All material on this website is protected by copyright, This website also contains material copyrighted by 3rd parties.

Consapevolezza e memoria


20 febbraio 2017




Motore di ricerca del sito / Site Search Engine


Licenza Creative CommonsProtected by Copyscape Web Copyright Protection Software

SITEMAP


Indice interno:


QUARTA DIMENSIONE
Il concetto dell' ESSERE appartiene di diritto alla FILOSOFIA, come pure l'altro fondamentale e più esteso principio: l'essenza del TEMPO, dei cambiamenti, delle evoluzioni, in sostanza della QUARTA DIMENSIONE di tutto ed ancor più degli esseri viventi.
Da qui ogni fatto e soggettivamente ogni momento della vita si trasferisce nella MEMORIA e nel suo materializzarsi - consapevole - in continua rinnovata ESPERIENZA.
diverse età: maschi, femmine, cani e gatti
 
(*) Albert Einstein e la quarta dimensione
Un aneddoto che forse non è realmente accaduto, ma che è comunque molto istruttivo.
Un vecchio indovinello geometrico riproposto sotto forma di aneddoto nel libro di Maria Toffetti, spiega con facilità il concetto di quarta dimensione, troppo spesso non accettata o relegata a fumoserie irrazionalistiche, un concetto invece che sembrerebbe ovvio sia sul piano generale sia e tanto più sul piano delle esistenze degli esseri viventi.
Anche Albert Einstein si occupò di tetraedri: a un convegno, criticato per la sua inattesa concezione di uno spazio-tempo a quattro dimensioni, chiese ai colleghi di costruire quattro triangoli equilateri con sei stuzzicadenti. Nessuno dei presenti riuscì a posizionare su un piano gli stuzzicadenti per formare i triangoli richiesti, il che è appunto impossibile. Allora Einstein costruì un tetraedro con i sei bastoncini e commentò: "Se non sapete usare la terza dimensione, che sperimentate tutti i giorni, come sperate di capire la quarta?"

Presupposti

Come nel sito, in questo volume - dedicato alle possibilità di ricordare e trasmettere pubblicamente i ricordi, presupposto base è l'importanza della consapevolezza memorizzabile: per questo il fondamentale capitolo Quando la cartella clinica è terapeutica... Dare ai ricordi una specie di seconda vita? si presenta molto differente dal file in rete - addirittura sdoppiato in un secondo capitolo Medicina: scienza applicata e multidisciplinare: Emozioni, istinti, ricordi, contraddizioni. Mentre, a documentare la realtà di ricordi coscienti anche precocissimi, accanto a Un brutto sogno. Una bambina e un'incubatriece e altre esperienze precocissime, che descrive situazioni di "vita normale", da un altro sito e libri deriva un capitolo - ESPERIMENTI SU BAMBINE/I - costituito da dati e testimonianze di prima mano a comprovare sia l'esistenza di una connaturata incancellabile memoria corporea, sia dei potenti ritorni in flash-back, sia anche di resilienza e guarigione da vicende traumatiche gravissime attravrso la riacquistata MEMORIA e capacità di RENDER NOTI fatti magari criminosi subiti.

  • La vita è breve, l'arte lunga. l'esperienza ingannevole, il giudizio difficile... (Ippocrate)
  • Un fatto smentisce cento teorie, cento teorie non smentiscono un fatto... (Popper)
  • Chi è colto si adoperi per dissipare ogni tipo di tenebra, e render così palese l'occulto, far consapevole e chiaro il taciuto e furtivo. In sanscrito la parola GURU significa GU=oscurità o ignoranza e RU=luce (Upanishad)
  • Discepolo è "colui che sta imparando" e mette alla prova la propria istruzione tramite una disciplina = "modo e regola dell'insegnare": anzi è chi accetta la "disciplina" come tramite per correggere i  PROPRI errori

  • "Scientia potentia est": "Knowledge is power" = la "conoscenza è/dà Potere"?
  • "Scientia potentia est": ma che Prezzo ha un Potere di "seconda mano"?
  •  "Seguace = accolito o proselito" = è chi si appropria di qualcosa che appartiene a qualcun altro: è chi usa il suo "proselitismo" per impadronirsi di qualcosa che non gli è proprio.
  • Il sonno della ragione genera mostri?
il sonno della ragione


La figura china è avvolta da otto gufi, innumerevoli pipistrelli, un gatto nero e la la lince. Solo la lince ai piedi dell'artista rappresenta la positività: Goya ci avverte di rimanere all'erta così come è la lince, a causa dell'eccellente vista capace di penetrare nell'oscurità, perché durante il sonno non possiamo difenderci dai vizi, rappresentati dagli animali che gli stanno intorno. . . e un gatto nero che mimetizzato nell'oscurità rappresenta la pigrizia e la lussuria.
(Citazione tratta dal catalogo 119 Galleria Salamon pag. 43).

Da osservare l'animalità lungimirante della lince espressa nello sguardo - attento, perplesso, preoccupato - e la falsa intelligenza che trapela dagli occhi - furbetti o falsamente ingenui - dei gufi, o da quelli - malevoli - del gatto nero seminascosto dietro il dormiente.





El sueño de la razon produce monstruos.... Francisco de Goya y Lucientes Caprichos 43  1797  (El Prado  Madrid) che si legge sul "grabado".
Il commento del Maestro, conservato al Museo del Prado di Madrid, riporta, a proposito di questa tavola:
La fantasia abbandonata dalla ragione produce mostri impossibili: con essa è madre delle arti e origine delle sue meraviglie.

43. El sueño de la razón produce monstruos. En la parte anterior de una mesa situada a la izquierda del grabado se lee el titulo del capricho.
P. La fantasía, abandonada de la razón, produce monstruos imposibles; unida con ella es madre de las artes y origen de las maravillas.
BN. Portada para esta obra: cuando los hombres no oyen el grito de la razón, todo se vuelven visiones.

Il trascorrere del tempo e la sua rappresentazione

Ho scoperto che anche il ripasso è fondamentale. In fondo, quando ricordiamo, ripassiamo, ripercorriamo, ritorniamo.
Mi rendo conto che, anche sul piano personale, ho vissuto a lungo su quella superficie di me stesso che è l’adesso, il presente, per lo più insaporito dal gusto inebriante del futuro. Lasciando stratificare nell’oblio il mio passato. Mi sono anche vantato di questa mia capacità di far passare il passato. Mi sembrava perfino un dono non avere radici, legami, prigioni… Mi sono cimentato nel proposito creativo di Nietzsche di ricreare il passato agendo sul presente…
 
Scrive lo stesso autore chiedendosi se invece non fosse meglio: ... poter dare ai ricordi una specie di seconda vita...
E così indirettamente risponde un altro interlocutore:
Io credo una cosa, e forse non mi sbaglio. In qualche modo è come se, una volta attivato l'orologio del presente, stia andando indietro seguendo una modalità non lineare, che non prevedo e non comprendo, nel tentativo di far ripartire l'orologio del passato. E la cosa è molto complessa, dolorosa ed impegnativa.

Memoria nell'accezione più comune del termine è la continuativa facoltà di richiamare alla consapevolezza attuale, in modo più o meno agevole e veloce, dati di ogni genere nelle cosiddette memorie a breve, a medio, a lungo termine. Pur se non sempre immediato e riattivabile in modo preciso, e soprattutto indipendentemente dal tempo trascorso, l'accezione più comune che si dà al termine Memoria indica quasi soltanto questa facoltà di poter dare ai ricordi una specie di astratta seconda vita, di rispecchiare in forma simbolica - al di là del tempo - quanto è accaduto e quanto vi è stato comunque depositato e archiviato.
Ma MEMORIA non è solo "ripasso": Memoria è un "valore" a se stante, memoria è l'ordito della "struttura portante" dell'INTEGRITA' dell'individuo, dello "spessore" della personalità, della assoluta biologica congruenza interiore ed anche del suo esistere affettivo e sociale e "storico" attraverso i ricordi propri e altrui. Infatti iin concreto memoria è fondamentalmente un gigantesco, diffuso "deposito disponibile" in cui ogni istante di esperienza viene conservato con una precisione estremamente superiore a quanto la lentezza del pensiero e della percezione coscienti preconscio  questa "biblioteca circolante" enorme e sempre più estesa in funzione del trascorrrere delle età, sovraccaricantesi di una "enormità" di dati accumulati con estrema precisione: ma se si risolve nella base della SAGGEZZA - contribuisce però anche al manifestarsi con l'età di certi apparenti difetti o piuttosto "incertezze" non dovuti a decadimento - ripeness is all - che compaiono via via con il procedere e ampliarsi in progeressione incommensurabile di una riccamente vissuta "quarta dimensione" individuale su di una base non solo di freddo, "nozionistico" riassunto "mentale".  possono illudersi di conoscere e far conoscere. Può venir anche chiamata
Concetto psicosomatico [che] utilizza la tecnica del doppio binario di comunicazione psichica e corporea ...
Il corpo ha diverse forme di memoria... Esistono atti non-consapevoli ... Ma è vero anche che noi di quegli atti non abbiamo memoria (intesa come il ricordo che ci diciamo) se non come memoria corporea.

Non tutto è però "positivo": i ricordi - come "consapevolezza" - se sostanziano il "segnale" della CONTINUITA' di ogni esistenza, ne marcano anche il "segnale" della PRECARIETA' e, nella loro completezza, possono riattivare in ogni momento non sopportabili sofferenze, difficoltà e trasformare i fatti in auto-inganni.

Di norma già fin all'inizio di una sana pre-adolescenza i giorni, le settimane, i mesi, gli anni cominciano a "correre" sempre più in fretta sempre più compattando la strutturazione delle esperienze, dando come criterio di evocazione il primato non alla cronologia ma alle sensazioni ed emozioni. Verso la maturità nelle modalità del ricordare si allontana sempre più il testuale e cronologico e unilaterale "ripetere a memoria", mentre si attiva sempre meglio - come nel "dizionario visuale" - un "multimediale" convergere e allargarsi dinamico dei contenuti.
Io credo una cosa, e forse non mi sbaglio. In qualche modo è come se, una volta attivato l'orologio del presente, stia andando indietro seguendo una modalità non lineare, che non prevedo e non comprendo, nel tentativo di far ripartire l'orologio del passato. E la cosa è molto complessa, dolorosa ed impegnativa
Ma questa differenza sostanziale non è gradita a tutti: chi non è riuscito a raggiungere il proprio autentico traguardo di maturazione della mente, anzi: dell'ESSERE; e non solo dell'essere in un suo ipotetico singolo e isolato tempo-spazio ma del vero essere immerso nel suo ambiente e nella sua Storia si induce a teorizzare una - difettosa - patologicamente statica - gestione di un non più consapevole orologio del presente con l'illusione così di superare conflittualità e problemi. Non tutti hanno avuto la "fortuna" di nascere e svilupparsi in piena salute, in un ambiente opportuno, in condizioni familiari e sociali adatte; non tutti sono - sia da bambini che in seguito - al riparo da spaventi, incidenti, traumi di qualsiasi genere: e enanche in seguito a ben pochi è stata concessa l'opportunità "resiliente" di recuperare e i danni, trasformandoli in vere ESPERIENZE. Al contrario purtroppo a molti è accaduto per caso, per impersonali circostanze avverse o per malvolere altrui di dover affrontare sofferenze e magari continuativi "grandi dolori".
Ma non solo da eventi esterni possono derivare dolori insopportabili: il carico emotivo di disarmonie difficili da sciogliere del proprio carattere, affetti in contrasto e scontri intra-familiari possomo risultare ancor più devastante di una malattia fisica, di una catastrofe, di un grave incidente.
I bambini, privati di esperienze vere, 
 elaborano fantasticherie a vuoto e compensazioni fasulle
 che ne bloccano o deformano lo sviluppo
riducendoli ad adulti immaturi incompleti o sbagliati 
 e incidendo anche sulle generazioni a venire.

La memoria, ogni forma di memoria personale o interpersonale risulta allora nemica, e ne consegue nemica la vera tempestiva consapevolezza. In modo più evidente lo si nota quando si ha a che fare con situazioni concernenti l'infanzia sia altrui che propria: quell'infanzia i cui in primo luogo vistosi "passaggi" impietosamente contrassegnano la precarietà dell'esistenza con la fuga ineluttabilmente vistosa dei giorni e degli anni.
A casa di mia sorella ho visto questa sera delle foto dei miei nipoti da piccoli. Ce n'era una di F. [ora adolescente] che avrà avuto quattro anni e che mi ha creato una turbolenza di pancia... Mi sembrava che fosse cresciuto così tanto e nello stesso tempo che quasi impossibilequel bambino non ci fosse più. Ho avuto la sensazione di ciò che mi blocca, di quello che mi fa tremendamente paura e che temo di non riuscire a sopportare. Il dolore per quel bambino "morto", quel bambino che non tornerà mai più e che in un certo senso mi sono lasciato sfuggire. Come l'ho vissuto poco, quante cose mi sono perso di lui come di me stesso. E' un dolore che porta un vuoto, un dolore che apre una voragine una specie di buco nero in cui temo di scivolare. Mi tengo così aggrappato a questo presente che mi dà sicurezza, un presente che vorrei passasse lentamente così da farmi assaporare il piacere di vivere, ed invece il tempo corre velocemente e più corre più sento che dovrò attraversare presto quella voragine per non trovarmi al termine della mia vita con in mano solo rimpianti.
E' un lutto, ... è un lutto ed un abbandono. Lei non può immaginare (o forse si) quanto faccia fatica a capire, a far capire ad una parte di me che non si possono resuscitare fantasmi ma quella parte è come se non sentisse ragioni, vorrebbe vedere ancora per una volta quel bambino, vorrebbe poterlo riabbracciare, non vuole accettare le cose come sono andate è testardo. A questo punto faccio fatica anch'io a capire chi sono, sono in gran confusione, ma forse era ora perché erano troppi giorni che giravo a vuoto. L'ho detto anche a K. stamattina che avevo la sensazione di sentirmi un "coglione", quasi nel
senso anatomico del termine
.

ripeness is all
Da una mail
... nipoti... figli... genitori... nonni...: parenti dell'umanità
La "nonnità" dà il senso della continuità dopo di noi e, sconfinando nella continuità generazionale (essendo stati figli e nipoti), consente di riconoscersi parenti nell'umanità.

GIORNATA.pps: la vita è corta anche per coloro che passano il tempo trovandola lunga...
Danza lenta.pps
Presentazione-libri.ppt

Infanzia:un mestiere difficilissimo ???

La follia è l'oblio di un grande dolore...

Deriva dal tentativo di evitare non solo un ritorno di sensazioni penose risalenti al proprio passato e di sensazioni di fallimento accumulate nel trascorrere del tempo uno dei principali motivi "banali" espressi da persone né buone né cattive, ma sfavorevoli nei riguardi dei "bambini", un motivo espresso con un fastidio che confina con l'odio e in pratica con una specie di boicottaggio contro quanto in via di sviluppo segna un "tempo" che invece di un "trascorrere". diventa una "voragine".
[In una fotografia a cinque anni] mi faccio … paura. Ho le famose “balducci” ai piedi e anche solo guardandole mi sembra di sentire il fastidio, la costrizione dei piedi, il disagio nei movimenti. Lo sguardo è quello di un possibile omicida, non c’è dubbio che in quel momento odiavo. Odiavo chi faceva la foto, odiavo mia madre, mio padre e mia sorella, odiavo … Ho trovato anche altre foto in cui iniziavo a camminare e avevo sempre un sacco di gente attorno ed ero sempre imbronciato, l’unica in cui sorridevo mi ritraeva da solo nel girello nel cortile di casa.
Mi sembrano passati secoli e ancora faccio fatica a rivedermi, a volte nemmeno riconoscendomi bambino, quasi ne fossi stupito. Infastidito nel rivedere quelle in famiglia. Ecco come mi sento, infastidito per tutte quelle mani addosso, mani che mi sembrano solo pronte a trattenermi, guidarmi, farmi fare cose che non voglio fare, tirarmi a destra o sinistra, non lasciarmi spazio, non darmi il tempo, mani inconsapevoli di avere a che fare con un essere umano, con una persona, con un bambino. Ho sempre odiato tutto questo e quell’odio ho come l’impressione che non svanirà mai perché è dentro di me, fa parte di questa storia, fa parte di me perché è ciò che provavo e il suo ricordo non potrà svanire perché per sempre saprò di avere odiato la mia famiglia. L’ho odiata per non essere stata in grado di riconoscermi e di amarmi almeno un po’.
L’essere cresciuto è stata una salvezza perché ho potuto allontanarmene, crearmi un mio spazio, un mio tempo ma andare indietro con i ricordi mi crea dolore, inevitabilmente.
I bambini che crescono - o meglio quegli sviluppi che in poco tempo svaniscono e non ci sono più - sono degli implacabili marca-tempo; questi esseri "audaci e transitori" non vogliono sentirsi trasformare in "fantasmi" di un tempo immobile e per questo rassicurante.

Il dolore per quel bambino "morto", quel bambino che non tornerà mai più e che in un certo senso mi sono lasciato sfuggire. Come l'ho vissuto poco, quante cose mi sono perso di lui come di me stesso. ... Sento come non mi capitava da molto tempo una stanchezza una assoluta indifferenza per questa vita mentre è come se dovessi essere da un'altra parte; in questi momenti sento, senza retorica, l'idea della morte come un sollievo enorme, come se a suo modo mi aiutasse a non-vivere una vita che non desidero. Periodo buio. Avrei molte altre cose da scrivere ma è come se fossero tutte ingarbugliate in una matassa disordinata e nodosa, le sento arrovellarsi nella pancia, girare come trottole, cercare una via d'uscita, cercare di dispiegarsi poco alla volta ma tutto ciò sembra difficile.
Chi sono veramente io? Quante potenzialità ho lasciato incolte a marcire poco alla volta? Cosa avrei voluto per me fin da bambino? Ma sono mai stato bambino
Non senza fatica e sofferenza si può comunque evitare di dover coltivare solo rimpianti, e ritrovare la consapevolezza della propria infanzia - e con questa dell'infanzia di tutti, ma per lo più al gigantesco, diffuso "deposito disponibile" si sottrae l'inconscio patologico in cui precipita l'inaccettato. E' stato detto - da Nietzsche nel La gaia scienza - che se ricollegarsi è sinonimo di autenticità, la vera sapienza è il ricollegarsi a quello che si sapeva già, alla propria esperienza esistenziale...: ma purtroppo di riscontro esiste anche la follia [che è] l'oblio di un grande dolore... Ma l'inautenticità non si ferma, prosegue nella sua opera distruttiva: al grande dolore e all'oblio successivo segue un progressivo ottundimentoansie se non terrori, non solo non proporzionati ma neanche collegati con ciò che sta accadendo. E tutto questo può continuare a svilupparsi, per acquietarsi semmai forse soltanto in una forma di - apparente - ulteriore, rinnovata stupidità, ultimo gradino di difesa contro una sofferenza definitivamente senza perché, o - ancor peggio - nella ricerca spasmodica di spiegazioni stravagani o di affannose, supertiziose "rassicurazioni", termine questo che richiede un perentorio commento: che brutta - quasi oscena - parola è "rassicurante", un termine direttamente  derivato da "sicurezza" un termine che semanticamente si associa di per sé a espressioni indicanti "pericolo": "Pubblica sicurezza", "cintura di sicurezza", "uscita di sicurezza" ecc.!
E' verissimo che gravi se non orrendi traumi possono aver marchiato infanzie disastrate; è verissimo che intollerabili vicende possono nascondersi nell'oblio di un grande dolore, camuffarsi in un falso tempo presente immobilizzato in false prospettive di un ipotetico utopistico o persecutorio comunque quasi sempre "smentito" da un accompagnamento incongruo e occasionale di falso futuro. Manichini di falsi adulti senza passato, cresciuti e non sviluppati vivacchiano così in una vacua ma minacciosa "nullità": ma - come ben spiega questa testimonianza - se si può essere feriti senza essere toccati, si può pure - volendolo - "curarsi" da ogni tipo di trauma e così riconoscerne i frammenti e cucirli poco alla volta insieme in una recuperabile "restitutio ad integrum" di come ciascuno "sarebbe stato".

