ho visto i miei genitori, li ho visti come sono e ho fatto attenzione anche al mio comportamento e tornando a casa mi sono detto che forse è giunta l'ora di seppellire l'ascia di guerra. Mi hanno fatto tenerezza e credo che una cosa su tutte sia vera: c'è una grande distanza tra me e loro, sembra che anche loro non capiscano il perché come in fondo non lo capisco io, ma è un dato di fatto. Distanza non perché io mi senta superiore o meglio ma una incomprensione che non si è mai risolta ed è come se io fino ad oggi pretendessi ancora da loro qualcosa. Non mi ero accorto che sono invecchiati che sono diversi dai genitori di trent'anni fa e che forse in me qualcosa si è fermato e mentre il tempo passava e le cose e le persone intorno a me cambiavano io ero ancora fermo in attesa di quel qualcosa.
Mi sento nella posizione di poter fare un gesto di benevolenza nei loro confronti perché il loro, è stato forse l'unico modo concepibile di essere genitori, a me, a conti fatti non è bastato, ma una presa di coscienza a questo punto credo sia inevitabile, prima di tutto per me stesso. E' un boccone amarissimo da ingoiare, ma forse dopo starò meglio.
Quello che si diceva del tempo... Vederli come due esseri distaccati da tutto il resto, come se anche loro non avessero un prima e un dopo me li ha resi due non-persone due simboli. Non so bene dove e a che punto il meccanismo si sia inceppato o forse dove ho smesso di evolvermi o come c'era scritto sul suo libro a che punto è iniziato l'imbroglio, ma credo che in fondo i miei genitori siano solo un pezzetto della storia e sapere che c'è stato un prima in cui anche loro sono stati figli e bambini e che c'è stato un dopo e ci sarà un dopo, dopo di me, rende il tutto più sensato e più fluido, meno statico. Forse è quello che conta veramente.


Scopo peculiare del sito e di tutta l'impostazione di questi studi è la disamina di quanto il succedersi degli
sviluppi e delle generazioni si integri e/o si danneggi a vicenda: di quanto i "bambini di ieri", conoscano ancora e si valgano di questo loro concretarsi nel tempo e di quanto questi attuali più o meno responsabili e/o ben o mal disposti "adulti dell'oggi" utilizzino o rinneghino il loro passato. Fondamentale è quindi la funzione della MEMORIA
, non solo per collegare insieme le personali fasi di sviluppo, ma anche per permettere una vera comunicazione tra le generazioni: ecco il significato di richiamo intuitivo proposto dalla citazione sottostante

1943: Saint-Exupéry lui dédie la première édition de son Petit Prince en ces termes: Je demande pardon aux enfants d'avoir dédié ce livre à une grande personne. J'ai une excuse sérieuse : cette grande personne est le meilleur ami que j'aie au monde. J'ai une autre excuse : cette grande personne peut tout comprendre, même les livres pour enfants. J'ai une troisième excuse : cette grande personne habite la France où elle a faim et froid. Elle a bien besoin d'être consolée. Si toutes ces excuses ne suffisent pas, je veux bien dédier ce livre à l'enfant qu'a été autrefois cette grande personne. Toutes les grandes personnes ont d'abord été des enfants. (Mais peu d'entre elles s'en souviennent). 
Je corrige donc ma dédicace
A Léon Werth,  quand il était petit garçon.
Dedica originale del famoso libro di

Una precisazione incontrovertibile è comunque da farsi fin dall'inizio per introdurre ovunque possibile il concetto base che deve caratterizzare TUTTO questo sito in quanto PORTAVOCE di tutta la nostra attività. se messaggi di progresso, di speranza -  ed anche di possibilità di recupero - si dipanano partendo dalle origini e seguendo percorsi fattibili, sito e libri correlati inviano parallelamente anche diffide style="font-family: garamond;"> e di ben altro tenore: non si deve prescindere quindi dall'occuparsi dei propugnatori di indirizzi opposti (vedi nel libro la Parte sesta: prospettive contrarie). I files/capitoli Basta un poco di zucchero e la pillola va giù... e Delgado & Skinnner con la loro serie di citazioni e link - presenti peraltro in un altro sito e libro - sono dedicati appositamente alla disamina di questi problemi e vanno letti, confrontati e meditati accuratamente, senza pregiudizi nel loro significato socio-politico più generale.
Da questi presupposti che partono da azioni "ostili" e/o causa comunqu di "danno" si arriva ai vissuti delle loro "vittime" del momento e/o ai loro ri-vissuti nel tempo: un'importante segnalazione italiana ha permesso di integrare questo argomenti con una eloquente citazione metodologica, indicativa di  quanto sia basilare risonoscere i COLLEGAMENTI TRA PRESENTE E PASSATO.