Credo per un desiderio naturale di testimonianza, di chi, passato il guado, volge la testa indietro e con più serenità guarda il proprio passato rimesso in ordine senza acredine come un dato ormai acquisito, una storia che diventa Storia con la maiuscola e quindi merita , forse, di essere raccontata. E allora mi sono immaginato il primo giorno che ho messo piede nel suo studio come se, inconsapevolmente, mi fossi presentato con un vestito a brandelli. Un vestito che non mi andava di buttare né di cambiare con uno nuovo di zecca. E così poco per volta, minuto dopo minuto, giorno dopo giorno è stato come iniziare a riconoscerne i frammenti e cucirli poco alla volta insieme. Come un sarto attento e puntiglioso ridare dignità a quel vestito che, bello o brutto, era il mio vestito. Con il suo aiuto e con molta fatica in questi anni ha ripreso una forma e solo una volta completata l'opera potrò riporlo nel mio armadio a memoria futura. Quelle cuciture sono le cicatrici di un chirurgo, segni indelebili che ricordano un passato a brandelli ma nello stesso tempo testimonianze di ciò che sono stato. Ogni cucitura racconta uno strappo, ogni strappo una ferita mai risanata e rimasta per anni a sanguinare nel profondo. Ora è un po‚ come se lo vedessi quel vestito con tutte quelle cuciture e se per magia, anche se per un solo secondo, quelle cuciture sparissero lo rivedrei così com'era, ma sarebbe già qualcos'altro: io ero in quei brandelli, io sono oggi quel vestito un po' martoriato e niente potrà cambiare questa Storia. Io sono la testimonianza di come si possa essere feriti senza essere toccati

Memoria e testimonianza

La necessità di precisare significati e chiavi di lettura a proposito di consapevolezze recuperate richiede aggiunte metodologiche e normative e precisazioni rigorose che suggeriscono di considerare in scala discendente come valide informazioni:
  1. le osservazioni documentabili concretamente di FATTI e di OGGETTI
  2. in mancanza di meglio rappresentati da immagini (*)
  3. le testimonianze di prima mano (**)
  4. scritti di prima mano spontanei, immediati e non elaborati,
  5. filmati e registrazioni
  6. dati mediatici d'informazione diretta - non articoli di fatti "raccontati"
  7. e - molto indietro, per ultimi - i "Maestri".

  1. (*)Di conseguenza le immagini presentate si costituiscano anche come link - e come per ogni altro link -  vengano di continuo monitorate e aggiornate.
  2. (**)Le testimonianze "orali" possono venir registrate e filmate - vedi filmati italiani di un secolo fa o quelle ormai classiche sui MATTI DI GUERRA VIAGGIO IN UNA REALTÀ SCOMODA PER I GOVERNI : testimonianze che, se trascritte o riferite da terzi, perdono la loro caratteristica primaria di garantita AUTENTICITA'.
  3. Trauma e memoria: Noi dimentichiamo il corpo, ma il corpo non ci dimentica. Maledetta memoria degli organi: scrive Emile M. Cioran, Medicina: la borsa e la vita, Milano: Mondadori. (Vedi anche libri e Congressi di Bessel van der Kolk)
  4. L'AUTENTICITA' delle descrizioni di traumi anche molto gravi è facilitata invece dal fatto che per molte vittime risulta più facile esporre per scritto che a voce anche gravissime passate sofferenze.
  5. Ed appunto per meglio valorizzare queste testimonianze di PRIMA MANO, parti significative di un file riguardante "bambini" del sito dell'Associazione italiana, scientifica e giuridica, contro gli abusi mentali, fisici e tecnologici sono pubblicate negli aggiornamenti del libro Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi: in particolare in questo - Consapevolezza e memoria - come capitolo ESPERIMENTI SU BAMBINE/I
  6. vedi anche ad esempio Il corpo ha diverse forme di memoria... Esistono atti non-consapevoli ... Ma è vero anche che noi di quegli atti non abbiamo memoria (intesa come il ricordo che ci diciamo) se non come memoria corporea.
  7. Ma se i "corpi parlano", "parlano" soltanto a chi li vuol ascoltare e con tempi loro propri: non solo giorno dopo giorno ma anno dopo anno, particolare per particolare.
  8. Tipicamente questo "emergere" di sensazioni corporee e emozionali e consapevoli si rivela A MOSAICO, con lunghi intervalli in una successione del tutto meno che cronologica e lineare.
  9. Appunto per documentare questa peculiarità è opportuno citare con cura le date - autografe - delle testimonianze scritte nel loro intersecarsi in apparenza molto irregolare.
  10. Se dato tipico dei ri-vissuti è il loro ricomparire involontario e quasi inconsapevole e il loro strutturarsi poco per volta soprattutto attraverso sensazioni corporee nondimeno chi ne è "preda" può alleviarne l'impatto con scritti o disegni eseguiti come in stato di auto-trance
  11. Comunque quanto scritto è soltanto la punta dell'iceberg delle possibili documentazioni oggettivabili: dossier privati - accompagnati anche da denunce alla Magistratura - contengono i tabulati delle telefonate documentanti i momenti esatti nelle quali i "rivissuti" sono stati trasmessi NON certo come "memorie raccontate" e "preparate": ma nel TEMPO REALE del loro "emergere" sensoriale.
  12. Oltre alla scrittura mezzo eccezionalmente valido di partecipazione attiva e protettiva si rivela così la disponibilità del TELEFONO: tempestive immediate telefonate possono cioè accompagnare concretamente l'effettivo lavorio del faticoso e concentrato riemergere - e TESTIMONIARE - di contenuti altrimenti insopportabili.
  13. Il già indicato file/capitolo ESPERIMENTI SU BAMBINE/I documenta in modo diretto e per lo più autografo fatti e modi e tempi del loro affiorare e precisarsi nella memoria di chi ne è stato protagonista.
ritrovarmi maggiormente in contatto con ricordi e dolori invece che con ansie e terrori
Prima di entrare direttamente nelle più significative documentazioni, è necessaria una precisazione non discutibile riguardante la particolare categoria di ricostruzioni e esposizioni di eventi molto speciali: i FLASH-BACK, i RIVISSUTI che sono ben differenti da ogni consapevole "richiamare alla memoria": non confrontabili con quanto usualmente si considera un informante "testimoniare": anzi spesso in antitesi con il "raccontare i ricordi" (bellissima è la assolutamente spontanea metafora da parte di una paziente: sono SCIVOLATA dentro la me stessa di cinque anni.)
Cicatrici e molti altri segni corporei -
tipici i segni di fratture a vario livello di consolidamento in bambini piccolissimi maltrattati - possono "parlare" indirettamnte a chi è in grado di cercarli e riconoscerli e così - indirettamente - sono i CORPI stessi a narrare vicende passate recenti o remote - addirittura molto remote come quelle rilevabili dallo studio delle mummie egiziane. Ma in un modo diretto e vivente i CORPI stessi possono riattualizzare gravi vicende vissute in incubi personali o in irrefrenabili crisi. Nello stato sonnambulico di uno speciale dormiveglia relativamente consapevole o in piena - speciale - perdita di coscienza il corpo può mimare minuziosamente - fino alla comparsa di lesioni fittizie - le vicende che sta descrivendo nella speranza di poter magari venir aiutato a superarle con la colaborazione di spettatori capaci di credervi, senza inquinare i vissuti altrui con le proprie intempestive emozioni. Sono fenomeni ben conosciuti a proposito dei casi di reduci di guerra - "gli scemi di guerra" della prima guerra mondiale, la molto pubblicizzata attuale "sindrome post traumatica" - dal relativamente semplice PTSD alle gravi complicazioni del DESNOS. Ma non occorre esser stati soldati reduci da spaventose battaglie per aver subito traumi inaccettati la cui  lesività psicologica e psico-sociale devasta le fasi successive dell'esistenza. Per  annullare o per ovviare a queste conseguenze la via più semplice è quella di considerarle "patologiche" e nasconderle: come metaforiche frustate al cavallo stanco usando la via chimica di attivanti per restringere l'esistenza sul binario obbligato di uno scopo esecutivo immediato ben preciso - le "go-pills" = pillole del "Avanti marsch! Vai! Azione!" -  dei soldati o il Ritalin dei ragazzini "iperattivi e con deficit di attenzione"; oppure limitandosi a cancellare la personalità disturbante con l'uso di neurolettici come se incubi e rivissuti semicoscienti fossero invece assurdi irreali deliri.
Pur nel loro presentarsi così intempestivo e stavagante i veri flash-back non sono certo deliri, ma  la loro comparsa è del tutto imprevedibile, scatenata com'è da cause sotterranee conosciute solo alla persona interessata - inaspettatamente negli anni '90 è fiorito tutto un pullulare di ricordi del tempo della guerra degli anni '40. Infatti
oltre alla sofferenza che si preferisce dilazionare e non riatualizzare il carico di contenuti che questi ricordi incontrollabili può render palese potrebbe scoperchiare segreti, accuse dirette, od anche autoaccuse: ma dato che così si avvia un effetto liberatorio talmente importante si è cercato in vari modi - esterni - di accelerarne l'emersione: ipnosi, "siero della verità" ecc. In modo non prevedibile talvolta il corpo stesso o il contatto con altri corpi - animali - può far da innesco ad un circolo virtuoso di ritrovamenti e recuperi, ma più di tutto il rivissuto diviene "producente" se assecondato in quel dato momento, se ACCOLTO senza intromissione delle emozioni di chi ne vien fatto partecipe, se accettato con la benevola attenzione di chi è in grado di venire a conoscenza di fatti anche molto incresciosi: l'andirivieni alternante di un "rivivere fisico e sensoriale" permette che anche "ricordi" altrimenti insostenibili trovino la possibilità di tradursi in termini di consapevolezza personale e potersi rendere poi trasmissibili in un contatto non solo corporeo. Ecco che allora il peggiore grande dolore può uscire dal buio opprimente del forzato oblio e NON risultare più un inesorabile, crudele destino, e neanche "aprirsi" in modo persecutorio di nuclei ristretti di emozioni ego-centrate e di rabbia rivendicativa.
Ma se questa via ingarbugliata procura rinnovati scoraggiamenti a chi soffre, rassicura invece chi l'ha in cura: è proprio il modo ZIG-ZAGANTE in cui vengono alla luce i rivissuti che ne denota - ed anzi DA' GARANZIA - della loro veridicità; al contrario di una presuntuosa arida precisione.
Inoltre non si può certo credere che la descrizione di accadimenti sofferti sia in sè stessa garanzia di "terapia efficace" oltre che di veridicità: ci si può lasciar trascinare insidiosamente in false direzioni, verso un'area non di ricerca di memorie salvifiche ma di pseudo-ricordi mistificati. Dopo essere emerse in quasi inconsapevoli flash-back le rievocazioni possono divenir troppo razionali e autobograficamente romanzate,  ma, strada facendo possono venir anche contaminate e scombinate in modo più o meno voluto o accidentale: e così riapparire, ma modificate sia ad opera di suggerimenti, se non suggestioni altrui, sia anche - in fondo e in pratica "senza accorgersene" - per paura, per ripugnanza, per incapacità e/o per non-volontà di accettare fatti troppo lontani dal sentire comune deve piuttosto suscitare diffidenza e cautela, IN OGNI CASO di TESTIMONIANZA e relativa modalità di esposizione - come la tipica uniformità delle "firme false".
o dalla propria logica interiore.


Scrive chi conosce bene queste esperienze:

.
..la
rabbia ed il rancore sono solo di intralcio e  frenano i ricordi

Riassumendo: dato TIPICO di questa modalità di ricostruzione del proprio passato è un EMERGERE involontario quasi in stato di semi-trance - definito ufficialmente come "arousal" - in uno strutturarsi poco per volta attraverso sensazioni corporee: ma i "corpi parlano" con cautela e lunghe dilazioni anche a chi è ben disposto a volerli ascoltare; con lunghe esitanti sospensioni non solo giorno dopo giorno ma anno dopo anno, particolare per particolare, intessendo il tutto in un minuzioso restauro di ogni aspetto e concatenazione. Tipicamente questo "affiorare" di sensazioni e manifestazioni corporee e prese di coscienza si rivela graduato A MOSAICO con lunghi intervalli, secondo una successione temporale tutto meno che cronologica per quanto riguarda i contenuti, ma significativa per quanto riguarda i singoli momenti di "arousal": appunto per documentare questa peculiarità citiamo con cura le date delle testimonianze scritte - spesso questo emergere compare più facile e sincero per scritto che a voce - nel loro efficace intersecarsi secondo ben precise regole intrinseche di tempi di emersione e di presentazione di dettagli dei contenuti. Descrizioni di fatti anche gravissimi, dossier pubblicati e denunce alla Magistratura non debbono venir invalidati da questa apparente irregolarità di cronistoria: infatti MAI l'oggetto dei veri rivissuti può presentarsi come un resoconto lineare; il loro emergere si mnifesta in momenti cruciali ed è intenso, momentaneo  e tumultuoso. Esistono ricordi e ricordi, attivazioni positive e terribili rivissuti spesso accompagnati da inaudite sofferenze quasi persin superiori a quelle sopportate durante i fatti in ogggetto; la possibilità di reggere e non soccombere né mentalmente - nell'ottuso e angosciante oblio - né fisicamente può venir meglio sopportata se sostenuta da solide basi personali e culturali - vedi emblematico il libro Se questo è un uomo" - o condivisa da presenze "terapeutiche" e partecipi, che ne offrano una diffusione collaborativa: oltre alla scrittura mezzo eccezionalmente valido di partecipazione attia e protettiva si rivela così la disponibilità e tempestività del TELEFONO. Tempestive immediate telefonate possono cioè accompgnare concretamente l'effettivo lavorio del faticoso e concentrato riemergere - e TESTIMONIARE - contenuti altrimenti inaccettabili. E le telefonate lasciano pure una traccia ritrovabile: dal lato oggettivo documentale dimostrativi divengono così  i tabulati datanti "quando" e "come" i "rivissuti" vengono trasmessi nel loro immediato riaffiorare, NON certo come programmate "memorie raccontate" in via di rielaborazione. ma nel tempo reale del loro "arousal" sensoriale.

Ho imparato che se non puoi sfuggire ai tuoi “guai“, ti conviene affrontarli, con calma, senza rabbia e rancore. A volte la rabbia ed il rancore sono solo di intralcio e frenano i ricordi.


E' comunque così che un "rivivere fisico e sensoriale" - assecondato proprio in quel dato momento - il più grande dolore, la più angosciante e debilitante sindrome post traumatica possono uscire dal buio opprimente del forzato oblio, NON risultare più un crudele destino etrova la possibilità di tradursi in termini di consapevolezza personale, e si rende trasmissibile in un contatto verbale: ecco che allora il peggior miserabile modo di vivacchiare, nè una continua fonte di inconsapevoli incubi, di vergogna alienante, ma ribaltarsi in continue e feconde correzioni e ripensamenti attivi per configurare così nel soggetto quella condizione evolutiva che è giusto chiamare SAGGEZZA, e così pure però anche tradursi al contrario in esperienza esprimibile e quindi collettiva che arricchisce e che insegna.
Non devo vergognarmi di essere tanto malata quanto lo sono davvvero..., ho bisogno di rifugiarmi nella mia 'area di recupero'.... il che significa ritrovarmi maggiormente in contatto con ricordi e dolori invece che co
scrive - in una mail in inglese tradotta estemporaneamente - una vittima americana sopravvissuta a spietate torture. 
Ed infatti è così che un anche fievole barlume di speranza può permettere il graduale diradarsi delle nebbie di ottusità ed oblio: lentamente e dolorosamente chiunque potrebbe ritrovare la propria completezza e con il rivivere attivamente proprio quelle passate sensazioni che sembravano intollerabili; sensazioni che invece possono venir ora accettate se coraggiosamente tradotte in ritrovate memorie e esplicitate in ri-attualizzate esperienze.
Se non altro poter dare ai ricordi una specie di seconda vita... 
Ed è così che può finalmente riavviarsi il (ri-)destarsi di rinnovate vivaci sensibilità e aperture. E così allora tutto può "risvegliarsi": queste rinnovate sensibilità - anzi sensibilità rese sempre più recettive a sempre più numerosi e variati stimoli - possono ora evolvere in "circoli virtuosi" sempre più ampi; mentre questo ritrovarsi nella memoria del passato avvia pure il destarsi di emozioni non solo "nuove" ma sempre meglio arricchenti e individualizzanti: curiosità e interessi, affettività e partecipazione, fantasia e capacità di progetti per il futuro, attenzione e cautela. E così - sia se sviluppate in un evoluzione normale, ma anche se rivissute e ridiventate consapevoli in un secondo tempo - emozioni e sentimenti di ogni tipo possono espandersi armoniosamente e manifestarsi su più variati orizzonti, mentre - non più schiavi della sofferenza, o dell'ottundimento, o dell'oblio - possono risorgere e allignare sentimenti, rapporti, precauzione e coraggio, interessi e apprendimenti, consapevolezza di sé, e tutta la catena della logica delle cause e delle conseguenze, dei diritti e delle responsabilità.
Ma in pratica ecco che allora NON è solo uno sbaglio semantico l'uso improprio del termine inconscio =  inconsapevole, con non al momento consapevole: NON è certo una semplice funzione della memoria in se stessa quella che può permettere il riattivarsi e favorire l'mergere equivocato con ere alla coscienza consapevole del grande dolore. Quanto era precipitato nell'inconscio deve affrontare e superare appunto il grande dolore per poter risalire nel disponibile archivio del preconscio ove venir poi riorganizzato nel riattualizzabile archivio della "vera" memoria - preconscia e in fondo superficiale - e nella grandissima dotazione dell'esperienza e della - resiliente - saggezza. 
La forza di soppportare patimenti terribili, e di RIVIVERLI - non solo di "ricordare" - non è masochismo: è l'unica via che può permettere una cura efficace. Dolore e profonda tristezza NON sono debolezze, e neanche sono "malattie" più intollerabili o più pericolose di quanto non lo siano gli stati di ansia e/o le compulsioni ossessive. Così scrive di nuovo la persona che ha sofferto gravissimi traumi:
quando il dolore e la depressione diventano più profondi, sono io ad esser "masochista" o è invece proprio un sollievo sentir dolore invece che una intollerabile ansietà? Recuperare il dolore oltrepassando l'ansia: che idea bizzarra! ma quanto giusta! Permettersi di "essere tanto malati quanto lo si è veramente" quando invece l'affaccendarsi in modo compulsivo è un male di sicuro peggiore.


La saggezza del corpo

La LENTEZZA di azione della percezione cosciente è ben al di sotto delle possibilità di  preparare con la opportuna tempestività l'organismoa situazioni di particolare impegno: spesso per chiunque, ma per molti individui in modo particolare, i segnali di attenzione transitano e si fanno conoscere prima di tutto attraverso meccanismi viscerali. Ma non solo l'intestino è "intelligente" di suo: gli scambi di influenzamenti incrociati tra "mente cosciente" e "reazioni viscerali" sono da prendere di continuo in considerazione: anche una terminologia tecnicamente "scientifica" può convalidare la "normalità" di questi "retroscena" biologici sottostanti a classici - e inoppugnabili - modi di dire proverbiali: sentirsi stringere il cuore, avere un mattone sullo stomaco, prendersi un mal di pancia, sentirsi torcere le budella, farsela sotto dalla paura ecc. ecc. (vedi file/capitolo
Gastroenterologia (Doctor News 15 febbraio 2006 - Anno 4, Numero 25)
Colon irritabile: aumentate risposte cerebrali a stimoli enterali subliminali. I pazienti con colon irritabile presentano una rispetto ai soggetti sani. I test sull'ipersensibilità viscerale erano stati finora basati sugli stimoli percepiti, ma dato che è stato recentemente dimostrato che gli stimoli subliminali vengono registrati nella corteccia cerebrale, maggiore sensibilità del circuito neurale sensorio viscerale in risposta a stimoli subliminaliè ora possibile valutare i neurocircuiti intestinali senza l'effetto dei processi cognitivi. I risultati del presente studio dimostrano obiettivamente l'esistenza dell'ipersensibilità nervosa in questi pazienti, e pertanto aiutano a discernerne e definirne le componenti fisiopatologiche diverse. Non è ancora noto se le variazioni nella percezione viscerale e nella risposta autonomica siano causate davvero da fattori emozionali e cognitivi che alterino la modulazione centrale del dolore, o se l'ipersensibilità viscerale sia specifica del colon irritabile o compaia anche in altri tipi di disordini funzionali.

I feromoni sembrano inviare un messaggio subliminare, quindi non percepibile coscientemente, ma che viene decodificato a livello cerebrale [o neurologico a più ampio raggio] ed è in grado di influenzare i rapporti umani. L'olfatto quindi, uno dei nostri tratti più primitivi, esercita un forte influsso anche se inconsapevole. Come i sapori, gli odori vengono percepiti senza essere mediati dalla parte razionale del cervello, per questo sono uno strumento perfetto per fissare ricordi legati all'emotività più che al pensiero razionale.
Tutte le cellule del sistema APUD hanno origine dalle creste neurali. Si ascrivono a questo sistema le cellule del sistema GEP (gastro-enterico-pancreatico), le cellule endocrine della mucosa  tracheo bronchiale, delle vie urogenitali, della cute (melanociti), e di strutture endocrine  pluricellulari (cellule parafollicolari della tiroide, cellule della midollare del surrene, cellule principali delle paratiroidi). Antiche osservazioni hanno identificato questi elementi endocrini come cellule argentaffini o enterocromaffini, presenti in tutto l'organismo e produttrici di un gran numero di ormoni e mediatori, tra cui la serotonina (5-HT) e il 5-idrossitriptofano (5-HPT). Già nei primi anni '30 il farmacologo italiano Vittorio Erspamer, ricercatore di fama internazionale,  scoprì la serotonina, da lui chiamata però ENTERAMINA (= amina dell'intestino) aprendo la strada alle ricerche sui neuro-trasmettitori. "Nel 1931 comincia ad occuparsi di cellule cromaffini di tutti i mammiferi e nel '35 isola una sostanza, considerata inizialmente un polifenolo, che nel '37, utilizzando ghiandole cutanee di Discus glossus e ghiandole salivari dei polpi, sarà denominata enteramina che, dopo pochi anni, sarà conosciuta come serotonina, uno dei primi mediatori chimici cerebrali conosciuti. Osservazioni successive hanno dimostrato che le cellule argentaffini hanno la proprietà di assumere precursori delle amine biogene decarbossilandoli. Le cellule endocrine del sistema GEP ed altre cellule dotate di tali proprietà metaboliche, sono state perciò riunite in un sistema endocrino chiamato APUD. Alcuni degli ormoni presenti nelle cellule endocrine del sistema GEP, sono stati anche dimostrati nel sistema nervoso centrale e periferico, dove sono stati localizzati nei pirenofori, nei neuriti, nelle terminazioni assoniche delle terminazioni nervose. Questi dati suggeriscono la possibilità che da un lato esistano correlazioni tra il sistema nervoso centrale e periferico ed il GEP, dall'altro che alcuni ormoni prodotti a livello intestinale [o comunque "somatico", principe fra tutti la colecistochinina] possono agire come neurotrasmettitori.

(Maggiori e più dettagliate informazioni tecniche si trovano, in inglese, in Consciousness and memory).
NEUROTRASMETTITORE (ingl.: neurotransmitter; fr.: neuromediateur): qualsiasi sostanza implicata direttamente nell'azione di un neurone sulle cellule bersaglio.
In relazione ai neuroni, i neurotrasmettitori possono essere di natura diversa: alcuni neuroni possono agire attraverso differenti neurotrasmettitori. I principali neurotrasmettitori sono sia peptidi (neurotensina, sostanza P, endorfine, encefaline, VIP, colecistochinina, bradichinina, somatostatina, liberina), sia derivati di aminoacidi (serotonina, dopamina, noradrenalina, adrenalina, acetilcolina, acido gammaminobutirrico). Alcuni neurotrasmettitori agiscono come eccitanti (catecolamine, liberine, etc.), altri come inibitori (GABA, encefaline, somatostatine, etc.) delle trasmissioni sinaptiche. Alcuni vengono trasportati lungo le fibre nervose, altri sono formati e distrutti al livello della sinapsi. I neurotrasmettitori si trovano in concentrazione relativamente elevata nelle terminazioni nervose e sono liberati attraverso la depolarizzazione del neurone. Sono generalmente distrutti subito dopo la loro azione.

Il cervello nella pancia - 5-HT4: Questo link potrebbe concretizzarsi anche nell'articolo:
 "Neurofisiologia: si emoziona, soffre, gioisce. Insomma, l'intestino è "intelligente".

La scoperta di uno scienziato americano darà anche una svolta ai metodi di cura. ...
che però in sostanza non è disinteressato e "scientifico" in quanto vi vengono presentati... "farmaci nuovi" contro... la stitichezza - da Corriere salute dell'8 luglio 2001.)
Un po' di rispetto per la pancia, per favore. Perche la pancia "sente". Metabolizza emozioni. Smista informazioni. Reagisce alle sollecitazioni dell'ambiente circostante, soffre. E gioisce. Già: nell'intestino vive e opera un secondo cervello. Un computer operoso e sofisticato. costituito da un'intricatissima matassa di neuroni (centinaia di milioni) e di cavi nervosi. Che è capace di governare in piena autonomia le delicate funzioni della complessa macchina digestiva. Parola di Michael D.Gershon, professore di anatomia e biologia cellulare alla Columbia University. Il professor Gershon ha dedicato trent'anni allo studio di questo "cervello enterico" e dei suoi rapporti con quello pensante, riversando in un best seller, dal titolo The Second Brain, - Il secondo cervello - gli intrigantissimi risultati ottenuti. Un neurotrasmettitore, la serotonina, regola umore, sonno, dolore e anche le contrazioni addominali. Il 95 per cento di tutta la serotonina presente nel nostro corpo viene prodotta proprio nel tratto gastrointestinale, da una popolazione di cellule chiamate "enterocromaffini", che rilasciano questa sostanza in seguito a stimoli diversi: tipicamente dopo l'assunzione di cibo.... La serotonina, insomma, è una specie di direttore d'orchestra che manovra le leve del movimento intestinale. Come? La parola a Marcello Tonini, professore ordinario di farmacologia presso il Dipartimento di Scienze Fisiologiche e Farmacologiche dell'Università di Pavia. Ultimamente, ci dice Tonini, la ricerca haposto molta attenzione al ruolo della serotonina nella regia dell'attività intestinale.
Che cos'è la serotonina? Una sostanza, dalle molte azioni e presente, guarda un po', in entrambi i nostri cervelli: in quello superiore, è un messaggero chimico coinvolto nel controllo dell'umore, del sonno e della sensibilità al dolore; dabbasso, nell'intestino, mette in moto una progressione di contrazioni e rilassamenti della muscolatura, che sono poi quei movimenti che fanno avanzare il cibo che ingeriamo.
La rivoluzionaria scoperta del cervello addominale: ha nevrosi e domina il "collega" più nobile. In tutte le culture, nei modi di dire, nel senso comune, la pancia è tradizionalmente la sede principale (più del cervello) dei sentimenti e delle emozioni..., Prova sensazioni, pensa e ricorda. E aiuta a prendere decisioni....Al secondo cervello sono affidate le "decisioni viscerali", cioè spontanee e inconsapevoli: ha quindi un ruolo importante nella gioia e nel dolore. Per studiare questo secondo cervello è nata una nuova scienza, la neurogastroenterologia.
Le basi le ha gettate, a metà dell'800, Leopold Auerbach, un neurologo tedesco, che, osservando al microscopio l'intestino notò due strati sottilissimi di cellule nervose tra due strati di muscolo. E scoprì che questa specie di calza a rete avvolge tutto il tratto digerente, fino al retto. Gli stress del passato restano impressi anche nella pancia. Il cervello addominale sarebbe addirittura dotato di memoria che per fissare i ricordi usa le stesse molecole del cervello della testa: gli stress del passato si stampigliano così nel cervello e nell'addome....
Anche il cuore avrebbe una memoria, una memoria maligna, capace di ricordare solo gli eventi spiacevoli: alcuni farmaci, come quelli utilizzati per lo scompenso cardiaco, sono in grado di far perdere la memoria al cuore. "Ma non sappiamo se questo possa essere un bene o un male" dice Peter Schwartz (direttore del dipartimento di cardiologia del policlinico San Matteo di Pavia e titolare della cattedra di cardiologia dell'Ateneo pavese).
(Da stralci dall'articolo del dr. Paolo Danza e tratto dalla rivista scientifico-divulgativa Focus del marzo 2001- Amelia Beltramini). Una spiegazione divulgativa chiarissima e abbastanza precisa si trova nell'articolo de IL TEMPO (sabato 16 ottobre 1999 rubrica SALUTE E BELLEZZA novità dal mondo scientifico IL SECONDO CERVELLO a cura del Dr. Marco Fornaciari) ripreso anche in DUE CERVELLI (di Ferdinando Regina) (e in Due cervelli: nella testa - di sopra - nell'intestino - di sotto - dall'articolo apparso 8 Luglio 2001 nel Corriere Salute)
Micheal Gershon, professore di Anatomia e Biologia Cellulare alla Columbia Univeristy, ha presentato di recente i suoi 30 anni di studio sull’ammasso cellulare di neuroni e nervi situati nell’intestino e chiamato per la sua attività ILSECONDO CERVELLO, o CERVELLO ENTERICO (non pensante). Queste definizioni sembrano appropriate perché, primo, possiede gli stessi neurotrasmettitori del midollo spinale e del cervello, secondo, presiede alle funzioni di coordinamento enzimatico digestivo, ghiandolare, muscolare, pressorio, chimico-fisico, ormonale immunitario… Le cellule nervose preposte alle funzioni suddette se si trovassero nel cervello per trasmettere le informazioni richiederebbero nervi grandi come cavi di alta tensione... Nei congressi di Gastroenterologia è sempre più frequente ascoltare relazioni che accomunano disfunzioni gastrointestinali con disfunzioni della flora batterica e stati di malumore non disgiunti spesso da ansia e depressione. Per i vecchi medici di famiglia, la Medicina Olistica e la più moderna PNEI (Psico Neuro Endocrino Immunologia) questi legami tra psiche e intestino sono, e sono stati da sempre un cardine della loro professione. Le ipotesi tra i legami e il buon funzionamento delle interazioni tra i due cervelli sono almeno tre... In ogni caso, a conferma delle tesi e ricerche del Prof. Gershon si deve riconoscere che il legame tra il "Cervello Cefalico" e il "Secondo Cervello" non è sconosciuto alle persone che debbano sostenere esami o che abbiano relazioni con persone inaffidabili, tanto che alcune condizioni di stress possono innescare disfunzioni gastroenteriche che sono insensibili alle cure specifiche...
Concludendo alla Woody Allen si potrà affermare:
- Ho un forte mal di pancia… vado dallo psichiatra!!!
Sono troppo ansioso e depresso… vado dal gastroenterologo!!!. 
Ora questo libro si trova anche tradotto in italiano: Secondo cervello edizione ex-UTET
Vedi questo concetto-base espresso in forma sintetica, implicita e umoristica nel file interno DAL SUBLIMATO AL CONCRETO: scherzando su lavoro e psicosomatica. (Vedi anche altre spiegazioni corredate da link nelle pagine Pagina scientifico-medica e Malattie rare in offerta speciale del sito dell'Associazione italiana, scientifica e giuridica, contro gli abusi mentali, fisici e tecnologici.)

Resilienza

Per meglio spiegare questi "recuperi" si può usare un termine poco usato nella nostra lingua, benché sia di genuina origine latina: RESILIENZA - in fondo più popolarmente esprimibile con il quasi sinonimo: ELASTICITA' - che, secondo il dizionario Zingarelli designa la capacità di un materiale di resistere ad urti improvvisi senza spezzarsi e - va aggiunto - di incamerarne e assorbirne l'energia.
Nella traduzione in italiano del libro Mental  Health Problems and Young People: Concepts and Practice di Louise Rowling, Graham Martin, Lyn Walker, LA PROMOZIONE DELLA SALUTE MENTALE E I GIOVANI  Teorie e pratiche (ed. McGraw-Hill italiana a cura di Alessandro Grispini e Pompeo Martelli); vedi dalla  presentazione di Michele Tansella
Il termine RESILIENZA ricorre più volte nel testo ed è usato dagli Autori per indicare la capacità umana di affrontare gli avvenimenti dolorosi e risorgere dalle situazioni traumatiche. L'espressione è mutuata dalla fisica dove è utilizzata per identificare la "capacità di un materiale di resistere a urti improvvisi senza spezzarsi". Se esaminiamo questo concetto in rapporto alle scienze sociali, possiamo dire che “la resilienza corrisponderebbe alla capacità umana di affrontare le avversità della vita, superarle e uscirne rinforzato o, addirittura, trasformato... Ma la resilienza è piú della semplice capacità di resistere alla distruzione proteggendoci da circonstanze difficili, è in ugual modo la possibilità di reagire positivamente a scapito delle difficoltà e la voglia di costruire utilizzando la forza interiore propria degli esseri umani. Non è solo sopravvivere a tutti i costi, ma la l'abilità ad usare l´esperienza appresa dalle situazioni difficili per impiegarla in processi trasformativi e di recupero.

Immagine tratta da Tempo Medico
resilienza e osso
La resilienza indica la capacità di un materiale di ASSORBIRE ENERGIA in caso di urto e di ASSORBIRE gli urti. I materiali fragili ASSORBONO poca energia, i materiali duttili ASSORBONO molta energia.... Per quale motivo le ossa, sane e robuste finché vengono usate, diventano fragili e leggere negli individui costretti all'immobilizzazione?... L'osso è un tessuto dinamico che rimodella se stesso continuamente durante tutto il corso della vita. Lo scheletro è riccamente vascolarizzato e riceve circa il 10% della gittata cardiaca.... La particolare sistemazione di osso compatto e spugnoso provvede a una combinazione ideale di forza e densità per le sue funzioni meccaniche. Durante la vita l'osso è in continuo rimodellamento, in qualche modo collegato con i continui sforzi meccanici a cui è soggetto... Il movimento con il suo periodico "massaggio" dei canalicoli, garantisce agli osteociti cibo e ambiente di lavoro adatti allo svolgimento delle loro funzioni, mentre l'ozio li impigrisce.
(vedi anche in Harrison's Principles of internal medicine Mc Graw-Hill Book Company e Exercise and Bone Health).
Una citazione - leggermente modificata e generalizzata:
Si definisce resilienza la capacità  di resistere alle frustrazioni dell’allenamento, allo stress delle gare e in generale alle difficoltà della vita. Tale capacità permette di elaborare risposte adeguate e flessibili di adattamento a situazioni nuove o vissute come tali, in particolare se traumatiche. In questa prospettiva, la resilienza si configura come un processo che permette la ripresa di un sano sviluppo dopo un evento traumatico e nonostante la presenza di situazioni sfavorevoli. Possiamo affermare che la resilienza rappresenta per la psiche quello che il sistema immunitario è per il corpo: un efficace sistema di difesa. In generale lo sportivo resiliente possiede le seguenti caratteristiche: attitudine a orientarsi verso l’allenamento, invece che ripiegarsi su se stesso; capacità di attribuirne significati nuovi; propensione a ricercare strategie creative di fronte alle difficoltà. I fattori proattivi comprendono tre dimensioni: dimensione biologica (risorsa della personalità), dimensione psicologica (esperienza di attaccamento sicuro, autostima e autoefficacia, attitudine ad apprendere dall’esperienza), dimensione sociologica (importanza delle relazioni familiari, amicali, presenza di rete di relazioni formali e informali). Il sintesi lo sportivo resiliente tende ad affrontare i problemi in modo costruttivo e non subisce gli avvenimenti lasciandosi condizionare dall’ambiente e dalle esperienze vissute nel passato.

Tipico attributo di rigidità è fragilità: ansia e inquiete ricerche di "consolazioni" e "rassicurazioni" più o meno fasulle; inconsistenti stili di vita e sentimentalismi capricciosi conducono inesorabilmente in un percorso esistenziale non solo sempre più ristretto ma anche irrigidito e quindi sempre più fragile e spaurito.

"Paura" crede di raggiungere la salvezza costruendo barricate: e così restringe spazi, conoscenza, rapporti e consapevolezza... e continua ad ampliare invece sempre rinnovati motivi di trepidazione e di bisogno di dipendenza.
copyright Pucci Violi

Ristrettezza e fragilità e incapacità di assorbire gli urti? Ma se una non-rigidità può dar luogo magari a una certa plastica flessibilità, questa non è una soluzione: lascia la situazione confinata in una singola direzione che si apparenta all'adattabilità conformista. Nel meno peggiore dei casi la minor vulnerabilità di chi è "limitato" non può che ristagnare, togliendo comunque la possibilità di rinnovanti arricchimenti esperienziali: un bambino allontanato dal suo delicato e fragile sviluppo come genitore non potrà a sua volta che divenire un "tiranno" sempre più limitante - fino alla simdrome di Munchausen per procura - o un imbelle schiavo della "capricciosità" annoiata da sviluppo bloccato. Viene così a modificarsi e trasmettersi questa "lesione" con conseguenze devastanti generazione dopo generazione; l'isterilre il massimo del "nuovo" conduce attraverso via strette e preordinate a pseudo-maturità statiche e ristrette; mentre la privazione dei ricordi della propria infanzia porta al disconoscimento dei valori intrinseci dello sviluppo , e allontanando dalla "maturità" - RIPENESS - rende inefficace una MEMORIA solo formale, piena di "buchi" e priva di capienza esistenziale.
Duttile elasticità è ben di più che semplice flessibilità: è la capacità "resiliente" di ASSORBIRE in accrescimento tutto un rinnovabile sistema di aperture e di vie evolutive. Inglobando in un fertile terreno di esperienza gli apporti di energie - "buone" o "cattive" che siano le integra nella propria esistenza ove ne divengono fonti di vitale potenziamento: ogni nuova esperienza può così, avviando nuove sintesi e rinnovamenti, modificare e trasmettere questo rinnovato e rinnovabile "spessore" anche oltre la propria individualità.
albero
Creatività, vie evolutive, sviluppo e evoluzione, ed anche feromoni ed emozioni, come pure il loro contrario - transfert e "mercatino dell'usato" - si trovano in paragrafi in parte identici ma meglio dettagliati nel file/capitolo
e inseriti in altri paragrafi Dal sublimato al concreo e... viceversa in cui risultaano ancor più ampiamente sviluppati e discussi.



Una necessaria e veloce precisazione semantica riguarda i termini collegati a "evoluzione" e "sviluppo". Evoluzione è ben di più di "sviluppo": possono "svilupparsi" soltanto entità già presenti, ed ancora INESPRESSE, mentre grandi forze CREATIVE possono promuovere - si potrebbe quasi dire: "GENERARE" - EVOLUZIONI in direzioni NUOVE e del tutto inprevedibili.

locandina Congresso Antropologia Firenze
L' ALBERO ne è una convincente visualizzabile metafora
 Individualità e possibilità e difficoltà presenti - o assenti - nell'ambiente = RADICI E TERRENO. Sviluppo con le sue regolarità e solidità = TRONCO. Ed ogni evoluzione nelle sue quasi infinite differenziazioni ed espansioni = RAMI, FOGLIE, FIORI, FRUTTI, SEMENTI....