Come riepilogo dei concetti generali di tutto questo lavoro e non solo di questa prefazione giunge molto opportuna la possibilità di commentare una considerazione mossa a proposito dei metodi nefasti di allevamento e delle loro conseguenze anche nel corso delle generazioni future. fondamento di questo lavoro è da tutti i possibili punti di vista il concetto di infanzia nei suoi VALORI intrinseci, in opposizione a quanto propugnano autori come Jose Maria Rodriguez Delgado nelle varie edizioni di
Da segnalazioni come queste un interlocutore aveva - erroneamente! - dedotto che una volontà specificamente "malvagia" operasse con precisi propositi dietro le quinte per ottenere nel futuro generazionale un simile risultato. PURTROPPO invece per lo più NON si tratta di azioni programmate, che come tali potrebbero meglio venir combattute apertamente: i comportamenti degli adulti nei confronti dei bambini rispecchiano una NORMALE curva di Gauss con agli estremi qui i "buonissimi" - e i loro Maestri - e là i "cattivissimi" e i loro istigatori; mentre - e qui ripeto "purtroppo" - al centro si raggruppa una massa generalizzata e passiva di inetti, di superstiziosi, di adulti non-sviluppati, di infanzie malvissute o non vissute e/o rimosse.



Discussioni e controversie

E' ben comprensibile soggettivamente che la sostanziale varietà dei segni grafici presente anche nei libri, e l'insistente, continuativa esibizione di sottolineature indicanti link possano apparire incoerenti, distraenti se non quasi vessatorie; ma questa impaginazione sia dei testi on-line che  dei loro corrispettivi  stampati indica che NON si tratta di semplice letteratura saggistica d'informazione, né tanto meno - e questo va energicamente messo in risalto - di copiatura a-critica di dati magari inusuali. Infatti in modo più evidente di quanto non lo siano le abituali citazioni, le varietà grafiche all'interno del testo differenziano già visivamente i paragrafi "altrui" a cui deve venir attribuita la piena responsabilità di quanto vi si afferma: vogliate quindi scusarci se è di nostro - e non vostro! - gradimento veder evidenziati nel corpo del testo stampato determinati punti salienti con differenti colori, o con alternanze di grassetti e maiuscole e con differenti caratteri grafici; i voluti e insistiti cambiamenti di spessore, colore e maiuscole/minuscole ecc. mirano a proporre un linguaeggio scritto, che in una specie di modalità multimediale possa "mimare" il parlato nelle differenti inflessioni di chi legge ad alta voce. Ma non basta: un precipuo intento di questo lavoro è quello di fornire informazioni il più possibile esatte e con dati originari cercando di comprovarne l'effettiva realtà con le immagini dei loro autentici logo o copertine di libri ecc. - ma ben più importante è la particolare attenzione rivolta a contributi poco noti e esclusivi, e - ancor meglio - a testimonianze di PRIMA MANO approvate anzi incoraggiate dagli interessati: graficamente rese riconoscibili in caratteri simulanti la scrittura manoscritta, quando non  presentate anche con disegni autentici o con fotografie altrettanto autentiche da loro stessi fornite.
In un usuale volume “cartaceo” il materiale - contenuti e riferimenti - va distribuito secondo un ordine di logica lineare, in cui parti costitutive e capitoli devono venir collocati in una sequenza ben precisa di capitoli e di pagine rigidamente numerati; ma se questa sequenza è congeniale ad una romanzo o ad un trattato, in una raccolta di articoli o in un'Enciclopedia può risultare arbitraria rispetto all'interesse soggettivo di chi legge: pur necessaria, serve soltanto per indicare i numeri di pagina ove ritrovare con facilità gli argomenti preferiti in quel momento. Per meglio conservare le potenzialità di consultazione di un sito Web già di per sé strutturato in forma Enciclopedica, anche i libri che ne derivano devono poter venir utilizzati come una rinnovabile Enciclopedia, formata da una serie di articoli tematici in un certo senso a se stanti, da disporre in diversificate distribuzioni per sceglierli secondo le proprie  priorità di interesse: una grossa limitazione nel passaggio dall'uno all'altro è dovuta alla necessità di indicare su carta la serie dei capitoli secondo una numerazione lineare: NON va rispettata come ordine di lettura, ma seguita indirettamente come se ci trovasse di fronte ad un'Enciclopedia per argomenti. Analogamente alla CONSULTAZIONE di un telematico sito Web una logica intrinsecamente non-lineare ma circolare facilita il ritrovamento dei vari argomenti collegati insieme ed indipendenti l’uno dall’altro da leggere e approfondire separatamente; non importa quindi se in differenti capitoli-lemmi di un libro-enciclopedia si ritrovano <interi capoversi identici fra loro: l'intenzione è di agevolare chi - in fondo giustamente - preferisce leggere file o capitoli come fossero singoli, separati articoli mentre paragrafi identici inseriti in un differente contesto vi assumono e vi conferiscono differenti significati. E così, come parlando a voce, si utilizzano le inflessioni, i toni ecc. e l'uso dei gesti, anche negli scritti l'integrazione di diversi linguaggi - compreso il più ovvio: l'immagine - può rendere più incisiva la comunicazione di un pensiero. L'insistita presenza di immagini non è un dato "ornamentale" per alleggerire la lettura dei testi: con le sue capacità di sintetizzare e alludere nel contesto generale costituisce un serie di apporti espositivi essenziali. Per mantenere al massimo le possibilità espressive del multimediale sito, si è quindi cercato di riportare - anzi ampliandola - nel libro e in ciascuno dei suoi successivi supplementi la serie delle iconografie.
Comunque sia - tanto per i libri che per il sito - all'inizio si consiglia di leggere soltanto le pagine di testo, evitando la tentazione di "cadere" nei links e nei rimandi. Solo in un secondo tempo si può partirvi per aprire o ritrovare le diversificate e poco note informazioni in continuo rinnovamento, che in fondo, sono il VERO scopo del sito e del libro: solo in un secondo tempo conviene superarne la confusione per ritrovare gli argomenti e orientarsi fra le controversie di cui prima non ci si era resi conto.
Questa ricerca si occupa del fondamentale - fondamentale = che pone le fondamenta in senso reale e non solo come modo di dire - e vitale argomento dello sviluppo umano, ma non può certo fermarsi all'individuo avulso dal suo ambiente e dai suoi tempi, nè ignorare che questo ambiente, anzi questi ambienti al massimo del plurale sono anch'essi in continuo cambiamento. E non solo: come da assecondate normali fasi di sviluppo si "aprono" - il termine tecnico adottato da Freud è: sublimano tutte le possibili attività e rapporti umani verso svariati percorsi, così altrettanto le fasi ostacolate si involvono, aggrovigliano e coartano in stretti vicoli ciechi - magari privatamente "implosivi": vedi come esempio i "delitti in famiglia" ecc. - ma possono avviarsi verso una soglia "collettiva" in cui processi nefasti si dispiegano verso circoli viziosi sempre più efficacemente distruttivi, non solo con aumento della frequenza e gravità delle patologie personali - nevrosi, psicosi, "stupidità"... - ma di attuazione di grandi tragedie pubbliche. Per cui, mentre messaggi di progresso, di speranza -  possibilità di recupero - possono aprirsi partendo dalle origini seguendo i loro preordinati percorsi, sito e libri correlati inviano parallelamente anche diffide dei propugnatori di indirizzi opposti.