Tornando al concetto di RESILIENZA, è però indispensabile precisare che anche il "terreno" entro cui affondano le "radici" ha una parte importante nella possibilità o meno di far "fiorire" o "appassire".
Che cosa permette di reagire di fronte alle situazioni di sofferenza, da quelle più gravi, come una guerra, una alluvione, un terremoto, a quelle più frequentemente riscontrabili quotidianamente, come il venire offesi, derisi, stigmatizzati? Che cose fa sì che due persone, poste nella medesima situazione, reagiscano con modalità differenti a tali sofferenze, chi in modo positivo e propositivo, chi in modo negativo, di totale chiusura e nichilismo? La risposta è: la 'resilienza' (Vedi articolo Resilienza).
La resilienza è piú della semplice capacità di resistere alla distruzione proteggendoci da circostanze difficili. Ma se è necessario cominciare a diffondere il concetto di resilienza, e contribuire alla comprensione del fatto che ogni persona possiede questa caratteristica, bisogna pur considerare che se da tutti noi dipende possa essere sviluppata, questo può accaderesolo se ci concediamo mutualmente la possibilitá di farlo.
Comunque non si tratta soltanto di un fenomeno totalmente "positivo": è inevitabile un contraccolpo psicologico che - come l'effetto "rimbalzo" dei materiali elastici - tenda a produrre reazioni in esagerazione: di sfida ai propri limiti fisici e di supponenza comportamentale, in sostanza di ingombranti e fastidiosi "eroismi". Ma ben peggio non bisogna certo equivocare il concetto di resilienza con l'accezione meccanicistica di non fare una piega, né tanto meno con la possibilità delle personalità multiple di prestazioni eccezionali, bensì con
la capacità di rispondere alle avversità in modo costruttivo [che] presuppone la disponibilità a lasciarsi 'ammaccare' dagli avvenimenti, tollerando il dolore quanto basta per elaborare una risposta trasformativa (di sé e della situazione urtante)
Se davvero si tratta di "resilienza" quindi i RECUPERI non debbono condurre soltanto alla restaurazione dello stato iniziale, ma ad un superiore livello di maturazione, solidità e consapevolezza.
Una citazione che viene ampiamente discussa e controbbattuta in un altro file/capitolo dà per scontata la soluzione di ogni problema valendosi del dato che
... l’uomo [è] un primate intelligente che agisce… in base alle sue capacità cognitive sviluppate in lui in massimo grado...
Ma come si può dedurne anche in via strettamente logica non basta certo propugnare pseudo-positive capacità cognitive: bisogna pur tornare invece a controbbattere con qualcosa che spesse volte ne è il vero CONTRARIO. Sono le capacità cognitive o non piuttosto le capacità di resilienza quelle da sviluppare ulteriormente riricordando che una necessaria e veloce precisazione semantica riguarda i termini collegati a "evoluzione" e "sviluppo". Evoluzione è ben di più di "sviluppo": possono "svilupparsi" soltanto entità già presenti, ed ancora INESPRESSE, mentre grandi forze CREATIVE possono promuovere - si potrebbe quasi dire: "GENERARE" - EVOLUZIONI in direzioni NUOVE e del tutto IMPREVEDIBILI.

Prospettive contrarie

La capacità di rispondere alle avversità in modo costruttivo presuppone la disponibilità a lasciarsi 'ammaccare' dagli avvenimenti, tollerando il dolore quanto basta per elaborare una risposta trasformativa (di sé e della situazione urtante). Di sicuro ogni recupero è comunque un impegno a lungo termine, gravoso, difficile e molto doloroso, come descrive ancora la già citata persona "sopravvissuta":
Non posso mettere ogni cosa direttamente in ordine. Il ricordo va avanti e indietro non segue una linea diritta... L'avviarsi in simili vacillanti e imbrogliati passaggi, l'avvicinarsi e evitare la terribile verificaA che ciò sia potuto capitare... Però il riconoscere che là sta la causa della sofferenza, e che questa causa ha un senso, permette l'accettazione di queste memorie a più livelli, [anche se e quando] il lavoro interiore e la terapia hanno perso [e inevitabilmente] ogni dolcezz.
Unire insieme aride "capacità cognitive" con l'accettazione di "risposte trasformative" è quasi come equivocare il concetto di resilienza con l'accezione meccanicistica e insensibile di non fare una piega. A questo proposito nel file corrispettivo in inglese Consciousness and memory si trovano altre citazioni tratte dalla conferenza di alla: Kathleen Sullivan Fourth Annual Ritual Abuse, Secretive Organizations and Mind Control Conference, August 10-12, 2001. E queste precisazioni e diffide sono tanto più da prendere in considerazione per poter meglio difendersi - a ragion veduta e adeguatamente - contro chi cerca in ogni modo di opporsi e screditare: come ad esempio la False Memory Syndrome Foundation.
- da cui, di equivoco in equivoco, si può giungere addirittura più o meno consapevolemente e deliberatamente alle pericolosissime situazioni di personalità multiple
Infatti se messaggi di progresso, di speranza - ed anche di possibilità di recupero - si dipanano partendo dalle origini e seguendo percorsi fattibili, sito e libri correlati inviano parallelamente anche diffide e di ben altro tenore: non si deve prescindere quindi dall'occuparsi dei propugnatori di indirizzi opposti. Da presupposti che partono da azioni "ostili" e/o causa comunque di "danno" si arriva ai vissuti delle loro "vittime" del momento e/o ai ri-vissuti nel tempo: nel file Flashbacks un'importante segnalazione italiana ha permesso di integrare questo argomenti con una eloquente citazione metodologica, indicativa di quanto sia basilare risonoscere i COLLEGAMENTI tra PRESENTE E PASSATO.


logo Centro Gobetti"Morale degli schiavi"? Cos' ho in comune io con gli schiavi?

Cos'ho in comune io con gli schiavi?
Cosa ho in comune?  la possibilità di favorirne la liberazione



Morale degli schiavi"? Cos' ho in comune io con gli schiavi?
Può sembrare paradossale ma forse i nemici più pericolosi perché pullulanti, ubiquitari, insidiosi e innumerevoli - come i "nanetti" contro Gulliver a Lilliput - non sono i "malvagi" coscienti delle loro azioni ma "esserini" senza nerbo, inconsapevoli del loro stesso "esistere". Non sempre la [totale] follia è l'oblio di un grande dolore, ben più numerose sono le "teste svuotate" fin dalla primissima infanzia, gli sradicati dalle basilari fasi di sviluppo che credono di vivere nella perenne fiaba di un tempo immobile e irresponsabile in cui il “finto” è PIU’ VERO DEL VERO. E' ben difficile aver qualcosa "in comune" con questa congerie di "schiavi" volontari illusi di aver superato il dolore di questa privazione, per cui a ogni pié sospinto le cause vengono a confondersi con le conseguenze. In una specie di quieta anestesia senza più patirne né rendersene conto questo VUOTO di sostanza tende a attivare un risucchio che trasforma in dipendenze e fumosi ammaestramenti qualsiasi cosa gli passi vicino; e poiché la "solidità" occupa un definito spazio mentre i "gas" si espandono a riempire tutto lo spazio disponibile, non effettive realtà di esperienza ma solo le loro vane apparenze vi si intrufolano dall'esterno. E così - isolati sempre più in uno spazio irreale - riempiono gli avanzi di realtà con sensiblerie posticce, con attaccamenti morbosi pseudo-affettivi, con artificiali impulsi di Potere o di (pseudo)sesso, con vuote astrazioni e apodittiche informazioni non importa se provengono da una cultura raffinata oppure da sempliciotta "aria fritta" facile e popolare. Cause e conseguenze ribaltate, luoghi comuni inossidabili...: questo "affamato nulla" può venir paragonato con un esempio calzante al sacchetto di un aspirapolvere che ingoia qualsiasi cosa per trasformarla in spazzatura. Il pregiudizio saccente peggiore della semplice superstizione si nutre di ASSOLLUTI, di certezze riduttive, di spiegazioni capovolte e di troppo facili bersagli: ad esempio viene dato come assioma che è la... televisione a creare l'ottuso oblio e non la famelica "privazione" precedente che va in cerca di nutrimenti fasulli per adattarli ai propri "deficit" di sostanza vitale; oppure al contrario si ignorano i danni prodotti da "falsi maestri", da tracotanti faccendieri e si attribuisce - con indulgenza benevola se non ammirante - una accettabile "normalità" allo "studioso distratto" e allo "scienziato irresponsabile"  se non al "politico corrotto e licenzioso".
Per chi è stato privato della propria "consapevolezza" ogni suo sostituto, pur sempre calato dall'alto e di seconda mano, viene assorbito in modo a-critico e trasforma in un inestinguibile "finto fiabesco" la descrizione di qualsiasi situazione.
Per chi invece non è stato deprivato del tutto della propria "solidità" - ascoltati e non mistificati - i "fatti parlano" chiari e sicuri, e per fortuna se la follia è l'oblio di un grande dolore non sempre sono irreparabilili l'ottuso oblio e la futile inconsistenza: è quindi doppiamente colpevole sottovalutare e scartare le testimonianze personali di chi ovunque e ad ogni età riesce a descrivere sofferenze che a orecchi altrui possono sembrare inspiegabili. Disconoscere i "vissuti" del presente, di bambini oltre che di adulti, è una tortura che ri-sospinge le vittime verso una irrecuperabile "vuotezza"; rifiutare i "ri-vissuti" di chi, pur molti anni dopo, manifesta in se stesso l'nfanzia "violata" o "annullata" di allora significa render ancor più virulenta quella distruttività conservata all'interno della personalità che, come un "cancro", continua a impedire una vita normale a chi bambino cronologicamente non è più.

NON VOGLIANO ADEPTI O SEGUACI, e ci sentiamo molto a disagio nel sapere che quanto pubblichiamo può cadere in questo baratro di "vuotezza": fortissimo infatti è il rischio che incaute letture e successive ancor più incaute divulgazioni contribuiscano a che tutta l'informazione precipiti nel banale, se non nel fantascientifico annullante. Siamo infatti molto preoccupati e combattuti nel fornire VERE testimonianze nel timore che finiscano nelle ... "grinfie" incoscienti di chi ne può e vuole fare cattivo uso: va cioè assolutamente EVITATO ogni ulteriore “rumor” fra i tanti stuzzicamenti di fantasie sentimental-sadiche di un pubblico fatuo; “rumor” che annullano in una marmellata subito dimenticata ogni problema - “eufemismo”!!! - in atto e confondono le convinzioni con il loro tipico mischiare fatti documentabili – che così andrebbero persi - con appelli emotivi CONTRO “mostricciattoli sbattuti in prima pagina”.

E' stato detto che la follia è l'oblio di un grande dolore..., e che questo non è un destino inesorabile. Infatti come lo sviluppo in termini di "futuro" ha per Natura una sua regolarità intrinseca, così questa regolarità fondante può ritrovarsi depositata nella memoria. Niente va perso degli eventi del passato ma neanche delle fasi di sviluppo pur disattese o smentite: in ogni momento tutta la sequenza dei fatti e dei percorsi può venir riattivata verso una maturazione anche ottimale. Ma i "mostri" in agguato continuano a generare "mostri": non sempre, anzi percentualmente ben di rado, questo rinnovamento può avverarsi: troppe sono le forze ambientali e di debolezza e/o malvolere umano che vi si oppongono. E' stato detto: La follia è l'oblio di un grande dolore...?
 Ma dal grande dolore continuano a nascerne altri: nell'ottuso oblio ecco ritrovarsi anche quel sonno della ragione [che] genera mostri e non solo nel presente, non solo nell'esistenza di una singola persona. I "mostri" generano mostri ed ancora mostri: e mostri ingannatori, squalificanti, offensivi e svilenti, anche omertosamente minacciosi per coprire misfatti presenti e/o passati. Ma ben più sovente altri più banali "mostri" sono  accolti e accreditati dalla ragione e la verità che dormono: sia per mancanza di capacità e/o ignavia degli astanti e/o dei curanti, sia soggettivamente per un - del resto ben plausibile - desiderio di evitare la terribile verifica a che ciò sia potuto capitare.
Ma se questi traumi, questo "grande dolore" iniziale rimossi o rinnegati, se non ancora peggiorati dal mancato appoggio o peggio dal contrasto con il mondo circostante, lasciano comunque una falla, una debolezza strutturale nella personalità, altre possono essere le cause di difettosi sviluppi e di diffusione di "mostri".
Infatti senza giungere alla completa "pazzia" è certo però che ogni danno può venir mascherato o coperto non solo da veri e propri "sintomi", ma molto più sovente da un nefasto stile di vita, con il suo grossolano contorno di pseudo-sentimenti "altissimi" o "bassissimi", e di azioni e comportamenti ad essi correlati. L'ottundimento difensivo una volta attivato - sia ben chiaro: in modo del tutto INCONSCIO - dà inesorabilmente luogo ad una serie di circoli viziosi che investono comunque oltre alla memoria, anche la coscienza di se stessi e la comunicazione con gli altri. La propria - così come l'altrui - calpestata dignità, la rinnegata sensibilità ai DIRITTI e ai TORTI, i bisogni disattesi pseudo-compensati in disponibilità ad assecondare fallaci lusinghe e/o minacce - il bastone e la carota - vengono a trasformarsi in modo complementare in suscettibilità, pretese, interpretazioni della realtà ridotte ad esasperate differenze autoreferenziali solo quantitative e immutabili, definite per sempre in concetti statici di inferiorità e/o "superiorità": e così ricerche non evolutive ma "miracolistiche" di ECCEZIONALITA' si aprono su scenari di aspettative a-critiche, di speranze vane - vedi... gioco d'azzardo - o di spregio e disperazione che aggravano i bisogni già disattesi.
Fragilità - l'esatto contrario di "resilienza" - incompletezza, mancate esperienze e aperture, inadeguatezza esistenziale... corredate da compensazioni fasulle, aggiungono disgrazia a disgrazia col rendere questi "inferiori" oltremodo facile preda di chi - ammirato come "potente" - vuol assoggettare lusingando, ma allo stesso tempo si scaricano in ulteriori rivendicazioni, che invitano a ulteriori spersonalizzazioni: assoggettamenti e corrività verso i "più" come altrettanto maldisposizione fino ai maltrattamenti verso i "meno" e i "differenti".
Di lì in poi tutto si muove in una prospettiva non genuinamente infantile ma pseudo-bambinesca del sentire e in una visione inefficace del mondo, in un groviglio meschino di sentimenti - o meglio di artificiosi "sentimentalismi" - e/o di loro manifestazioni occasionali, esagitati ed estemporanei, tanto clamorosi al vedersi quanto aridi e indifferenti nella sostanza. Ci si dibatte in un modo di vivere in cui le mancanze proprie non vengono riconosciute come bisogni, anzi spesso neppure percepite come proprie, per cui ogni malessere viene proiettato su di un mondo esterno più fantasticato che reale e quindi poi  trasformato non solo in statiche fobie ma più spesso in ostilità allo stato brado o in colpevolizzazioni assurde, se non in disponibilità cieca ad ogni suggestione o persino istigazione. Credendosi all'interno di questo mondo irreale e senza più alcuna padronanza del proprio corpo, ci si rannicchia in una fragilità data per definitiva; si misconoscono gli impulsi interiori per cui tanto spesso la rabbia viene data come "attacco di panico" e gli impulsi sessuali come unico segnale di "diritto ad esistere"; ci si disperde in una rincorsa alla novità; ci si consola in pure esteriorità alla ricerca distraente di divertimento-eccitazione; o ci si consuma in un vortice di sofferenze e rabbie immotivabili obbiettivamente, in una presuntuosa e stizzosa ricerca di dipendenza/tirannia, e di approvazioni gratuite, spesso mischiate con pseudo-ribellioni e con atteggiamenti ricattatori: il tutto sicuramente in un odio programmatico contro ogni consapevolezza, contro ogni autentica partecipazione, contro ogni manifestazione di libertà ed individuazione (vedi in proposito il famoso libro di Aldous Huxley: Mondo Nuovo).

Organizzatori-induttori dello sviluppo

Analogamente alla funzione degli "Organizzatori-induttori" dello sviluppo embrionale esistono infatti precisi bisogni psicologici e/o ambientali (nota bene: BISOGNI non "desideri") che se non appagati producono precise, determinate incompletezze e/o deviazioni a cascata dalle normali, predisposte vie di sviluppo (vedi anche in Imbroglio è il contrario di sviluppo).
Gli esperimenti più celebri di Spemann e della sua collaboratrice, Hilde Mangold, furono pubblicati nel 1924 e portarono al concetto di "induzione primaria" e di "organizzatore". Questa scoperta ha avuto un ruolo centrale nell'embriologia e per molto tempo l'intero sviluppo embrionale, non solo negli anfibi, è stato considerato come una lunga serie di eventi induttivi. Nel 1935, Hans Spemann ottenne il Premio Nobel per la Medicina. Vedi in Biologia dello sviluppo:
... organizzazione embrionale; fenomeni di induzione, territorio induttore e territorio competente; proprietà dell'organizzatore embrionale; generalizzazione dei fenomeni di induzione; induzioni di ordine superiore; gli induttori eterogenei e tentativi di identificazione dei principi induttori.
Come avviene per gli "organizzatori" biologici dello sviluppo embrionale che DEBBONO agire in modi, tempi e soprattutto SEQUENZE stretti e precisi per creare organismi senza difetti e non mostruosità, esistono traumi in apparenza "piccoli" che - se giungono in momenti e modi sbagliati del processo di armonizzazione delle maturazioni intelletuali, sociologiche e affettive - ne scombinano una cruciale fase: e non solo alterano questa cruciale fase di sviluppo, ma anche quelle che vi sono collegate. Ecco un nuovo "mostro", che può avviare a valanga una catena di errori in peggioramento. Ecco che da allora, in un circolo vizioso avvitato su se stesso, queste disorganizzazioni possono continuare ad aggravarsi verso vie patologiche a loro volta aperte a diramarsi al di fuori della persona singola fino a travolgere - nel presente, ma spesso ben oltre anche nel futuro - intere esistenze: la propria e molte altrui.
Ma come si può pensare che, analogamente a quelli "gravi", anche "fatterelli insignificanti" possano dar origine a malattie tanto invalidanti come nevrosi o psicosi?
Come può risultare tale da scombinare l'intera esistenza un - per gli adulti circostanti - "piccolo" disguido "soltanto" a partire dal danno arrecato a una "fase dello sviluppo" non riconosciuta come cruciale?
E se così fosse: come riconoscere e proteggere i fondamentali stadi di discontinuità in cui si perfeziona lo sviluppo? Questo è precisamente il principale scopo del libro: Infanzia: tempo di mutamenti, e lo si può dedurre già dal suo stesso titolo. E se nevrosi e psicosi si strutturano su tentativi di meccanismi di difesa compromissori (vedi ad es. per documentazione e bibliografia Sandler Joseph L' analisi delle difese: conversazioni con Anna Freud), come si può pensare che un bambino piccolo, se non un lattante possa "scegliersi" una "difesa" saggia ed efficace? Vedi ad es. Gianfranco Ravaglia L'INTENZIONE RITROVATA. Intenzioni e vissuti nel lavoro analitico e gli altri suoi scritti, o Sergio Bordi Trauma ed abusi infantili:  teorie della dissociazione e teorie della rimozione.
E vedi anche:
CLINICA DEL TRAUMA E DELLA DISSOCIAZIONE di Philip M.Bromberg.
Nel corso della sua lunga esperienza clinica, Bromberg ha messo in evidenza il ruolo centrale svolto dal trauma nei disturbi della personalità visti come espressione di rigide difese dissociative erette allo scopo sia di impedire l'esperienza interna del trauma sia di mantenere il mondo esterno sotto controllo, evitando il pericolo della ritraumatizzazione. L'autore è giunto così a sviluppare una prospettiva clinica basata sul ruolo della dissociazione nel funzionamento sia normale sia patologico, e sulle sue implicazioni per la relazione terapeutica. La mente e il funzionamento mentale, dice Bromberg, si fondano su una configurazione complessa di stati mutevoli di consapevolezza, ognuno con una propria realtà soggettiva, mantenuti in interazione dinamica da processi di tipo dissociativo. La salute risiede quindi non solo nell'integrazione, ma nella capacità di "restare negli spazi" tra realtà differenti senza perderne alcuna, di sentirsi "uno in molti".

Ogni essere umano e ogni sua attività non sono infatti monolitici: ogni vera esistenza attraversa sì molti cambiamenti episodici, ma per raggiungere la propria pienezza deve aver assecondato ben definite fasi, attraversato cioè normali, predisposte vie e modi di cambiamento in sequenze biologicamente determinate, secondo un ritmo di sviluppi fisiologici (al plurale) modulati sia nei tempi sia nelle modalità.
Comunque le ovvie difficoltà di COMUNICAZIONE - nel senso etimologico di "avere in comune" - non possono prescindere dai differenti punti di vista di ciascuno e quindi dai differenti significati di apparentemente uguali linguaggi: ben vengano quindi le aperte polemiche per permettere di capire e correggere o almeno DISCUTERE termini in apparenza identici ma che invece spalancano "traduzioni" discordanti su scenari antitetici.
Come già esplicitato in altri file/capitoli, occuparsi di argomenti quali quelli dei bambini e della vita domestica non riguarda certamente solo fatti "piccini, insignificanti, estremamente privati" e soprattutto privi di conseguenze:
1. si tratta proprio al contrario di un approccio incentrato su di un massimo di robusta CONCRETEZZA;
2. si tratta di polemizzare senza remore contro gracili, "fumose" ipotesi teoriche;
3. contro inconsistenti "mode" e dettami usciti dal cervello di non si sa chi;
4. contro descrizioni "episodiche", sentimentaloidi, generalizzanti a vuoto, capaci soltanto di impedire ogni riconoscimento di veri collegamenti "concreti" di causa-effetto;
5. contro modi di pensare in fondo così poco realistici e precari da divenire essi stessi spesso causa di perfin dirette violenze;
6. contro il disprezzo e la sconfessione della MEMORIA
7. in favore della completezza dell'ESSERE a QUATTRO dimensioni: anche in quella del tempo

Memoria e consapevolezza

Uno - stupido - luogo comune dà per - quasi - scontato che i "ricordi" siano strettamente legati al linguaggio verbale e non possano iniziare se non dalla "loquace" fanciullezza o almeno da un'età come i tre anni in cui la "parola" è ormai consolidata. Al contrario difficilmente si tien conto che il "povero e lento" ma fin troppo trasmissibile linguaggio verbale - sia espresso sia anche contenuto all'interno del proprio "pensiero" - possa risultare fin troppo menzognero: possa distribuire in giro informazioni travisate, distorte, censurate sostituendo contenuti di fatti, dati e nomi e possa alterarne il significato omettendo o spostando magari anche solo minimi particolari. Ne è  - tipico esempio la locuzione "de mortuis nihil nisi bonum"= "dei morti non si dice che bene", ma altrettanto vale per il pettegolezzo che cuce indefinitamente addosso a chi ne è vittima un quadro di maniera e di interpretazione altrui. Anche l'avvicendarsi dei "complessi", non riconosciuto nel suo evolversi, può mistificare non solo il "ritratto" oggettivato da altri ma anche le interpretazioni soggettive riguardanti un proprio ipotetico  "carattere"
Comunque sia la regia di un documentario non può che "scegliere" le scene e i contorni da evidenziare o da omettere indirizzando così negli spettatori un'interpretazione piuttosto che un'altra: altrettanto ricordi artefatti e statici collettivi e/o personali - pettegoli o letterari - alterano in modo emotivo le percezioni soggettive, mentre scelte arbitrarie dei significati e addirittura dei CONTENUTIromanzate. Ne risulta che tutte le biografie e anche le "autobiografie" - chiacchierate o scritte - sono in fondo sostanzialmente FALSE sul doppio binario di particolari talmente enfatizzati da coprire il loro significato e diventare totalizzanti e di particolari fatti sparire perché collegati con qualcosa di sgradito.
La serie di episodi esposti in uno scambio di mail esemplifica bene questi concetti partendo dallo statico Album di famiglia al ricordo ritrovato del "grosso cane bianco":
costruiscono vicende con descrizioni che immobilizzano un essere vivente nell'effige mortuaria di un singolo momento delle sue fasi di sviluppo o in generale della sua esistenza.

Mia madre aveva negli anni costruito un’immagine di me... che si è sostituita a me agli occhi di tutti
Da un bel po’ di tempo, circa un anno, lavoro su di me su un qualcosa che ho chiamato l’album di famiglia. E credo che nessun nome possa essere più congeniale. Tutto è iniziato la scorsa estate a casa di mia zia, frequentata da una nipote che, purtroppo, pare essere desolatamente vuota, un triste guscio. La nonna la tratta con una certa durezza, senza accorgersi che la vittima principale è la ragazza, una ventenne con la testa di una quattordicenne sciocca. Parlando con mia zia, del fatto che forse non tutto era da addebitare a lei, mia zia è uscita fuori con una frase del tipo... anche tu eri molto difficile da ragazzo. Poi col tempo sei migliorato. Ma quella frase mi aveva fatto riconoscere un qualcosa di chiaramente preciso. Mia zia non mi conosceva per nulla! Né mi aveva conosciuto da ragazzo. Mia madre aveva negli anni costruito un’immagine di me, una perfetta fotografia, che a furia di essere ripetuta a destra e manca, si è sostituita a me agli occhi di tutti. Mia zia non conosceva me, ma quella fotografia… Questa cosa mi ha dato anche un tuffo al cuore, nel dolore, un qualcosa che sembrava anche una sotterranea gioia. Mi accorgevo di come la mia famiglia, in senso più ampio, di zii e cugini, conoscesse in fondo solo una fotografia di me, bidimensionale, ferma nel tempo, un’immagine e per giunta, sbiadita. Mi rattristavo di come fossero stati così pigri da non avermi voluto conoscere e, in fondo, corresponsabili del mio essere stato lasciato solo a me stesso.
Ritrovavo però dopo un po’ di tempo il me stesso solido che era uscito dagli anni di lavoro su di me, quello che camminava sulle proprie gambe e che era in grado di vivere e condividere il mondo vero.
Poi, quest’anno, quasi per caso, in uno scambio di battute con mia sorella lei si è lamentata di come le fosse pesato da bambino, del fatto che mia madre mi avesse letteralmente affidato a lei, di come le avesse in qualche modo pesato nella sua infanzia questo fatto.
Questa cosa mi ha profondamente colpito. Non per quanto reclamava mia sorella, giustamente. Ma per il fatto che io stesso, a mia volta, ero stato abituato a guardare solo una fotografia di mia sorella: quella della bambina felice che voleva tanto bene al fratellino.Mia madre aveva fatto davvero un notevole lavoro. E nonostante tutta la strada che, davvero, penso di avere fatto. ... sto iniziando a guardare mia sorella per quello che è, partendo quasi da zero, lasciando da parte le invidie, le rabbie. Eravamo bambini ed entrambi vittime, pur in modi diversi. Da lì, penso di essere precipitato. Ho iniziato a comportarmi in modo strano. Ad avere spesso pensieri piccoli, meschini, piccole invidie. i L. e K. hanno perfino coniato un nome per quel mio modo di fare; entrambi senza parlarsi l’hanno soprannominata la maestrina… Ad oggi non ho ancora capito bene cosa sia quella cosa autoritaria e meschina. Penso sia legata a mia madre, ma non riesco ad individuarla bene. Poi, poco dopo, è successa un’altra cosa strana. Ho iniziato a sentirmi ancora più lontano da me, di quanto mi sentissi quando ero maestrina. Quest’altra parte di me sentiva il bisogno nascosto di esibirsi, di proporsi, per emanciparsi da un mai superato complesso di inferiorità. In quei giorni, a quel bisogno si accompagnava, quasi per contrappasso, una totale incapacità di parlare. Non trovavo le parole. In realtà, era come se le avessi dimenticate. E mi spiaceva per esempio, non riuscire a replicare ad una battuta, perché significava veramente che non ero io: io sono una persona tutto sommato arguta e vivace. In un contesto amichevole scherzo e gioco. E non ci riuscivo. Ciò che ho pensato, in questo tempo in cui mi pare di essermi lasciato da parte, è quello di indossare i vestiti che io ho visto indossare dai miei. Non so perché l’ho fatto. Ne farei veramente a meno. Non solo credo di aver indossato i loro vestiti, ma di non essere mai stato più simile a loro. Perché? Perché ho iniziato a non sentirmi di nuovo me stesso? Dove sono andato a finire?
Mi attanaglia la paura di aver perso le gambe, o più precisamente i piedini, che con fatica ho ritrovato, ho ricordato di avere. Questa è veramente la cosa che più temo.
Ed arriviamo ad oggi. Io credo una cosa, e forse non mi sbaglio. In qualche modo è come se, una volta attivato l'orologio del presente, stia andando indietro seguendo una modalità non lineare, che non prevedo e non comprendo, nel tentativo di far ripartire l'orologio del passato. E la cosa è molto complessa, dolorosa ed impegnativa... Le faccio un esempio: dopo la frase di mia sorella, tornando dai miei nei giorni successivi, ho guardato verso un prato davanti alla casa: in quel prato mi sono ricordato di un grosso cane bianco, giovane e dinoccolato, come spesso sono i giovani cani di grossa taglia. Ho chiesto ai miei conferma, ma nessuno se lo ricordava. Dopo tanta fatica mia madre ha ricordato. Era un cane randagio che era stato ospitato da mia zia poco più di una settimana. Poi, per volere del nonno che non voleva un secondo cane, era stato dato via.Questo era un ricordo mio, non una fotografia.Devo inoltre dire che la foto in cui ero prigioniero voleva che perdessi i rapporti con quella zia, molto in antipatia a mia madre.
Quella zia, è stata la persona che più mi ha ascoltato, seguito, fatto giocare nella mia infanzia. E io neanche me lo ricordavo più


"Disturbante da nascondere" e "meccanismi di difesa"

Televideo 04/07/2007 02:40 Brutti ricordi addio, grazie a pillola
Arriva la pillola dell'amnesia selettiva.Lo hanno annunciato scienziati del McGill University di Montreal e dell' Harvard University di Boston, che hanno condotto la ricerca in parallelo. Il farmaco causa alcune reazioni chimiche nel cervello cancellando i brutti ricordi. Secondo i ricercatori, per cancellare il ricordo di un trauma l'effetto della "pillola" va coadiuvato con una terapia psichiatrica. Se il farmaco viene preso solo nel momento in cui si ricorda qualcosa di spiacevole,il brutto ricordo viene solo affievolito.

Ben frequenti - e spesso comunque molesti - sono i casi dei grossi vuoti di memoria in cui è stato "ricacciato" - incosapevolmente - qualcosa di disturbante. Può capitare a chiunque come quella situazione occasionale e momentanea chiamata popolarmente "lapsus" o, peggio, in quello stato di smarrimento totale ufficialmente definito "dissociazione" nel fondamentale testo DSM-IV a pag. 526 e seg. Non si tratta ad ogni modo mai di un problema di per sé di età o di distanza nel tempo: i vecchi ricordano meglio le esperienze remotissime che quelle recenti, e, in qualsiasi mommento è dimostrata la possibilità che ci si possa ricordare di esperienze persin prenatali. Infatti questo oblio censura che attinge, sprecandole, a energie soprattutto della sfera sessuale, non è né un difetto né una debolezza: anzi è qualcosa come una - seppur inconscia - deliberata, e estenuante CENSURA che blocca energie, rende frammentaria l'esperienza e così trascina seco conseguenze a valanga, sia come impoverimento che come rischio.

Le EMOZIONI, questi strumenti di adesione alla vita, queste fonti di energia che conducono verso la partecipazione consapevole e su cui vengono a costruirsi quelle ESPERIENZE arricchenti che stanno all'origine della saggezza, diventano invece un esplosivo  conglomerato di turbamenti inconsci, di frantumi deteriorati fuori di ogni controllo. Anzi in ogni momento ad ogni esperienza soggettivamente risvegliante antichi traumi, il rimosso (per usare la terminologia di Freud) tende ad esplodere: devasta la persona nel suo insieme, fisico e mentale, spesso anche trascinando con sè familiari e persino vicini o colleghi. Queste emozioni non sviluppate e rinchiuse inevitabilmente si esprimono in una cecità ai veri rapporti, in un'intrecciarsi di solitudini interiori, in cui caricature di rapporti solo fantasticati si annodano come "legami", in nodi, che a loro volta si stringono sempre più in progressiva ostilità, in aggravamenti che a valanga cortocircuitano mente e sensibilità, chiuse all'esperienza.
Il libro di Ronald Laing Nodi - con una serie di esempi, espressi in forma scherzosa e proprio per questo, efficacissima - illumina i coinvolgimenti fasulli che accentuano le solitudini interiori: in versi tratteggia dialoghi tra sordi in cui quelle assurde, e purtroppo così frequenti, incomprensioni, se non fraintendimenti che vengono ad innescarsi su arbitrariamente credute "altruistiche" identificazioni-proiettive.)
L'affetto vero non può mai essere "troppo": favorisce la nutrizione, l'assimilazione, la crescita; e favorisce anche parallelamente i loro sublimati: l'apertura verso l'esterno, la partecipazione emotiva, la "propria" affettività, ed anche il proprio pensiero, la curiosità, la "creatività", la voglia di provare, sentire, prender parte, fare. Ma esiste anche un affetto "falso" che in modo fastidioso si intromette nell'altrui esistenza persino contrabbandando per sollecitudine l'interferire con le funzioni fisiche altrui; un presuntuoso "affetto" che chiede "gratirudine" ed invece diviene fonte di odio o di interiori equivoci colpevolizzanti aumentando così il potenziale di aggressività distruttiva nel soggetto e in chi lo circonda in un vortice di maggiore ansia e maggiore distruttività, di malanni fisici e di veri pericoli - come i terribili incidenti come le stragi del sabato sera.


Sfide folli n città a duecento all'ora
CRONACHE: Due o tre alla volta, Dipenda da quanto è larga la strada
intervista a un "pilota"
 c’è chi si fa un sacco di soldi ma l’unica cosa che conta è l’adrenalina... C’è bisogno di un rettilineo per portare la macchiana alla massima velocità, bastano tre o quattro chilomentri, ma più è lungo meglio è...
Quante sono le macchine che partecipano?

Di solito sono un centinaio. Qualche volta di meno, spesso di più.
Come funzionano le gare?
Ci si guarda e ci si sfida. Due o quattro per volta a seconda della larghezza della strada.
tolleranza zero

TOLLERANZA ZERO
Corpi mutilati e auto distrutte
Spot choc contro le stragi





mercoledì 9 febbraio 2011 Come viaggiare a 100 km/h nella nebbia verso la morte,
di Massimo Gramellini
Due morti e decine di incidenti, tamponamenti e feriti sulle autostrade del Nord-Est fasciate dalla nebbia. E la solita domanda: perché? Perché le persone non alzano il piede dall’acceleratore quando intorno a loro la visibilità si riduce a una coperta di latte? Escludiamo che siano tutti ubriachi, o pazzi o aspiranti suicidi. Resta una sola ipotesi: è saltato il senso del limite, la percezione chiara che ogni gesto non è un arabesco nell’iperspazio virtuale, ma va a finire da qualche parte, dove produce effetti concreti e definitivi: se non bagni un fiore, il fiore appassisce; se hai l’amante, tradisci il partner; se corri in auto nella nebbia, prima o poi andrai a sbattere.
Si chiama nesso di causalità e una volta lo insegnavano alle elementari, suppongo anche adesso. E allora cos’è che non si insegna più? Le ringhiere. Nessuno ci insegna più a mettere le ringhiere. Le macchine hanno gli airbag, e noi? Le regole non sono una bizzarria concepita dai tiranni. Sono linee di confine che servono a rassicurare le persone e a renderle coscienti dei propri limiti affinché siano in grado di superarli. Come la metrica nella poesia, hanno il compito di dare ritmo e forma all’esistenza. Le ringhiere interiori proteggono dall’eccesso, dall’arbitrio, dalla perdita di contatto col proprio corpo e con tutto ciò che lo circonda. La libertà consiste nello scavalcarle. Ma senza di esse si brancola in uno spazio informe e alla fine si precipita.



Ad ogni modo non si può vivere bene e prosperare se l'affettività non viene affiancata da aumenti proporzionali di spazio utilizzabile a disposizione; e se energie ristrette e bloccate possono esplodere per reazione ad una noia "mortale" potenzialmente davvero mortifera, possono anche implodere trasformate in paralizzanti paure. Ma pur nelle migliori situazioni ogni allargamento di "aperture" riapre grossi varchi di maggior partecipazione: da cui maggior reattività neurovegetativa, maggiore vulnerabilità emotiva, rischio accresciuto di più diversificate sofferenze e preoccupazioni anche per la comparsa di emozioni NUOVE come la dignità, l'indignazione e la prudente lungimiranza.
Come magari si legge in Platone nel Libro Settimo de La Repubblica

Un individuo con qualità piú elevate ha maggiori bisogni per essere felice, è probabilmente capace di più acute sofferenze, ed è certo più sensibile ad esse per molti aspetti, di un individuo con qualità inferiori... Chiunque supponga che questa preferenza abbia luogo mediante un sacrificio della felicità - che l’essere superiore in uguali circostanze non è piú felice dell’inferiore - confonde i due concetti completamente diversi di felicità e di soddisfazione.

Ma - come "non" si legge certo ne La Repubblica di Platone - se tutto ciò potesse realizzarsi e valorizzarsi questo avverrà però solo per espansioni graduali e successive e per mezzo di un parallelo e graduale irrobustimento dell'Io, tramite esperienze calibrate da costanti precauzioni.

"Paura" crede di raggiungere la salvezza costruendo barricate: e così restringe spazi, conoscenza, rapporti e consapevolezza... e continua ad ampliare invece sempre rinnovati motivi di trepidazione e di bisogno di dipendenza.

copyright Pucci Violi

Va quindi puntualizzato che un qualcosa di disturbante da nascondere può sia riguardare esperienze "esterne", cioè fatti dolorosi accaduti, sia altrettanto insopportate "esperienze" interne: cioè emozioni inaccettate in quanto troppo in contraddizione con altre emozioni; con altre possibilità dell'esistenza; con una visione unitaria ma ristretta della propria individualità; con conflitti insormontabili tra gli affetti e se stessi; con il bisogno di appartenenza in contraddizione con passate - o prospettabili - situazioni e possibilità proprie; in contraddizione tra progetti di attuabilità incerta e voglia passiva e dipendente di delegare ad altri il soddisfacimento dei propri desideri; tra ambizione e evitamento dell'insuccesso... e così via. 
Lo sviluppo è vario, discontinuo  e tanto più vario e discontinuo quanto più è preparatorio ad una vita varia, ricca, piena, "potente" (cioè in possesso di varie, ricche, piene "possibilità"): solo un'attività varia, discontinua, modificabile, abbandonabile senza conseguenze, fine a se stessa come è appunto il gioco, il vero gioco non inquinato dalle pretese, dalle pressioni adulte può permettere questi allargamenti di orizzonti e questi aumenti di possibilità, ma esistono altre vie in cui queste discontinuità diventano patologiche.

Personalità' Multiple e Annullamento della Volontà

Disturbo Post-Traumatico da Stress Disturbo Dissociativo dell'IdentitàCodici di classificazione ICD-9-CM (EN) 300.14 ICD-10 (EN) F44.8 Sinonimi , vedi anche:Società Internazionale per lo Studio del Trauma e della dissociazione (ISST-D)
Esistono sistemi intenzionali e in vista di sfruttabili finalità psicologici e abusivi (NON TECNOLOGICI) di annullamento della volontà e di "frammentazione" della memoria fino alla "costruzione" di personalità multiple (MPD / DID): .
Come chiede e si chiede Wanda Karriker:
Dove sono adesso?
Perchè agenti segreti, spie, informatori, assassini... "costruiti" per mezzo del lavaggio del cervello funzionano meglio dei consapevoli, stipendiati agenti segreti / spie?


Per alcune informazioni sulle cosidette "esperienze critiche" che portano al soverchiamento delle capacità di modulazione delle emozioni e relativi meccanismi psichici di difese vedi Trauma e memoria: dissociazione (DSM-IV R da pag 525 e seg.) citato anche nel sito memorie ed emozioni non raccolte... non credute... o peggio derise...: vedine altri dati in Imbroglio è il contraio di sviluppo e nei link ivi proposti.
Direttamente dalla rete si può scaricare, stampare e leggere in tablet o e-book la traduzione in italiano del libro di Libro-Regina-Louf.pdf

E qui ne proponiamo alcuni stralci
La testimonianza di Regina Louf (traduzione in italiano)

 Eccoci dunque all’ultimo post sulla storia di Regina. Comprendo quanto la tematica sia molto difficile, ma spero siate arrivati fino a qui.E vorrei concludere con alcune speranze. Spero che, quando sentirete parlare di pedo-pornografia, prima di scagliarsi sui fruitori di questo squallido materiale, ci si chieda chi sono le piccole vittime che vi si trovano filmate. Da dove arrivano e che fine fanno. Spero, alla luce della testimonianza di Regina (e non solo, ma qui mi sono limitato a lei), che si comprenda che esistono abusi che vanno ben oltre l’ambito familiare o l’idea del pedofilo come "predatore solitario" (in quest’ottica a cosa serve strillare alla castrazione chimica?). Spero che si creda che le organizzazioni pedofile esistono non solo in paesi lontani come la Thailandia, terra di turismo sessuale. Perché le organizzazioni di piccoli schiavi esistono. Anche nella nostra ricca e civile Europa, anche nel nostro paese. In modo silenzioso, continuano ad esistere sotto ai nostri occhi veri e propri campi di concentramento, vere e proprie vittime di campi di concentramento. E spero inoltre che queste poche parole sulla storia Regina possano essere sufficienti per instillare il dubbio che forse questi tipi di abusi non hanno a che fare solo con le perversioni sessuali. Del resto è una constatazioni che anche in Italia esistono, oggi!, in tempo di pace, migliaia di persone affette da DID, disturbo delle personalità multiple, che sopraggiunge in casi di sistematici abusi sessuali che sconfinano nella tortura, proprio quella tortura che non è contemplata nella nostra legislatura. Così, come credo all’Olocausto e all’orrore del nazismo, alla violenza dell’uomo sull’uomo, alle torture che avvengono nei territori di guerra e nelle prigioni, allo stesso modo credo alla storia di orrore narrata da Regina e dalle altre ex-vittime.
Spero davvero di non essere solo. Spero davvero di non lasciarla sola. Di non lasciarli soli.