Questo file in cui al testo fanno da corollario pagine intere di schemi e figure - viene a costituirsi come e più di una vera e propria Prefazione anche per i molteplici link verso le pagine interne. Fra queste ...adulti di oggi -> adulti di DOMANI... NON è soltanto uno dei capitoli più significativi nell'economia generale di tutto il lavoro: affiancato a questo capitolo iniziale ne costituisce l'integrazione riassuntiva e quasi una - anche se posposta - seconda Prefazione, arricchita dall'esposizione panoramica di riferimenti su contenuti basilari di tutto un lavoro in cui si trattano argomenti fondanti e fonte di controversi pareri. In fondo il vero scopo ne sono proprio queste PROPOSTE di diversificate INFORMAZIONI: consiglio quindi a tutti di non trascurare, anzi di aprire sovente, le pagine dedicate esclusivamente ai LINK sia ITALIANI  che INTERNAZIONALI.

Mentre il sito è unitario e i vari file - italiani e inglesi - vi si trovano affiancati, non tutti i capitoli nelle due lingue si corrispondono: il contenuto di ciascuno file/capitolo non è per lo più in esatta traduzione, poiché possono differire anche molto per la presenza - o meno - di rimandi, bibliografie e citazioni.
 "Ospitati" ad arricchire l'insieme con riferimenti di contenuto e bibliografici estesi ed aggiornati sono i - cliccatissimi - file/capitoli Che cos’è il ‘lavoro emozionale’?, e What is 'Emotional Labour’?, in cui pagine di teoria socio/economica e umanistica vengono a da correlarsi con le altre d'impronta più pragmatica su fatti concreti. Alcuni file/capitoli non si trovano nell'edizione inglese, ma DUE differenti - importanti e fondanti - si trovano soltanto ciascuno in uno o nell'altro libro: Imbroglio è il contrario di sviluppo e TOTEM AND TABOO REVISITED: awful and fertile rise of new superstitions: e se sono  ben diversi come testo, risultano complementari, integrando e confermando entrambi - da differenti punti di vista e argomenti - essenziali propositi e concetti di base; per questi motivi sarebbe opportuno poter leggere entrambi i libri e sopratutto questi DUE capitoli che si costituiscono - in generale - come punti chiave, ma che possono venir considerati - in particolare - come completamenti della parte polemica di Consapevolezza e memoria a sua volta da integrarsi con la differente bibliografia di Consciousness and memory.