Morton PrinceDall'ottundimento e/o dall'oblio si può non giungere comunque alla completa passiva "pazzia": esistono anche veramente casi in cui si arriva alle - attive - personalità sdoppiate o multiple: persone il cui corpo autentico viene addirittura "dimenticato", che di momento in momento si "credono" un'altra (o altre) persone e si comportano di conseguenza. Sono situazioni reali e non di fantascienza, riscontrabili ovunque e non soltanto in America: probabilmente non dovute ad eventuali cause intrinseche o in consequenza di semplici "traumi", ma create invece artificialmente. Sistemi psicologici abusanti (sia tecnologici che scientificamente "psicologici") possono attuare un annullamento della volontà e una "frammentazione della memoria", fino alla "costruzione" intenzionale di multipli (MPD / DID: da non confondersi con la ben differente schizofrenia): e questo in vista anche di sfruttabili finalità. E' probabile che per lo più questi sdoppiamenti derivino da queste cause "artificiali", ma non è certo questa la sede per parlarne: molto dimostrativo dal lato descrittivo è ad ogni modo il libro di F.Rheta Schreiber Sybil  in cui si descrive un caso paradigmatico di personalità multiple. (Ne esisteva anche una traduzione in italiano ora introvabile, ne fu tratto anche un film (Sybil (1976) (TV regia Daniel Petrie, attori: Sally Field come Sybil Dorsett, Joanne Woodward come Dr. Cornelia Wilbur), anch'esso tradotto in italiano e anch'esso subito sparito dalla circolazione).

In Morning Come Quickly chiede e si chiede Wanda Karriker:
Where are they now? [= Dove sono adesso? ]
Parti di una testimonianza riferita nel file/capitolo ESPERIMENTI SU BAMBINE_I.PDF, documentanti fatti ed esperienze ricordati in prima persona, sono stato riportati anche in questo file/capitolo: ed ed ecco un commento recente da parte di un amico del periodo dell'adolescenza della protagonista, poi accertata esser stata una "personalità multipla"
- mi sembrava di aver a che fare con una "cooperativa" non con "una" persona.
Ed ecco il "come" dal suo commento si arriva al vero problema e alle sue diramazioni e cause:
Perché agenti segreti, spie, informatori, assassini... "costruiti" per mezzo del lavaggio del cervello funzionano meglio dei consapevoli, stipendiati agenti segreti / spie?

Vedi le complete testimonianze di PRIMA MANO unitamente a bibliografie internazionali e a documenti autentici:
Up-to-date Dossiers di Gli Abusi mentali, fisici e tecnologici NON sono Fantascienza / It's Abuse NOT Science fiction

Stralci da una pregnante testimonianza italiana - per il testo completo vedi ESPERIMENTI SU BAMBNE/I. Un paragrafo - firmato con un nome differente da quello anagrafico - ad indicare la "personalità" autenticamente multipla - rivela vome questa persona molto spesso si presenti in un modo, con un abbigliamento e con un linguaggio verbale e comportamentale ben diverso da quanto - come origine, formazione, ambiente sarebbe stato logico aspettarsi. Ed a questo va aggiunto un particolare piuttosto singolare: un udito straordinario.
Tutto mi era estraneo e tremendamente spaventoso. IO ero altro da ME.
Sogno e considerazioni del 28 ottobre 2007:
Una bimba appoggia la testa sul mio seno, una, due, tre volte e poi improvvisamente si stacca e guardandomi dritta negli occhi con aria di chi sa quello che sta facendo, mi dice: "comunque non mi piaceva il tuo accarezzarmi la testa ...".accarezzarmi la testa ...". Già, io ero in piedi e la abbracciavo e nel mentre le accarezzavo la piccola testa. Ci sono rimasta male non tanto per ciò che mi aveva detto, ma per lo sguardo furbo e cattivo rivoltomi ... infido, mi stava studiando e pareva avesse capito chi si trovava davanti. ...La bimba sicuramente ero io, forse una personalità. Aveva uno sguardo che metteva a disagio e scrutava, scrutava ... Ricostruire, ricostruire, cercare di ricordare. Mi sono chiesta più volte come mi vivono le persone che mi conoscono e quelle che mi hanno conosciuta. ... Sono stanca e scoraggiata, ogni volta che vedo delle possibilità, qualcosa o qualcuno mi mette i bastoni tra le ruote e mi sembra di ritornare indietro e devo fare un enorme sforzo per rimotivarmi.
Eppure all'esterno non trapelava che ben poco. Eppure almeno alcuni di questi bambini per determinati periodi conducevano anche una vita in apparenza "come gli altri". Ma non veramente "come gli altri", poiché NULLA doveva trapelare di quanto nella loro altra "vita" accadeva: e così - ancor ora nel ricordo - per un altro "sopravvissuto"  veri terribili incubi non erano le interrogazioni "tecnologiche", ma i "temi liberi" ed ancor più le interrogazioni di Storia.

Dal collegio in poi mi sono stati RUBATI i miei no, i miei NON HO VOGLIA, i miei PENSIERI PRIVATI, i miei affetti e le mie QUALITA' che hanno trasformato in armi non convenzionali e mortali. Sono stata rivoltata come un calzino e TRASFORMATA in animale da combattimento. Da BAMBINA sono stata "cambiata" in un essere a me del tutto sconosciuto. Un corpo solo con 100 teste ed ognuna di esse ha volontà, pensieri e atti propri e tra di loro NON SI CONOSCONO !!!  Avete idea della confusione che crea tutto ciò?!! IO DOVE SONO? ESISTO ANCORA O SONO STATA DEL TUTTO CANCELLATA? IO NON SONO UN DEMONE, NON NASCO DEMONE.
Sono stanca, molto stanca. La verità per me è un fatto di PANCIA! In fondo è da lì che la mia ribellione è partita e forse la bambina del sogno E' LA VERITA' IN PERSONA che si accorge che la mia "dolcezza" è fasulla, mi fa sapere che lei sa, mi critica, mi dice esplicitamente di smetterla di essere mite, docile e lo sguardo che usa è sincero ed è il mio quando SENTO che L'altro subentra ed assume il controllo del mio essere INTERO (corpo e mente). Sono io la fasulla e non la bambina, perchè io sono il risultato di continue manipolazioni. La bambina è rimasta tale, come lo è la verità ed i fatti, bisogna assolutamente liberarla dalle sovra strutture in cui è stata imprigionata e che a distanza di tempo sono diventate macerie. Spero di riuscire a ritrovarmi. Lo spero sinceramente.

E d'altra parte: come distinguere testimonianze di "fatti" da elucubrazioni magari ossessive se non deliranti? Ecco una CONCRETA e PERSONALE innoppugnabile risposta a questa domanda da parte di chi davvero conosce bene il vissuto e il ri-vissuto di entrambe queste due possibilità:
Sono contenta di essere riuscita a scriverle queste poche righe. Lei sa che mi piace mettere i puntini sulle i sino alla nausea. La chiarezza, la verità sopra ogni cosa, soprattutto sulle cose davvero importanti

Resilienza e RECUPERO

scritto il 21 marzo 2009 (da notare: non è altro che la CONTINUAZIONE - graduale e coerente - di quanto scritto nel paragrafo testimonianza ITALIANA presente con altre testimonianze ancor più crude nell'intero file ESPERIMENTI SU BAMBINE/I)

Riflettevo sulla domanda: sono intelligente?
La domanda giusta, in realtà, avrebbe dovuto essere questa:
Chi vede adesso? Mi vede? Mi riconosce? Sono IO.
L' intelligenza è per me, non una personalità, ma qualcosa che mi appartiene da sempre, come un pensiero personale, un' opinione, un disegno, un ricordo che per anni sono stati sepolti da altro e altro ancora. Adesso quel modo di sentire e vedere la realtà è di nuovo con me, pulito, rispolverato: è vivo, lucido, pressante, pulsa... Rivedo le distanze, risento le persone, riguardo gli spazi ampi, rivedo le possibilità e tutto ciò mi era mancato...e tanto!!!  Il pensiero libero...la fantasia... tutte cose che posso ripermettermi di FARE!!!  E  disfare  a mio piacimento. Non si smette mai di imparare, ne di ripassare.
Ho scoperto che anche il ripasso è fondamentale. In fondo, quando ricordiamo, ripassiamo, ripercorriamo, ritorniamo.

"Rivissuti",  "cervello viscerale", consapevolezze precocissime...

Da una citazione generica:
In realtà – continua Freud – tra la tecnica della suggestione e quella analitica esiste la più grande antitesi, quell’antitesi che il grande Leonardo da Vinci ha compendiato, per quanto riguarda le arti, nelle formule per via di porre e per via di levare
Base portante della grande SCOPERTA, del grande ragalo datoci da Freud - la PSICANALISI  è quella di EQUIPARARE la cura dei pazienti sofferenti per accadimenti traumatizzanti a quella destinata a chi è danneggiato da conflitti interni irrisolti (vedi l'antitesi: "imbroglio/sviluppo" al lemma 2327 del Dizionario dei sinonimi e contrari), e/o da emozioni soggettivamente inaccettabili. Proprio questo riconquistato RISPETTO per entrambe le situazioni ha permesso un così enorme progresso nella teoria e nella pratica. E da allora non solo offre una così valida possibilità agli psichiatri di ottenere vere guarigioni, ma propone anche più precise possibilità di cura alla medicina nel suo insieme, oltre che garantire continui apporti concreti al generale bagaglio della SCIENZA tutta.

Stanfort University

Serie ricerche scientificamente corrette
basi biologiche dellememorie represse: vedine i links e un estratto in Consciusness and memory.


Alcol cancella brutti ricordi e preserva buoni

Roma, 10 set. (Adnkronos Salute) - E' la scusa perfetta per chiedere un altro drink. Alzare il gomito, come suggerisce un antico adagio, aiuta a dimenticare. E nel migliore dei modi. Stando alla ricerca della Sussex University, infatti, l'alcol spazza via dai recessi della memoria solo i cattivi ricordi, preservando quelli buoni. Una scoperta, suggerisce Theodora Duka, ricercatrice a capo dello studio, che potrebbe aiutarci a comprendere meglio i meccanismi della dipendenza da alcol.
 ... Alle lunghe troppo alcol danneggia in maniera permanente la capacità mnemonica del cervello, avvertono i ricercatori che lanciano l'allarme nei confronti dei giovani accaniti binge-drinker, cioè tra quanti si sbronzano pesantemente e regolarmente, specie nei fine settimana. Per questi ragazzi ai possibili danni cerebrali si aggiungono poi le eventuali e pericolose conseguenze di gesti avventati compiuti sotto l'effetto dell'alcol.


Infatti, anche quando l'oblio è profondo e pesante (e, come spesso accade, "aiutato" da alcool o da droghe, se non autorizzato da farmaci e metodi come l'elettroshock - e non solo), in ogni momento possono comparire subitanei violenti sprazzi di vivide memorie.
Marcel Proust ha scritto su questa base la sua opera principale Alla ricerca del tempo perduto, ma immediate illuminazioni efficacemente chiamati flash-backs o rivissuti (vedi appunto il testo del Brutto sogno ricorrente) possono spontaneamente diradare l'ottundimento, o farsi largo al cedere dello sforzo della censura. (Un esauriente articolo di Lorenza Foschini nel numero 424 del 26 giugno 2004 della rivista Specchio - Quant'è chic ammalarsi di "proustite" - prospetta ampi scorci su questa "scoperta" e sui suoi entusiasti seguaci). Ne sono stati tratti alcuni film da singole parti, ma chi non avesse voglia di leggere i dodici volumi della Ricerca di Proust, ma solo accontentarsi delle esemplificazioni del concetto di "autobiogafia emozionale" può ritrovare esaltata la "grande scoperta" con i suoi "moduli della memoria involontaria" nel film Le intermittenze del cuore.

Memorie ritrovate e memorie da perdere...
... questa creatura firmata da Kaufman e dal genietto dei videoclip pop Michel Gondry merita di essere vista con una mente immacolata. Eternal Sunshine of the Spotless Mind è il vero titolo del film che in Italia è disgraziatamente distribuito come Se mi lasci ti cancello. Eternal Sunshine of the Spotless Mind è la storia di un uomo appena uscito dalla relazione più importante della sua vita: Clementine, bella, vitale, vulcanica, se n'è andata sbattendo la porta dopo l'ennesima, stupida lite. Ma la cosa più incomprensibile e dolorosa è che la ragazza sembra non riconoscerlo più. Saranno gli amici a rivelare a Joel la scioccante verità: Clementine si è rivolta al Lacuna Inc., una centro medico che ha brevettato una tecnica rivoluzionaria che permette di liberarsi dei brutti ricordi, e ha fatto cancellare dal propria memoria ogni traccia della loro relazione.
(dal commento di Alessia Starace)
Libri di Proust Marcel


Marcel Proust ha scritto su questa base la sua opera principale Alla ricerca del tempo perduto
L'articolo - Quant'è chic ammalarsi di "proustite - prospetta ampi scorci su questa "scoperta" e sui suoi entusiasti seguaci)
intermittenze del cuore
E' la storia, ambientata fra l'Italia, la Francia e la Svizzera, di un regista che prepara un film sulla vita di Proust commissionatogli da un produttore parigino e che, mentre il lavoro di scrittura procede, rivede alcuni momenti salienti della propria vita secondo i moduli della memoria involontaria, la grande scoperta proustiana. Così, attraverso una serie di libere associazioni (visive, tattili, auditive) riaffiorano alcune esperienze capitali del suo passato: l'abbandono della lotta partigiana per rifugiarsi in un sanatorio durante la guerra, il ripetuto innamoramento per la stessa donna che a distanza di anni non riconosce, il viaggio in Svizzera per farla abortire,... il rapporto col figlio ventenne che gli restituisce l'Immagine della sua giovinezza.)

Regia: Michel Gondry
Interpreti: Jim Carrey - Joel Barish,
Kate Winslet - Clementine Kruczynski

Joel viene a sapere che la sua ex-ragazza Clementine si è fatta cancellare dalla memoria la loro difficile  relazione, ed è così sconvolto da decidere di subire la stessa operazione. Ma durante l'esecuzione cambia idea e tenta di tutto pur di non eliminare la loro relazione dalla sua mente.



Se mi lasci ti cancello

Titolo originale:  Eternal Sunshine of the Spotless Mind Paese: USA Anno: 2004 Genere: Commedia, Romantico

Riassumendo:
mai questo recupero "proustiano" delle "immagini" della propria vita avviene per sforzo di volontà, né per una particolare capacità della mente, e neanche per un qualcosa di "magico" come potrebbe apparire poiché spesso i flash-backs con i loro vividi RIVISSUTI possono essere accompagnati da genuine, inaspettatate manifestazioni corporee.
E comunque più recenti studi scientifici ci dicono che "
Ricordate la famigerata molecola della memoria? Beh, dimenticatela. A quanto pare si è trattato di un abbaglio" (Vedi l'articolo originale in Nature con bibliografia e commenti in Consciousness and memory
CRONACA – Ricordate la famigerata molecola della memoria? Beh, dimenticatela. A quanto pare si è trattato di un abbaglio, o meglio di una sovrastima, almeno secondo due nuovi studi (questo e questo) pubblicati il 2 gennaio scorso su Nature. L’enzima, che si chiama M-ζ chinasi (PKMzeta), dal 2007 circa ha iniziato a suscitare scalpore. Secondo il suo scopritore, Todd Sacktor, e secondo alcuni studi successivi l’attività di questa molecola sarebbe fondamentale per “fermare” in memoria un ricordo (e la sua assenza ne favorirebbe la scomparsa).
Peccato che ora due gruppi indipendenti di ricercatori abbiamo usato un modello animale, dei roditori ingegnerizzati privi di questo enzima e senza alcun problema di memoria. Per stessa ammissione dei due gruppi, uno capitanato da Richard Huganir dell’Università Johns Hopkins University e l’altro da Robert Messing VICE PROVOST FOR BIOMEDICAL SCIENCES EUREKA University of Texas at Austin: i risultati sono stati una sorpresa e dimostrano in maniera abbastanza conclusiva che la molecola non è l’unica responsabile della formazione del ricordo a lungo termine. Non significa che l’enziam non abbia una qualche funzione in memoria, ma che certamente non ha un ruolo essenziale. Sanktor dalla sua ha ribattuto subito che i risultati non sono troppo sorprendenti: un altro gene potrebbe aver compensato la mancanza dell’enzima (come spesso succede in questi topi in cui viene cancellata qualche sequenza di DNA). In realtà però il team di Huganir ha anche cancellato solo temporaneamente e in topi adulti la presenza dell’enzima (somministrando un farmaco) e questo contrasta con l’ipotesi di qualche meccanismo di back-up che si forma durante lo sviluppo dell’organismo. L’ipotesi più prudente al momento è che esistano diversi processi paralleli per la consolidazione dei ricordi nella memoria a lungo termine.
4 gennaio 2013 CRONACA, NOTIZIE Tagged: memoria, PKMzeta, Todd Sanktor
Questo articolo è pubblicato su OggiScienza con licenza creative commons. Federica Sgorbissa

Sistema APUD e altri dati scientifici


Ripetiamo che - come viene ampiamente affermato nel paragrafo inizio del file/capitolo introduttivo - anche il libro è stato creato con lo scopo di rispecchiare il più possibile il sito Web da cui deriva: entrambi vanno pertanto utilizzati come una vera Enciclopedia tematica. Nei loro differenti contesti di riferimento i vari file/capitoli ed anche sotto-capitoli possono cioè venir letti a se stante da chi preferisce prendere in considerazione l'insieme dell'argomento dall'uno o dall'altro punto di vista. Il paragrafo sui feromoni con spiegazioni più dettagliate si trova anche nel file/capitolo Quando la cartella clinica è terapeutica della Parte prima, e così pure sono ripetuti tali e quali molti dati esposti nei paragrafi seguenti: per quanto detto sopra queste ripetizioni sono volute come quelle che si trovano in altri file/capitoli del sito/libro.


I veri flash-back non sono "ricordi raccontati"; possono comparire e ricmparire in sogno come se durante il sonno al dormiente venisse posta una pressante domanda a cui non è ancora stata data risposta. I rivissuti diurni possono manifestersi come "mimati"; possono venir innescati all'improvviso da esperienze sensoriali esplicite soltanto per l'interessato, ma non possono venir attivati nè dall'interessato, nè da interventi esterni; e spesso sono accompagnati da manifestazioni fisiche talmente evidenti e significative da indurre a supporre che questi "rivissuti" siano conservati non nel cervello ma nel sistema nervoso viscerale, nelle cellule nervose del sistema A.P.U.D. (quelle cellule nervose - i paraneuroni - che circondano non solo le pareti esterne dell'intestino ma che probabilmente si trovano in tutti gli organi e tessuti viscerali: come esempio di una diffusione ubiquitaria persino nel più intimo degli organuli chiamati "glomi" spaesi in tutto il sistema circolatorio). (vedi sopra < a href="#saggezza_del_corpo">La saggzza del corpo con i paragrafi che qui ripetiamo.)
Tutte le cellule del sistema APUD hanno origine dalle creste neurali. Si ascrivono a questo sistema le cellule del sistema GEP (gastro-enterico-pancreatico), le cellule endocrine della mucosa  tracheo-bronchiale, delle vie urogenitali, della cute (melanociti), e di strutture endocrine pluricellulari (cellule parafollicolari della tiroide, cellule della midollare del surrene, cellule principali delle paratiroidi). Antiche osservazioni hanno identificato questi elementi endocrini come cellule argentaffini o enterocromaffini, presenti in tutto l'organismo e produttrici di un gran numero di ormoni e mediatori, tra cui la serotonina (5-HT) e il 5-idrossitriptofano (5-HPT). Già nei primi anni '30 il farmacologo italiano Vittorio Erspamer, ricercatore di fama internazionale, scoprì la serotonina, da lui chiamata però ENTERAMINA (= amina dell'intestino) aprendo la strada alle ricerche sui neuro-trasmettitori. "Nel 1931 comincia ad occuparsi di cellule cromaffini di tutti i mammiferi e nel '35 isola una sostanza, considerata inizialmente un polifenolo, che nel '37, utilizzando ghiandole cutanee di Discus glossus e ghiandole salivari dei polpi, sarà denominata enteramina che, dopo pochi anni, sarà conosciuta come serotonina, uno dei primi mediatori chimici cerebrali conosciuti. Osservazioni successive hanno dimostrato che le cellule argentaffini hanno la proprietà di assumere precursori delle amine biogene decarbossilandoli. Le cellule endocrine del sistema GEP ed altre cellule dotate di tali proprietà metaboliche, sono state perciò riunite in un sistema endocrino chiamato APUD. Alcuni degli ormoni presenti nelle cellule endocrine del sistema GEP, sono stati anche dimostrati nel sistema nervoso centrale e periferico, dove sono stati localizzati nei pirenofori, nei neuriti, nelle terminazioni assoniche delle terminazioni nervose. Questi dati suggeriscono la possibilità che da un lato esistano correlazioni tra il sistema nervoso centrale e periferico ed il GEP, dall'altro che alcuni ormoni prodotti a livello intestinale [o comunque "somatico", principe fra tutti la "colecistochinina"] possono agire come neurotrasmettitori. (Maggiori e più dettagliate informazioni anche tecniche e iconografiche si trovano in inglese, in Consciousness and memory).
NEUROTRASMETTITORE e più divulgativo in neurotransmettitore; f): comunqueque qualsiasi sostanza implicata direttamente nell'azione di un neurone sulle cellule bersaglio<.
In relazione ai neuroni, i neurotrasmettitori possono essere di natura diversa: alcuni neuroni possono agire attraverso differenti neurotrasmettitori. I principali neurotrasmettitori sono sia peptidi (neurotensina, sostanza P, endorfine, encefaline, VIP, colecistochinina, bradichinina, somatostatina, liberina), sia derivati di aminoacidi (serotonina, dopamina, noradrenalina, adrenalina, acetilcolina, acido gammaminobutirrico). Alcuni neurotrasmettitori agiscono come eccitanti (catecolamine, liberine, etc.), altri come inibitori (GABA, encefaline, somatostatine, etc.) delle trasmissioni sinaptiche. Alcuni vengono trasportati lungo le fibre nervose, altri sono formati e distrutti al livello della sinapsi. I i si trovano in concentrazione relativamente elevata nelle terminazioni nervose e sono liberati attraverso la depolarizzazione del neurone. Sono generalmente distrutti
subito dopo la loro azione.
Il cervello nella pancia - 5-HT4: Questo link potrebbe concretizzarsi anche nell'articolo:
Neurofisiologia: si emoziona, soffre, gioisce. Insomma, l'intestino è "intelligente".
La scoperta di uno scienziato americano darà anche una svolta ai metodi di cura. ...
che però in sostanza non è disinteressato e "scientifico" in quanto vi vengono presentati... "farmaci nuovi" contro... la stitichezza - da Corriere salute dell'8 luglio 2001.)
Un po' di rispetto per la pancia, per favore. Perche la pancia "sente". Metabolizza emozioni. Smista informazioni. Reagisce alle sollecitazioni dell'ambiente circostante, soffre. E gioisce. Già: nell'intestino vive e opera un secondo cervello. Un computer operoso e sofisticato. costituito da un'intricatissima matassa di neuroni (centinaia di milioni) e di cavi nervosi. Che è capace di governare in piena autonomia le delicate funzioni della complessa macchina digestiva. Parola di Michael D.Gershon, professore di anatomia e biologia cellulare alla Columbia University. Il professor Gershon ha dedicato trent'anni allo studio di questo "cervello enterico" e dei suoi rapporti con quello pensante, riversando in un best seller, dal titolo The Second Brain, - Il secondo cervello - gli intrigantissimi risultati ottenuti. Un neurotrasmettitore, la serotonina, regola umore, sonno, dolore e anche le contrazioni addominali. Il 95 per cento di tutta la serotonina presente nel nostro corpo viene prodotta proprio nel tratto gastrointestinale, da una popolazione di cellule chiamate "enterocromaffini", che rilasciano questa sostanza in seguito a stimoli diversi: tipicamente dopo l'assunzione di cibo.... La serotonina, insomma, è una specie di direttore d'orchestra che manovra le leve del movimento intestinale. Come? La parola a Marcello Tonini, professore ordinario di farmacologia presso il Dipartimento di Scienze Fisiologiche e Farmacologiche dell'Università di Pavia. "Ultimamente", ci dice Tonini, "la ricerca ha posto molta attenzione al ruolo della serotonina nella regia dell'attività intestinale".
Che cos'è la serotonina? Una sostanza, dalle molte azioni e presente, guarda un po', in entrambi i nostri cervelli: in quello superiore, è un messaggero chimico coinvolto nel controllo dell'umore, del sonno e della sensibilità al dolore; dabbasso, nell'intestino, mette in moto una progressione di contrazioni e rilassamenti della muscolatura, che sono poi quei movimenti che fanno avanzare il cibo che ingeriamo.
La rivoluzionaria scoperta del cervello addominale: ha nevrosi e domina il "collega" più nobile. In tutte le culture, nei modi di dire, nel senso comune, la pancia è tradizionalmente la sede principale (più del cervello) dei sentimenti e delle emozioni..., Prova sensazioni, pensa e ricorda. E aiuta a prendere decisioni....Al secondo cervello sono affidate le "decisioni viscerali", cioè spontanee e inconsapevoli: ha quindi un ruolo importante nella gioia e nel dolore. Per studiare questo secondo cervello è nata una nuova scienza, la neurogastroenterologia.
Le basi le ha gettate, a metà dell'800, Leopold Auerbach, un neurologo tedesco, che, osservando al microscopio l'intestino notò due strati sottilissimi di cellule nervose tra due strati di muscolo. E scoprì che questa specie di calza a rete avvolge tutto il tratto digerente, fino al retto. Gli stress del passato restano impressi anche nella pancia. Il cervello addominale sarebbe addirittura dotato di memoria che per fissare i ricordi usa le stesse molecole del cervello della testa: gli stress del passato si stampigliano così nel cervello e nell'addome....
Anche il cuore avrebbe una memoria, una memoria maligna, capace di ricordare solo gli eventi spiacevoli: alcuni farmaci, come quelli utilizzati per lo scompenso cardiaco, sono in grado di far perdere la memoria al cuore. "Ma non sappiamo se questo possa essere un bene o un male" dice Peter Schwartz (direttore del dipartimento di cardiologia del policlinico San Matteo di Pavia e titolare della cattedra di cardiologia dell'Ateneo pavese).
(Da stralci da un articolo tratto dalla rivista scientifico-divulgativa Focus del marzo 2001- Amelia Beltramini). Una spiegazione divulgativa chiarissima e abbastanza precisa si trova nell'articolo de IL TEMPO (sabato 16 ottobre 1999 rubrica SALUTE E BELLEZZA novità dal mondo scientifico IL SECONDO CERVELLOa cura del Dr. Marco Fornaciari) ripreso anche in DUE CERVELLI (di Ferdinando Regina) (e in Due cervelli: nella testa - di sopra - nell'intestino - di sotto - dall'articolo apparso 8 Luglio 2001 nel Corriere Salute)
Micheal Gershon, professore di Anatomia e Biologia Cellulare alla Columbia Univeristy, ha presentato di recente i suoi 30 anni di studio sull’ammasso cellulare di neuroni e nervi situati nell’intestino e chiamato per la sua attività ILSECONDO CERVELLO, o CERVELLO ENTERICO (non pensante). Queste definizioni sembrano appropriate perché, primo, possiede gli stessi neurotrasmettitori del midollo spinale e del cervello, secondo, presiede alle funzioni di coordinamento enzimatico digestivo, ghiandolare, muscolare, pressorio, chimico-fisico, ormonale immunitario… Le cellule nervose preposte alle funzioni suddette se si trovassero nel cervello per trasmettere le informazioni richiederebbero nervi grandi come cavi di alta tensione... Nei congressi di Gastroenterologia è sempre più frequente ascoltare relazioni che accomunano disfunzioni gastrointestinali con disfunzioni della flora batterica e stati di malumore non disgiunti spesso da ansia e depressione. Per i vecchi medici di famiglia, la Medicina Olistica e la più moderna PNEI (Psico Neuro Endocrino Immunologia) questi legami tra psiche e intestino sono, e sono stati da sempre un cardine della loro professione. Le ipotesi tra i legami e il buon funzionamento delle interazioni tra i due cervelli sono almeno tre... In ogni caso, a conferma delle tesi e ricerche del Prof. Gershon si deve riconoscere che il legame tra il "Cervello Cefalico" e il "Secondo Cervello" non è sconosciuto alle persone che debbano sostenere esami o che abbiano relazioni con persone inaffidabili, tanto che alcune condizioni di stress possono innescare disfunzioni gastroenteriche che sono insensibili alle cure specifiche...
Concludendo alla Woody Allen si potrà affermare:
- Ho un forte mal di pancia… vado dallo psichiatra!!! - Sono troppo ansioso e depresso… vado dal gastroenterologo!!!.
Ora questo libro si trova anche tradotto in italiano: Secondo cervello edizione ex-UTET
Vedi questo concetto-base espresso in forma sintetica, implicita e umoristica nel file interno DAL SUBLIMATO AL CONCRETO: scherzando su lavoro e psicosomatica. (Vedi anche altre spiegazioni corredate da link nelle pagine Pagina scientifico-medica e Malattie rare in offerta speciale del sito dell'Associazione italiana, scientifica e giuridica, contro gli abusi mentali, fisici e tecnologici.)


La LENTEZZA di azione della percezione cosciente è ben al di sotto delle possibilità di  preparare con la opportuna tempestività l'organismoa situazioni di particolare impegno: spesso per chiunque, ma per molti individui in modo particolare, i segnali di attenzione transitano e si fanno conoscere prima di tutto attraverso meccanismi viscerali. Ma non solo l'intestino è "intelligente" di suo: gli scambi di influenzamenti incrociati tra "mente cosciente" e "reazioni viscerali" sono da prendere di continuo in considerazione: anche una terminologia tecnicamente "scientifica" può convalidare la "normalità" di questi "retroscena" biologici sottostanti a classici - e inoppugnabili - modi di dire proverbiali: sentirsi stringere il cuore, avere un mattone sullo stomaco, prendersi un mal di pancia, sentirsi torcere le budella, farsela sotto ecc. ecc. (vedi file/capitolo
Gastroenterologia (Doctor News 15 febbraio 2006 - Anno 4, Numero 25)
Colon irritabile: aumentate risposte cerebrali a stimoli enterali subliminali. I pazienti con colon irritabile presentano una rispetto ai soggetti sani. I test sull'ipersensibilità viscerale erano stati finora basati sugli stimoli percepiti, ma dato che è stato recentemente dimostrato che gli stimoli subliminali vengono registrati nella corteccia cerebrale, maggiore sensibilità del circuito neurale sensorio viscerale in risposta a stimoli subliminaliè ora possibile valutare i neurocircuiti intestinali senza l'effetto dei processi cognitivi. I risultati del presente studio dimostrano obiettivamente l'esistenza dell'ipersensibilità nervosa in questi pazienti, e pertanto aiutano a discernerne e definirne le componenti fisiopatologiche diverse. Non è ancora noto se le variazioni nella percezione viscerale e nella risposta autonomica siano causate davvero da fattori emozionali e cognitivi che alterino la modulazione centrale del dolore, o se l'ipersensibilità viscerale sia specifica del colon irritabile o compaia anche in altri tipi di disordini funzionali.
( Vedi anche in Gastroenterology )

I feromoni sembrano inviare un messaggio subliminare, quindi non percepibile coscientemente, ma che viene decodificato a livello cerebrale [o neurologico a più ampio raggio] ed è in grado di influenzare i rapporti umani. L'olfatto quindi, uno dei nostri tratti più primitivi, esercita un forte influsso anche se inconsapevole. Come i sapori, gli odori vengono percepiti senza essere mediati dalla parte razionale del cervello, per questo sono uno strumento perfetto per fissare ricordi legati all'emotività più che al pensiero razionale.

... L'olfatto, molto sviluppato negli animali e poco acuto, invece, negli esseri umani ha una particolarità che lo distingue dagli altri sensi: gli stimoli odorosi vengono elaborati immediatamente dal cervello, prima ancora di venire codificati razionalmente. La mucosa olfattoria, infatti, è collegata a quelle aree cerebrali che archiviano le emozioni, perciò di piacere o disgusto legate all'inconscio. In pratica, prima che la nostra parte conscia e razionale possa ricordare dove abbiamo già sentito una certa fragranza, profumi e odori richiamano spesso reazionil'inconscio risponde rievocando la sensazione registrata nella memoria. Questa comunicazione subliminale è molto rapida ed efficace ma poco conciliabile con il nostro modo di vivere e ragionare, mentre siintegra perfettamente con l'istintualità che governa il regno animale. Gli animali hanno ulteriormente sviluppato questo sistema attraverso i feromoni, veri e propri messaggeri invisibili. Si tratta di sostanze organiche, volatili e inodori, secrete da ghiandole della pelle, capaci di modificare la fisiologia e i comportamenti degli individui della stessa specie. Quasi tutte le specie animali possiedono feromoni propri e li utilizzano per segnalare ai propri simili: intenzioni sessuali, situazioni di pericolo, necessità di aggregazione. I mammiferi sono dotati di una struttura specializzata nella ricezione di questi segnali chimici, l'organo vomeronasale, situato ai lati del setto nasale, sotto la mucosa olfattoria.


Rivissuti e transfert

chi non conosce il passato è condannato a ripeterlo
I rivissuti che possono emergere in qualsiasi momento, purché ben diretti, sono altamente liberatori: queste memorie purché sostenute, partecipandovi, non solo cessano di essere nemiche e non solo mettono finalmente e per sempre a tacere i "mostri", quanto persino riescono a trasformare sensazioni prima insostenibili in vere profonde, arricchenti ESPERIENZE.

Una notizia da non far sfuggire quando occorra controbattere chi proclama l'inattendibilità dei minori e accetta al contrario la "verità" della rimozione:


Vedi anche il film FESTEN
http://www.youtube.com/watch?v=TFDWjjlEEGc
http://www.mymovies.it/trailer/?id=9036

Per alcune informazioni sulle cosidette "esperienze critiche" che portano al soverchiamento delle capacità di modulazione delle emozioni e relativi meccanismi psichici di difese vedi Trauma e memoria: dissociazione (DSM-IV R da pag 525 e seg.)Memorie ed emozioni non raccolte... non credute... o peggio derise...: vedine altri dati in Imbroglio è il contraio di sviluppo e nei link ivi proposti.

  • Discepolo è "colui che sta imparando" e mette alla prova la propria istruzione tramite una disciplina = "modo e regola dell'insegnare": anzi è chi accetta la "disciplina" come tramitePROPRI errori per correggere i 
  • "Scientia potentia est": "Knowledge is power" = la "conoscenza è/dà Potere"?
  • Ma la CONOSCENZA  non dovrebbe "bastare a se stessa" e non come strumento di pre-potenza su altri?
  •  "Seguace = accolito o proselito" = è chi si appropria di qualcosa che appartiene a qualcun altro, è chi usa il suo "proselitismo" per impadronirsi di qualcosa che non gli è proprio.
  • "Scientia potentia est": ma che Prezzo ha un Potere di "seconda mano"?
Al contrario: se queste rivissute memorie/testimonianze vengono NON raccolte, NON credute o peggio ancora derise o persino osteggiate e scambiate per "deliri" o per calunnie, a loro volta possono generare un aggravato sonno della ragione, da cui emergono nuovi "mostri" autoreplicantesi: ingestibili, spesso irrimediabilmente distruttivi anche a largo raggio. Per fotuna però neanche questo deve assolutamente precipitare in un ineluttabile destino: NESSUNO - per quanto ammalato possa essere - può venir del tutto impedito nel potere, volere, fare, seguire il suo personalissimo percorso. La citazione sottostante dimostra come possa esistere sempre una struttura personale di base su cui poter far leva: pur molto sofferente nessuno è predestinato a diventare un ossequiente, acritico "seguace": di insegnanti, guru, od anche di non affidabili terapeuti.
E' vero: non  sempre  mi  comporto da "seguace"... Non  posso esser fedele ai  miei genitori... ma neanche posso difendermi  da loro. Devo scappare, devo nascondermi  per proteggermi... Improvvisamente mi  sono accorta che [la mia terapista] stava diventando molto pericolosa per me... emozionalmente  abusante. E così decisi che non  meritavo un così  cattivo trattamento. Avrei  dovuto lasciarla. Improvvisamente seppi  che era tempo per interrompere la terapia piuttosto che  venir distrutta dai terapisti. Ero molto poco disposta e spaventata dal provarci  di nuovo...