Ma qui si apre il tema delle antitesi e delle controversie necessarie: con scientifica imparziale obbiettività in Quando la cartella clinica è terapeutica... che si pone come risposta ad una serie di controversie precedenti, attuali e probabili in futuro: mentre controversie esplicitate con amarezza si snodano nei file/capitoli Opinioni o peggio accuse e Opinion, fact, complaint strettamente collegati a file ed argomenti antesignani dei quali sono i file/capitoli Delgado & Skinner e la sua appendice: l'intervista (in inglese) Psychocivilization and its discontents. Opinioni, fatti, accuse, Opinion, fact, complaint, TOTEM AND TABOO REVISITED: awful and fertile rise of new superstitions in parallelo con IMBROGLIO E' IL CONTRARIO DI SVILUPPO. Da: 'La violenza contro il bambino' a 'Tempo di mutamenti' e 'La meglio gioventù' ed anche con Cosa ho in comune io con gli schiavi? Piero, Ada e la scuola della libertà esplicitano in italiano e in inglese questa prospettiva polemica ciascuno in uno o nell'altro libro: ben diversi come testo e citazioni, importanti e fondanti e complementari per significato intrinseco, integrano e confermano essenziali fatti, propositi e concetti di base presentati da differenti punti di vista e esplicitati con ben differenti disamine di fatti e circostanze. Fondamento di questo lavoro è da tutti i possibili punti di vista il concetto di infanzia nei suoi valori intrinseci, in opposizione a quanto propugnano autori come Wirehead Hedonism versus paradise engineering soprattutto nel libro di José Miguel Rodriguez Delgado Physical Control of the Mind citato anche nel sito omonimo: Physical Control of the Mind:
Suggeriamo che il prezzo della felicità universale sarà il sacrificio delle più santificate parole-d'ordine scibbolet -  della nostra cultura: Maternità, Home, Famiglia, Libertà e persino Amore, dalle quali deriva un'insipida felicità non meritevole di questo nome. Il solo evocarla ci produce disagio e disgusto.

motherhood in monkeys Qui entrambe le madri scimmie - Rosa e Olga - mostrano un comportamento teneramente materno: abbracciano, curano, e allattano i loro piccoli - Roo e Ole.
perdita dell'istinto materno Invece la radio-stimolazione per dieci secondi nel mesencefalo scatena una risposta rabbiosa, autolesionistica e di abbandono del piccolo Roo. Nei dieci minuti successivi Rosa ha perso ogni materno interesse: trascura le affettuose richeste di Roo, che cerca rifugio presso l'altra madre. Rosa succhia il suo piede e continua a ignorare suo figlio.
...it is suggested that the price of universal happiness will be the sacrifice of the most hallowed shibboleths of our culture: MOTHERHOOD, HOME, FAMILY, FREEDOM, even LOVE.
The exchange yields an insipid happiness that's unworthy of the name. Its evocation arouses our unease and distaste.
[Suggeriamo che il prezzo della felicità universale sarà il sacrificio delle più santificate parole-d'ordine - scibbolet -  della nostra cultura: Maternità, Home, Famiglia, Libertà e persino Amore, dalle quali deriva un'insipida felicità non meritevole di questo nome. Il solo evocarla ci produce disagio e disgusto.]

Chapter 16: Inhibitory Effects in Animals and Man



Il significato reale di uno strumento come la parola consiste infatti - o almeno dovrebbe consistere (?!?) - nel trasformare cose, fatti, situazioni di qualsiasi genere - comprese le emozioni stesse - da concreti inconsapevoli in astratti condivisibili; per rendere le imprecise, "pesanti" concretezze delle variazioni biochimiche e biofisiche corporee in immateriali ma agevoli percorsi di espressione e di reciprocità, interscambiabili, ed anche concretamente puntualizzabili e memorizzabili, cioè conservabili nel tempo. Scopo della parola, scopo effettivo anche se spesso disatteso è - o meglio: sarebbe (!) - quello di dare il nome alle cose e così restituire loro - partendo paradossalmente da questa nuova base astratta - una rinnovata precisabile concretezza.

Come riassunto e conclusione: i punti chiave degli scopi e dello stile e forma di questo lavoro. Nel Dizionario dei Sinonimi e contrari di Niccolò Tommaseo non si trova il termine 'Sviluppo' come tale ma lo si rintraccia solo nel lemma 2327 come contrario di Imbroglio.
Lemma 2327:
'SVOLGERE, SVILUPPARE': Si svolgono le cose volte o rinvolte, si svolgono i germi della vita; si sviluppano le inviluppate. Là dove non è inviluppo o viluppo, ivi sviluppare non ha luogo proprio.
Lo sviluppare è meno facile dello svolgere... Nel viluppo c''entra spesso mala intenzione. l'imbroglio può essere effetto pur di poca accortezza, di mente disordinata.
IMBROGLIO. Imbroglio significa non solo disordine ma confusione, ciò che imbroglia fa più che imbarazzare, non solo rallenta le operazioni ma le difficoltà, o mescola le cose in modo da non ne trovare il bandolo di leggieri...
Tutto ciò che ha vista di cosa involuta o sospetta, o comechessia non piacevole si suole chiamare imbroglio...
Imbroglio da ultimo vale: frode tramata per ingannare o danneggiare altrui....
La concezione psicosomatica unitaria rimanda alle origini stesse della medicina, richiamando il mito di Asclepio, istruito e allevato dal centauro Chirone: e il centauro è un essere metà bestia e metà uomo, cioè corpo e mente riuniti

Ma metà bestia e metà uomo era anche il Minotauro; quando si gioca con i miti bisogna fare attenzione a scegliere quello giusto.
Prima di tutto è da chiarire un concetto usato in modo traslato e metaforico, e spesso mistificato: la sublimazione. In chimica-fisica - e già molto prima: nell'alchimia - si parla di sublimazione reversibile di passaggio: sublimano le sostanze che semplicemente passano dallo stato solido a quello gassoso (e viceversa!) secondo un equilibrio ben definibile al variare dei parametri di pressione, temperatura, volume.
E il concetto psicodinamico non è sostanzialmente diverso: le variazioni ritmo biochimico del corpo si traducono - andando dal concreto verso il più "astratto" - in BISOGNI, in stimoli, in ISTINTI, ma anche in stati d'animo, in modi di pensare da cui in comportamenti ed azioni in catena senza né soluzioni di continuità né salti di qualità che va dalla vita del corpo vegetativo fino al gioco e persino alla scienza ed all'arte. E questa catena, come i corpi chimici, può
  1. sia espandersi verso spazi sempre più vasti che così riceveranno l'impronta del soggetto (dal semplice "gioco" fino alle "creazioni" dell'arte),
  2. sia restringersi, comprimersi sempre più: fino ad esempio i casi-limite molto più diffusi di quanto non sembri in cui le mancanze si riducono a non venir neppure più percepite come bisogni: il troppo affamato non "sa" neppur più di "avere fame".
Permettendo alle sensazioni, emozioni, stati d'animo di riconoscersi in vissuti esperienziali e di esprimersi con il loro vero completo contenuto diviene possibile abbinare ogni dato al suo esatto nome e trasformare gradualmente ogni condizione inconsapevole in vissuta accettabile e condivisibile esperienza.


..
.verbalizzando si concettualizza
 e concettualizzando si appropria l'esperienza sul piano intellettuale.
E, scrivendo, si precisano nel tempo i percorsi.

Ma come in un linguaggio parlato privo dell'accompagnamento di emozioni espresse a sottolinearne il contenuto, senza l'utilizzo di mezzi che riescano a proporne le variazioni ogni interscambio perde grandi quantità di informazione: questo è il significato VOLUTO dell'introduzione nel testo di immagini, differenti caratteri grafici in differenti  colori e con una grande abbondanza di rimandi: e così pure per restituire anche allo scritto la varietà delle tonalità emotive in visibile movimento sono considerate necessarie le ripetizioni di aforismi e illustrazioni e di interi paragrafi in differenti contesti. E qui si viene ad un punto chiave di questo capitolo introduttivo: i vocaboli o proposizioni sottolineati e di colore azzurro rimandano a link attivi in rete costituendo dinamiche e aggiornate BIBLIOGRAFIA e INDICE ANALITICO di libri che sono SUBORDINATI ad un sito Web a cui far riferimento per cui - in subordine al dinamico sito -  anche testi stampati pavvalersene momento per momento analogamente ai percorsi dei cerchi concentrici in entrata e in uscita dello schema.

Indice ragionato del sito non completamente rispecchiato nel libro.

Parte prima: origini culturali
Ed ora si può dar un'occhiata ai files in italiano dai quali iniziare la navigazione, a partire dai file di contenuto autobiografico:
logo iniziale del Centro Gobetti

Cosa ho in comune io con gli schiavi? Piero, Ada e la scuola della libertà
(Da una conferenza a un importante Convegno nell'ambito delle manifestazioni per il Centenario Gobettiano all'Università degli Studi di Cassino Facoltà di Lettere e Filosofia 21-23 novembre 2001: Piero e Ada Gobetti: due protagonisti del storia e della cultura del Novecento. (cap. 1)

(Da confrontarsi e ampliarsi con il file/capitolo in cui lo studio del fondamentale concetto di TEMPO viene spiegato in modo approfondito: Quando la cartella clinica è terapeutica (cap. 2)
A cui far seguire il ben diverso, ma collegato e consequenziale file/capitolo derivato dalla sgradevole polemica espressa nella Lettera aperta e tempo di mutamenti: IMBROGLIO E' IL CONTRARIO DI SVILUPPO. Da: 'La violenza contro il bambino' a 'Tempo di mutamentiì e 'La meglio gioventù' (cap. 3) ed al - ancor più polemico: Opinioni, fatti, accuse e Opinion, fact, complaint (cap. 4)

Spiegazioni tranquillamente descrittive corredate da informazioni e chiarimenti in: campo giochi al ValentinoPresentazione (cap. 5)

Per una crescita libera




basi teoriche... guide... organizzazioni... (cap.
6)


mille lire
le casalinghe sono manager
Commenti e considerazioni riguardanti i files/capitoli che rimandano ai libri presentati:

LIBRI ...Adulti di oggi ---> adulti di DOMANI... (cap. 7)
Recensione
(cap. 8)Pubblicata sulla rivista LN - LIBRI Nuovi - ora non più in rete - n° 8- Inverno 98
copertina "Infanzia: tempo di mutamenti"

Parte seconda: Bambini e adulti

Questo sito web è stato concepito per presentare due libri: strettamente connessi tra di loro, ma NON in modo così intrinseco da poter rappresentare un "primo" ed un "secondo" volume sotto lo stesso titolo. Infatti -  proprio per evidenziare la loro specularità - sono molto diversi persino nello stile, addirittura nel trattare talvolta lo stesso argomento ma dai lati opposti - dalla parte degli "adulti di oggi", che sono proprio i "bambini di ieri"
 e dalla parte dei "bambini di oggi"

   cioè degli "adulti di domani
"

copertina libro
INFANZIA: tempo di MUTAMENTI (cap. 9)
Infanzia tempo di mutamenti: INDICE
Alcuni di queste pagine sono capitoli tratti direttamente dal libro INFANZIA: tempo di mutamenti: ma, come files e quindi come capitoli del libro tratto dal sito, richiedono di venir posti a integrazione di altri contesti. Anche se trattano direttamnte di fatti accaduti nell'infanzia il Brutto sogno e il suo Documento originale sono piuttosto pertinenti come argomentazioni alla Parte Quarta del libro: Emozioni, memoria -> saggezza.
Parte terza: La casa e i suoi abitanti
Pur essendo un capitolo del libro INFANZIA: tempo di mutamenti,  Dalla famiglia preistorica alla  famiglia utopistica (14) si adatta meglio a venir posto in questa Parte terza - La casa e i suoi abitanti, come pure strettamente collegati ne sono alcuni files/capitoli esterni ospitati quali:
Dieci buoni motivi per rispondere al pianto del bambino (Appendice 1 di Infanzia)

 Come 'VIZIARE' il bambino (Appendice 2 di Infanzia)

Infanzia: eziologia e trattamento (cap. 10)

Una vita che non si individua è una vita sprecata (vedi in Infanzia)
E altrettanto dicasi dei documenti ufficiali sulle problematiche dell'infanzia e della famiglia:

Tutela e sostegno della maternità e della paternità
(cap. 16)

 Convenzione ONU sui diritti delle bambine e dei bambini (cap. 17)

 Micronidi o nidi familiari (cap. 18)
Per giungere infine all'essenziale:
Le casalinghe sono manager
INCIDENTI DOMESTICI Legislazione e Infortuni (cap. 12) 
DAL SUBLIMATO AL CONCRETO: scherzando su 'lavoro e psicosomatica'

(cap. 13)
 Dalla famiglia preistorica alla  famiglia utopistica (cap. 14)
 Raccontini (cap. 15)
 
Parte quarta: Emozioni, memoria -> saggezza
E' molto importante il file sulla "memoria": impostazione sintetica e globale del principio filosofico Consciousness and memory

Consapevolezza e memoria
(cap. 19)
(che potete anticipare dal link: Tutti i grandi sono stati bambini una volta)

Un brutto sogno: una bambina e un'incubatrice, esperienza dalla nascita (cap. 20)
Documento originale del sogno
ed esemplificato - già dal titolo stesso - in
L'importanza dei ricordi, delle emozioni e delle idee sul futuro
a cui si attiene tutto questo lavoro, e il suo parallelo in inglese, che se ne differenzia nella bibliografia e nelle citazioni: (cap. 22)

NON NEL LIBRO:

 Presentazione.ppt come pure sono stati aggiunti Power Point ospitati per illustrare meglio il concetto di TEMPO GIORNATA.pps: la vita è corta anche per coloro che passano il tempo trovandola lunga...
Danza lenta.pps
e - come raccordo con la Parte successiva -  un pdf tratto da un altro sito per documentare fatti gravissimi, testimonianze e possibili recuperi ESPERIMENTI SU BAMBINE/I.pdf

A questi dati ottimistici vanno però affiancati dati e fatti che evidenziano prospettive contrarie
Basta un poco di zucchero e la pillola va giù... (cap. 23) Delgado & Skinner (cap. 24) La legge Regionale contro l'Elettrochoc (cap. 25)
(riassunti e commentati nelle citazioni e nelle polemiche dei files/capitoli della Parte prima: IMBROGLIO E' IL CONTRARIO DI SVILUPPO. Da: 'La violenza contro il bambino' a 'Tempo di mutamenti' e 'La meglio gioventù' (cap. 3) Cosa ho in comune io con gli schiavi? Piero, Ada e la scuola della libertà, (cap. 4)
e in fondo ritrovati nella vera e terribile testimonianza - Una vita che non si individua è una vita sprecata - come indirette conseguenze di preoccupazioni non oziose o troppo pessimistiche.)

Mentre nel file/capitolo della Parte Prima
: Quando la cartella clinica è terapeutica (cap. 2) spiegazioni scientifiche approfondite offrono informazioni dettagliate su comunicazione e rapporti, su emozioni e istinti, su salute e malattia correlati strettamente con il grande concetto di TEMPO, concetti "scientifici" possono venir illustrati anche con rappresentazioni metaforiche e persino con allegri fumetti: Dal corporeo al sublimato "DAL SUBLIMATO AL CONCRETO": scherzando su "lavoro e psicosomatica" (cap. 13).
In questo file/capitolo l'ampliamento di queste illustrazioni metaforiche in Rete viene esemplificato con più evidenza dalla possibilità di animazione.
  Prospetto e schema del movimento delle "sublimazioni" nelle due direzioni:
sublimazioni: prospettoschema del movimento ciclonico
Dal corporeo al sublimato (vedi libro Infanzia...: pagina 51 e Le faccende domestiche... pagina 40) Mentre lunghe spiegazioni teoriche vengono non solo esplicitate, ma anche metaforizzate illustrandole in modo scherzoso tramite i personaggi di un famoso fumetto nel file/capitolo:
DAL SUBLIMATO AL CONCRETO: scherzando su 'lavoro e psicosomatica' (cap. 13)


Parte sesta: bambini da vari punti di vista

...un po' di amaro umorismo: Infanzia: eziologia e trattamento (10)
in cui i bambini vengono considerati solo come "adulti difettosi" e come creature  corte, chiassose 

... e il suo simpatico contrario:
Per una crescita libera (in edizione italiana a tiratura ridotta
 Distributore esclusivo: Libreria Editrice Cortina Torino)
Per una lettura in italiano più estesa ed aggiornata vedi : Emmi Pikler Datemi tempo ed. Red/Redazionale. (esaurito)
(Autrice dei disegni - i bambini piccolissimi nelle varie posizioni - è Klàra Papp



L'importanza di non interferire nella libertà di movimento dei bambini fin dal primo anno di vita

Le illustrazioni sono state tratte dal libro di
Emmi Pikler Per una crescita libera: autrice dei disegni - bambini piccolissimi nelle varie posizioni - è Klàra Papp

(Vedi anche i collegamenti con il Metodo Feldenkrais.)

Segnalazione e raccomandazione di links interni significativi e correlati agli argomenti trattati.





Links italiani



Aldo Capitini


Come il babbo non ce n'è


Dalla famiglia preistorica alla  famiglia utopistica


Dal corporeo
al sublimato
... e vice versa

Consapevolezza e Memoria


Un brutto sogno:  una bambina e un'incubatrice

Basi teoriche...guide...
organizza
Basta un poco di zucchero e la pillola va giù... Mary Poppins
Cosa ho in comune io con gli schiavi? Piero, Ada e la scuola della libertà
Che cos’è il ‘lavoro emozionale’?
DAL SUBLIMATO AL CONCRETO: scherzando su 'lavoro e psicosomatica'
Quando la cartella clinica è terapeutica
Imbroglio è il contrario di sviluppo. Da: 'La violenza contro il bambino' a 'Tempo di mutamenti' e 'La meglio gioventù'
Tutela e sostegno della maternità e della paternità
La Legge Regionale contro l'Elettrochoc
Armonia e Benessere
Armonia e benessere: presentazione sito
Recensione
Convenzione ONU sui diritti delle bambine e dei bambini L'importanza dei ricordi, delle emozioni e delle idee sul futuro
Raccontini
NOTA: Questo sito verrà di continuo revisionato: sono gradite critiche e segnalazioni
 dategli quindi un'occhiata ogni tanto per seguirne gli aggiornamenti.
Mi raccomando: non dimenticate i files in più probabile, frequente rinnovamento: Consapevolezza e memoria, ...dagli adulti di oggi agli adulti di domani..., Le faccende domestiche, Infanzia: tempo di mutamenti, Presentazione, Basi teoriche, Imbroglio è il contrario di sviluppo,
Link italiani e links internazionali Per la serie dei file in INGLESE / for English translated files:
andate alla / go to Home page Inglese

Per disporre di documenti ufficiali sulle problematiche dell'infanzia e della famiglia
Tutela e sostegno della maternita' e della paternita' (16) Convenzione ONU sui diritti delle bambine e dei bambini (17) Legislazione e infortuni (12)

Riassunto indice libro

Parte prima: origini culturali 

1) Cosa ho in comune io con gli schiavi? Piero, Ada e la scuola della libertà

2) Quando la cartella clinica è terapeutica...

3) IMBROGLIO E' IL CONTRARIO DI SVILUPPO. Da: 'La violenza contro il bambino' a 'Tempo di mutamenti'e 'La meglio gioventù'

4) Opinioni, fatti, accuse
 Opinion, fact, complaint

5) Presentazione

6) Basi teoriche... guide ... organizzazioni

7) LIBRI ...Adulti di oggi ---> adulti di DOMANI...

8) Recensione Pubblicata sulla rivista LN - LIBRI Nuovi - ora non più in rete - n° 8- Inverno 98

Parte seconda: bambini e adulti

9) INFANZIA: tempo di mutamenti
Infanzia tempo di mutamenti: INDICE
Come il babbo non ce n'è... (vedi nel libro in: raccontini)

Appendice 1) Dieci buoni motivi per rispondere al pianto del bambino  
Appendice 2) Come 'VIZIARE' il bambino

10) Infanzia: eziologia e trattamento

Parte terza: la casa e i suoi abitanti

11) Le FACCENDE DOMESTICHE. Ergonomia e psicologia di un VERO lavoro
LE FACCENDE DOMESTICHE. Ergonomia e psicologia di un VERO lavoro: INDICE
 
12) INCIDENTI DOMESTICIe Legislazione e Infortuni

13) 'DAL SUBLIMATO AL CONCRETO': scherzando su "lavoro e psicosomatica"

14) Dalla famiglia preistorica alla  famiglia utopistica

15) Raccontini

16) Tutela e sostegno della maternita' e della paternita'

17) Convenzione ONU sui diritti delle bambine e dei bambini

18) Micronidi o nidi familiari

Parte quarta: Emozioni, memoria -> saggezza

19) Consapevolezza e memoria


20) Un brutto sogno:una bambina e un'incubatrice, esperienza dalla nascita
Documento originale del sogno

21) Che cos’è il ‘lavoro emozionale’?

22) L'importanza dei ricordi, delle emozioni e delle idee sul futuro

(vedi in Infanzia:Tempo di Mutamenti Una vita che non si individua è una vita sprecata

Parte sesta: prospettive contrarie

23) Basta un poco di zucchero e la pillola va giù...

24) Delgado & Skinner
Psychocivisation and its discontents
25) La legge Regionale contro l'Elettrochoc

Parte settima: LINKS

26) Links Italiani

E qui una serie di siti e links esterni di utile consultazione Links esterni, "amici speciali" e presntazione libri

Logos non solo paroleper tradurre da e in molte lingue


Come fare per: Cambio nome e cognome, Cambio cognome e nome
Informazioni generali: Come ottenere l'autorizzazione al cambio o alla modifica del nome e/o del cognome   
Cambio cognome e nome per maggiorenni
Come ottenre l'autorizzazione al cambio o alla modifica del nome e/o del cognome.
Cambio cognome e nome per minori (anche se adottati)
 
per molte possibilità e per ricerche bibliografiche e cinematografiche.



Segnalazione diretta di alcuni siti "amici"

scambio di sguardi
Le esperienze
era un bellissimo  sito che ora non è più attivo. Vi si suggerivano letture e links; vi si trovava uno spazio in cui esprimersi e dialogare tra genitori  con informazioni su allevamento e non solo

Image of Innocenti Building. Florence, Italy.
LA PAGINA
DELL'ALLATTAMENTOMATERNO
(mailing-list) MAMI- Movimento allattamento materno italiano - World Alliance for Breastfeeding Action
(WABA)
ANEP

ANEP


Associazione italiana, scientifica e giuridica, contro gli abusi mentali, fisici e tecnologici

Pagina scientifico-medica
Malattie rare in offerta speciale

Presentazione libri:

PDF scaricabili
Nota: il file o i file file suddetti potranno essere duplicati o riprodotti su supporti elettronici, cartacei o di qualsiasi altro tipo e distribuiti liberamente, a due condizioni.
1) Il libro, qualsiasi sia il supporto, dovrà essere assolutamente integro e completo sia nel testo che nella grafica; ogni modifica, soppressione, aggiunta di qualsiasi tipo faranno decadere il permesso di duplicazione e faranno automaticamente ricadere nei reati previsti a tutela del diritto di autore.
2) L'eventuale distribuzione dei duplicati, qualsiasi sia il supporto, dovrà essere fatta esclusivamente a titolo gratuito. Eventuali operazioni commerciali dovranno essere concordate con l'autore.

Libri in PDF scaricabili



originale della copertina del libroAnna Abbiate Fubini  Infanzia: tempo di mutamenti
Per una crescita libera
Per una crescita libera
(in edizione italiana a tiratura ridotta
Distributore esclusivo: Libreria Editrice Cortina Torino
Via Ormea 69 10125 Torino (ITALY)
Tel: 0039 0116507074 / 00390116508665
Fax: 00390116502900)
Per una lettura in italiano più estesa ed aggiornata vedi:
Emmi Pikler Datemi tempo ed. Red/Redazionale. (esaurito)
(Autrice dei disegni - i bambini piccolissimi nelle varie posizioni - è Klàra
Pap)


Prima edizione:
Elena Morea EditoreVia Giovanni Carlo Brugnone, 12  10126 Torino
 Tel/Fax 011 6504187 e-mail: elena.morea@elenamorea.it

Create-Space
From children of  YESTERDAY to adults of  TOMORROW
is print-ready in the BookSurge system and will be available for purchase on Abebooks, holding also all our books - and in www.Alibris.com and also on Kindle. More easy for European people, at Cortinalibri.it. The book endorses this page as chapter 4.



childhood and development

webster

oppure / or also the Collins Dictionary

 
Per accogliere le richieste di una più agevole lettura, i testi di questo sito sono stati - anche - trasferiti in un LIBRO: Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi -> adulti di domani
va alla CASA EDITRICE per la seconda edizione.
Cortina Torino
via Ormea 69 10125 Torino (ITALY)
Tel: 0039 0116507074 / 00390116505228
Fax: 00390116502900
giuliana@cortinalibri.it valentina@cortinalibri.it
The page mirroring this one can be reached not only as file but also as chapter of the derived English book -From children of  YESTERDAY to adults of  TOMORROW, both books at hand on Abebooks.com,. More easy for European readers to order Cortinalibri.it

Create-Space
From children of  YESTERDAY to adults of  TOMORROW
is print-ready in the BookSurge system and will be available for purchase on Abebooks, holding also all our books - and in www.Alibris.com, and also on Kindle. More easy for European people, at Cortinalibri.it. The book endorses this page as chapter 4.

SITEMAP.xml
SITEMAP_IMAGES.xml
SITEMAP_VIDEO.xml
SITEMAP_NEWS.xml


Peacock Media: Easily find your website's broken links.Online Broken Link Checker


Tutti i links sia interni che esterni sono costantemente monitorati.
As every other file of this site, the review of links is continually up-dated






MONITORAGGIO dei link afferenti al sito - e alle sue singole pagine
WATCH the outbound links toward site - and its inner pages.