L'esperienza consapevole, lo "spessore" umano dato dalla padronanza della propria QUARTA DIMENSIONE è la via per la pienezza dell'esistere: infatti la consapevolezza del proprio passato e delle proprie emozioni - non importa quale esso sia stato o siano queste emozioni - contribuisce in modo sostanziale a determinare quello che viene definito lo "spessore" - come antitetico alla fatuità, all'inconsistenza - di una persona. Anzi: ogni esperienza consapevolmente sopportata non soltanto attiene alla - in fondo banale - "ragione", ma è la radice della vera
MATURITA', capace di personale SAGGEZZA: da cui può allora promanare per tutti una fonte di vitale "cultura". (E' più o meno questo il significato della famosa frase di Shakespeare RIPENESS IS ALL. Re Lear atto V scena V).
E se nel campo delle "cose" concrete la cultura dell'usa-e-getta è deleteria e ben poco eco-sotenibile, la consercvazione a oltranza NON vale certo per quanto riguarda le NON CONCRETE, statiche immagini mentali: anche su queste immagini, sui sentimenti, sulle opinioni -  e non solo sulle persone, e non solo eventualmente in "falsi innamoramenti" - vuoti tranferts senza futuro possono interferire all'infinito fino ad intercettare percezioni e possibilità. Si potrebbero porre obbiezioni linguistiche sull'uso di un termine abitualmente invariante (ri-)tradotto dal latino-inglesizzato, cioè il/i tranfert: ma qui è assolutamente necessario attirare al massimo l'attenzione - perfino usando di proposito una modalità anomala del linguaggio - sul fatto che si vogliono evidenziare fenomeni plurimi e non ragruppati in un blocco unitario. Ben espressi dal termine popolare fissazioni e suoi derivati che ne costituiscono le conseguenze visibili, circoli viziosi decadenti che si appiccicano a persone e non solo: anche oggetti e situazioni e emozioni e opinioni possono cioè continuare all'infinito a rappresentare inconsapevolemente feticci di stati d'animo pregressi, a costituirsi NON come "ricordi affettivi" o come ipotesi coadiuvanti di nuove esperienze ma come portatori di superstizioni. Assurdi statici transferts immobilizzano intere esistenze in ostinate vie e ricerche di situazioni ripetitive: ben poco "ecologiche" ed "omeostatiche" e tanto meno sintoniche con il sempre mutevole ambiente sia circostante che interno. In circoli viziosi decadenti, persone, oggetti, situazioni, idee  possono cioé continuare all'infinito a rappresentare inconsapevolemente feticci di stati d'animo pregressi, a costituirsi non come "ricordi affettivi" o come ipotesi coadiuvanti di nuove esperienze ma come portatori di superstizioni.
Un tipico luogo comune riguardante la psicoanalisi, come destinata in modo ineluttabile a produrre dipendenza, confonde completamente questo fondamentale strumento di una scienza medica EFFICACE con tutte le altre forme di terapia, con qualsivoglia altra, tecnicamente accreditata o spontanea, forma di appoggio, consiglio, assistenza, ascolto.... La psicoanalisi al contrario offre l'UNICA possibilità concreta di ritrovare la propria, vera esistenza nel VERO presente, a contatto e in relazione VERA con le effettive persone (e comunque "realtà") del momento. A differenza di ogni altro tipo di terapia o supporto infatti e certamente la psicoanalisi - ancorché lunga e penosa -  per sua intrinseca natura di rivelazione dei transferts (da considerarsi rigorosamente al plurale) può solo RESTITUIRE e NON derubare una persona delle sue capacità di riconoscimento e decisione: come cronologicamente ha rivelato la prima grandissima scoperta di Freud che ha aperto la possibilità di distinguere - e quindi così SCIOGLIERE - le dipendenze quando riconosciute nella loro vera natura di TRANSFERT.
Qui, a proposito del termine "transfert", è molto OPPORTUNA una secca precisazione più fattuale che semantica per dirimere una serie di equivoci e false aspettative. Il termine, derivato dal latino, significa letteralmente "trasporre" cioé spostare qualcosa, compresi quindi anche i "rivissuti emozionali", che viene inconsapevolmente trasposta da persone e oggetti del passato o della fantasia su persone o situazioni in atto - invece a se stanti, differenziati, NEUTRALI, a loro volta inconsapevoli e del tutto ignari. In tutto questo groviglio di tempi "rimossi", di attribuzioni fantastiche, di incomprensioni pseudo-razionalizzate - vedine la presa in giro nei versi di: Nodi. Paradigmi di rapporti intrapsichici e interpersonali di Ronald Laing - chi ne è oggetto viene sovraccaricato di vissuti totalmente altrui - senza capirne né la natura né la ragione - mentre il soggetto tende a reagire, deluso nelle sue "aspettative" e pseudo-convinzioni: ogni momento di simili pseudo-rapporti non può che dar luogo a un mai finito "dialogo tra sordi" - da cui appunto prendono origine tenacissime annodate "dipendenze".
Invece, quando l'interlocutore si trova nella condizione di poter accettare che sia in atto un "transfert", diviene possibile ri-trasformare questo incontro sterile tra entità incomunicanti in "dialogo" fattuale.
Questa è stata cronologicamente la prima GRANDE SCOPERTA di Freud, ed ha sancito l'incompatibilità tra il suo metodo e quello di Breuer (1889-1892): in un certo senso "pratico"  questo presuppone però che si sia in grado di prestarsi a fare da attore se non da "manichino" di un recita tutta interiore di chi invece ne è parte attiva - nel caso di una terapia: del "paziente".
Non è sempre facile questo lavoro da "attori" in questa serie di  piccoli "psicodrammi" non certo "fissi" come lo sono le "dipendenze" e i "legami", ma in continue evoluzioni drammaturgiche. Ma, a premiare queste difficoltà, l'impegno del curante consapevole lo pone anche e soprattutto in una posizione privilegiatissima: sotto i suoi occhi si dipana la vicenda rivissuta dal paziente mentre nella sua "parte emotivamente recitata da attore" può non solo intuire ma CONSTATARE di persona le situazioni che il "paziente-regista" sta "mettendo in scena".  Assecondare questi episodi evitando con cura di prestarsi a farsene parte attiva in un malinteso "legame"?
Come ha scoperto Freud più di un secolo fa, solo in questo modo si ottiene una vera GUARIGIONE che libera dal passato. Se proviene da un passato difettoso irrisolto l'adesione alla realtà ed ai rapporti non appare - come sarebbe in effetti - variante di momento in momento, ma si contrae ed arrotola in ripetitivi patologici transferts, in caricaturali nodi bloccati e in bloccanti "legami". Solo quando ogni "tranfert" SPARISCE, quando ogni istante riacquista la propria immediata e variabile autenticità, soprattutto quando non ci si arena più nel richiamare ogni sensazione da qualcosa e qualcuno a qualcosa e qualcun altro e i fatti trascorsi non si incancreniscono nel presente: ecco ehe allora si smette di perdersi in un mondo isolato, nel vuoto delle proprie fantasie, aspettative e paure e anche se non si giunge propriamente alla piena "gioia di vivere" almeno si è pronti a VIVERE e a non vegetare. Come lo possono dimostrre i già "liberati" anche da condizioni inenarrabili, impedire che ricordi mal digeriti si arroghino la falsa consapevolezza di una realtà ineluttabile permette finalmente a tutti - fortunati o sfortunati che siano stati - di inoltrarsi nel pieno vero personale NUOVO e di rimanre nella NORMALE e mutevole realtà - vedi l'intero file/capitolo Quando la cartella clinica è terapeutica - che NON si struttura mai in formazioni statiche, in rapporti interpersonali di continuo aggrovigliati su se stessi - vedine ancora lo scherzoso paradigma della loro incancellabile auto-referenzialità in Nodi. Paradigmi di rapporti intrapsichici e interpersonali di Ronald Laing. Il dissolversi dei transferts - vedi sopra la precisazione sull'uso del termine al plurale - nella sua conseguente perdita/rinuncia di attribuzioni abusive di significati apre invece finalmente la via alla VERA ESISTENZA attuale, mentre la rinuncia a trasferimenti indebiti, a spostamenti solo soggettivi si trasforma nella facoltà di costituire in vissute esperienza e saggezza ogni istante di una vita veramente "vissuta". .
Non si può però fantasticare possano essere semplici e indolori l'uscita dall'idea di un passato ripetitivo, ristretto e mono-tono e pertanto creduto fonte indiscussa di prevedibili convinzioni; nonché la rinuncia alla struttura "imbutiforme" del "patologico": mai condiviso e comunitario se non CONTRO veri o pseudo-nemici esterni; sempre gerarchico nelle sue superiorità/inferiorità, e magico o comunque fideistico nella sua sostanziale solitudine, nella sua incapacità di riconoscere un proprio posto nel mondo. Né si può aver - fallace - fiducia possa esser facile il "sacrificio" dell'illusione di potersi ergere a profeti (più o meno di "sventura" o  di "sensazionali miracoli"). L'avviarsi in un mondo aperto - nuovo, vario, variante e diversificato -  scatena sgomento e ansiosa voglia di rifiuto, per cui non è neppure auspicabile accelerare l'entrata nell'ampio respiro e mutabilità di situazioni - percorribili ma imprevedibili - della NORMALITA'. Ma intanto - seguendo la via della vix medicatrix Naturae - il processo tende da solo a continuare: se accettato, poco per volta lo spaventato sgomento si diluisce in più sopportabile - e realistico - smarrimento.
Quando fasulli transferts smettono di occupare tutto lo spazio disponibile in una confusione egocentrata tra un interno che non riconosce se stesso ed un esterno inesistente che ne rappresenta soltanto lo specchio, lo svincolarsi da questa "povertà da riciclaggio dell'usato" finalmente può permettere le vere scelte; quando cascami di un passato o di imposizioni mal digeriti non autorizzano più il profetizzare a vuoto, allora ritrovano il loro posto attenzione, pre-cauzioni, vigilanza. Ecco che quindi compaiono i veri affetti, il vero senso di responsabilità: VERI non solo perché in sintonia con i gusti e stile personali, ma anche perché calibrati di volta in volta sulle - ora ben riconosciute e vagliate - circostanze del momento.
Ma ciò non comporta solo "sacrifici", offre anche un ulteriore "premio"al vero Sé, ripulito dai residui di un PASSATO mai veramente trascorso. Entrare senza inutili apprensioni nell'imprevedibile FUTURO permette di fiorire e... fruttificare in successive EVOLUZIONI, ma anche il PRESENTE rifiorisce, ora carico di "intensità" e pienezza, e può finalmente manifestarsi anche e IN OGNI MOMENTO in quel fondamentale, continuativo esclusivo diritto che è il poter riconoscre e dichiarare MI PIACE / NON MI PIACE.



Importanza dei sensi:

In sintesi
Daniel Pennac traspone la fisicità delle sensazioni corporee sulle pagine del suo nuovo romanzo, Storia di un corpo. Il padre di Lison è da poco deceduto, la donna, tornata a casa dopo aver assisitito al funerale del genitore, si vede consegnare un pacco. Si tratta di un curioso regalo da parte di suo padre, un diario da lui tenuto a partire dall'età di dodici anni e fino alla fine della sua vita. In questo diario sono annotate le sensazioni che l'uomo ha provato in vita. Sensazioni fisiche che danno vita ad una narrazione il cui protagonista è il corpo, con tutta la sua vitalità e con le sue innumerevoli trasformazioni. Un tuffo nel passato attraverso le percezioni sensoriali vissute dal defunto genitore. La crescita, la scoperta del sesso, l'invecchiamento, la malattia, il dolore. Lison, sfogliando le pagine del diario, scopre un lato di suo padre che ignorava, un lato intimo e profondo. Nel diario c'è tutto, un'intera vita. La voce stridula della madre poco affettuosa, il profumo della tata Violette, il sapore che aveva il caffè durante la guerra, l'odore del pane con il mosto d'uva che era solito consumare per merenda. Storia di un Corpo, di Daniel Pennac, racconta la sbalorditiva vita sensoriale di un uomo.


Come ben sa ogni neurologo che debba eseguire un esame semeiotico completo - non esistono soltanto i famosi "cinque sensi" ma almeno una ventina ciascuno con sue proprie vie di trasmissione e patologie; ma anche molti artisti ben conoscono. si valgono e trasmettono una vasta gamma di "sinestesie" in cui singole sensorialità si scambiano e si riallacciano come in una danza - suoni "colorati", colori "vibranti", "ascoltare l'anima come una fragranza" ecc. E passando dal semplice concreto a un vocabolario più genralizzato non si usano forse termini astratti concretamente riferiti ai principali "sensi" per indicare qualità specifiche inerenti ad "abilità sociali"? Non si parla solo di "occhio medico" o di "orecchio musicale" ma si usa normalemnte TATTO come capacità "diplomatica, GUSTO come dote di valida scelta "estetica", FIUTO per astuzia, per pronto risonoscimento di vantaggi, ORECCHIO per capacità di "riconoscere" e valutare, ed infine OCCHIO anche come verbo al vocativo come avviso di "attenzione".
umore: colore della vita

L'umore, il colore della vita
Il saggio analizza le espressioni del nostro umore, allegria, malinconia, rabbia, euforia ecc., dal punto di vista della psicologia e delle neuroscienze. Analizza le interazioni tra vita cognitiva e vita affettiva, le possibili conseguenze di una rottura dell'equilibrio tra queste importanti sfere. [ PDF ]



Vedere, sentire, toccare, gustare, annusare. Ma anche sentire dolore, provare piacere, interrogarsi sul senso di sé, sul catalogo dei peccati, sul grande orecchio di Echelon e sulle neuroscienze. E, ancora, riflettere sulle trasformazioni della percezione, sul rapporto tra mondo sensibile e sovrasensibile, sulla gerarchia e il perfezionamento dei sensi nella cultura europea, ma anche in quella asiatica e africana. Saranno proprio i sensi, principale via di accesso al mondo esterno come quello interiore, il filo conduttore della quinta edizione di festivalfilosofia, in programma in una trentina di luoghi di Modena, Carpi e Sassuolo da venerdì 16 a domenica 18 settembre. (2005)
Gli affetti dovrebbero mantenersi nell'integrità dell'esperienza sensibile che è la condizione per conseguire la pienezza dell'esistenza , senza mai assumere l'aspetto difettivo di quella deprivazione sensoriale , di quell'inibizione da contattoc aratteristica dei processi di razionalizzazione , evitando così il paradosso di una dignità della ragione che nega però l'integrità della persona.


Seminari di AbdesSalaam Attar Questi seminari didattici sono interattivi grazie alla diffusione degli aromi erogati dal potente diffusore portatile del profumiere. Durano in genere 2 ore ciascuno.
SEMINARI-CORSI con assaggio delle essenze. Se desideri contattarci per partecipare o per organizzare un seminari, profumo@profumo.it
- LA PSICOLOGIA OLFATTIVA (SERIE DI TRE SEMINARI)
La comunicazione olfattiva, biologia e psicologia
Il salto dall'animale istintivo all'uomo cognitivo, sentiamo con il cervello più che con il naso
L'alfabeto degli odori
Il linguaggio degli odori, il suo significato e le sue implicazioni
Usarela psicologia olfattiva
Utilizzare il profumo per influire sul proprio stato psicologico e su quello degli altri


(Vedi articolo di Marco Vozza su TuttoLibri de : sabato 10 settembre 2005)
(Vedi per un esempio più colloquiale: L'importanza dei ricordi, delle emozioni e delle idee sul futuro)

Molti esiziali equivoci sono nati e continuano ad imperversare sull'onda delle teorie filosofiche - e religiose o pseudo-tali - tipicizzanti per millenni la nostra civiltà: la tendenza umana - o meglio la conseguenza di questo esser stati "deprivati" - indipendentemente da qualsivoglia livello culturale dei singoli va in prevalenza verso la direzione della superstizione e dell'inganno gerarchicamente trasmesso piuttosto che verso la "pienezza dell'esistere" e delle sue "LIBERE SCELTE".
Molte superstizioni dilagano avendo qualsiasi elemento o fantasia come oggetto da adorare, fine da perseguire od in cui credere ciecamente. Molti termini sono usati correntemente in modo impreciso a sua volta foriero di rinnovate "deprivazioni", mentre il loro errato significato viene idealizzato come un IDOLO a cui dedicare superstiziosa adorazione: ad esempio ragione, capire e comprendere non derivano forse da precisissimi vocaboli latini indicanti soltanto sistemi di misurazione - ratio=righello, "razionamento", capere=misurare il contenuto: da cui anche "recipiente"?
Anche la parola e l'idea di "volontà" entra a far parte di questa confusione, di questa  "inflazione di significato": mai che si usi invece un termine come INTENZIONALITA' che presuppone la sottolineatura emotiva che ne indirizza la diretta azione momento per momento. Quante volte ad esempio viene "accusato" di essere "senza volontà" chi invece è in preda a quell'emozione che si definisce desolazione per cui tutto diviene inutile e senza senso; quante volte viene esaltata la forza di volontà di chi, avulso dalle proprie sensazioni - e cautele - procede senza fare una piega: in assenza delle sensibilità proprie senza tener alcun conto non solo delle sensibilità e consapevolezze altrui ma neanche delle altrui esistenze. (Vedi "Disturbante da nascondere")
 

Nascita e pre-nascita

Aggiornato in questo volume si trova come capitolo 5:
Un "classico" - tradotto anche in italiano - su "memorie ritrovate" è il libro di
 Lenore Terr: Il pozzo della memoria Milano Garzanti ed. 1996

nei PRIMI DIECI MINUTI!
Gli occhi attenti, curiosi, leggermente stupiti... di un bambino - di un nuovo essere umano! - appena nato... Non si dice forse "venire alla luce" oppure "vedere la luce" come sinonimi di "nascere"?

Fotografia tratta da un sito ora non più attivo:
"Le Esperienze"
I neonati guardano chi li guarda.

scambio di sguardi

cucciolata Morea


E persino in una rivista di... veterinaria... si parla di emozioni e futuro "equilibrio" di CAGNOLINI cuccioli anzi di FETI definiti  - con gentilezza - come "nascituri".
come migliorare la SENSIBILITA' tattile dei NASCITURI?





È quindi opportuno cercare di ridurre il più possibile le situazioni che possono generare stress nella femmina gravida in modo da migliorare la gestione delle emozioni dei nascituri (i cuccioli saranno più "equilibrati"). Il feto (dall'età di circa 45 giorni) è in grado di rispondere ad una stimolazione tattile. La palpazione dell'utero gravido provoca un movimento di rotazione o la suzione del cordone ombelicale da parte del feto. Questi movimenti tendono ad attenuarsi grazie a palpazioni ripetute delle corna uterine della madre.Massaggiare delicatamente l'addome della madre gravida a partire del trentesimo giorno di gravidanza migliorerà la sensibilità tattile dei nascituri (i cuccioli saranno più "disponibili" alle carezze dei proprietari). Inoltre, in occasione di un'emozione da parte della madre - paura ad es. di una detonazione, cambiamento di ambiente, trasferimento in una stanza sconosciuta, presso persone sconosciute ... - il feto presenta un movimento di suzione di un arto anteriore o del cordone ombelicale.
Più la risposta emozionale della madre è intensa, più la reazione del feto si prolunga nel tempo.
Inoltre, in occasione di un'emozione da parte della madre - paura ad es. di una detonazione, cambiamento di ambiente, trasferimento in una stanza sconosciuta, presso persone sconosciute ... - il feto presenta un movimento di suzione di un arto anteriore o del cordone ombelicale.Più la risposta emozionale della madre è  intensa, più la reazione del feto si prolunga nel tempo. Questi movimenti tendono ad attenuarsi grazie a palpazioni ripetute delle corna uterine della madre ...
"Corna uterine"???
"i cuccioli saranno più "disponibili" alle carezze dei proprietari"???
"cercare di ridurre il più possibile le situazioni che possono generare stress nella femmina gravida in modo da migliorare la gestione delle emozioni dei nascituri (i cuccioli saranno più "equilibrati")?????

la grande Magali da cucciolina

11 07 ore 03 e 37 Televideo RAI 11 luglio 2001
 NEONATO RICORDA MUSICA UDITA IN GREMBO.
I neonati ricordano la musica ascoltata mentre erano nel ventre materno, negli ultimi tre mesi di gestazione. Lo afferma uno David Chamberlain, Ph.D è un pioniere della psicologia prenatale e uno dei fondatori e leader dell'Associazione per la Psicologia e la Salute Pre e Perinatale (APPPAH). I bambini - secondo lo studio - possono ricordare e riconoscre, a oltre un anno dalla nascita, delle musiche - classica, pop, reggae, non importa quale - ascoltate da feti. Tra la nascita e il test si è fatto in modo che i neonati non ascoltassero più i brani presentati loro mentre erano nel ventre materno.
61 TELEVIDEO Do 28 Lug 04:46:22
I NEONATI VEDONO BENE FIN DALLE PRIME ORE
I bambini appena nati vedono bene e riconoscono i volti, addirittura l'intensità dello sguardo. Cercano di stabilire una comunicazione "visiva" con i genitori (da cui amano essere guardati)già poche ore dopo la nascita. E' la sorprendente scoperta di un pool italo-inglese, pubblicata su una rivista scientifica in Inghilterra, che da anni  studia il comportamento dei neonati. Già dal secondo giorno di vita la mente lavora a pieno ritmo ed organizza le notizie acquisite tramite la vista. Cio' che preferiscono è essere fissati: lo prova la registrazione dell'attività elettrica.
A sei settimane è possibile vedere le prime forme di attività motoria: movimenti aggraziati di allungamento e rotazione del capo, delle braccia e delle gambe. A dieci settimane le mani vengono portate al capo, al viso e alla bocca, che presenta già movimenti di apertura, chiusura e inghiottimento. A quindici settimane tutto il repertorio di movimenti che si ritrovano nel feto a termine è presente; si evidenziano movimenti della mandibola, movimenti respiratori e movimenti combinati degli arti dove le mani sono continuamente portate ad interagire con le altre parti del corpo e con il cordone ombelicale. L'attività motoria si manifesta inizialmente in forma spontanea come fenomeno endogeno, a carattere ciclico ma contemporaneamente rappresenta l'espressione di caratteristiche soggettive del feto. Più avanti nella gestazione il feto comincia ad esplorarel'ambiente uterino: sembra cercare il contatto con la placenta e rispondere a stimolazioni tattili provenienti dall'esterno. Eâ importante sottolineare che, in queste fasi, i sistemi sensoriali e percettivilavorano sinergicamente; ciò si rivela nelle primitive organizzazioni comportamentali e nelle attività esibite dal feto e permette di affermare la presenza di una continuità esperienziale fetale. L'attività onirica è già riscontrabile alle ventitré settimane, quando si evidenziano chiari segni comportamentali di sonno R.E.M....

Milani Comparetti e Gidoni studiarono lo sviluppo dei movimenti fetali e scoprirono le capacità del feto di muoversi e riposarsi, nonché correlazioni delle modalità di movimento molto prima della nascita.Questi movimenti sperimentati per molto tempo dal feto permettono un'attiva partecipazione nel processo della nascita come pure nella sopravvivenza fuori dal grembo, per cui i movimenti fetali non possono più venir relegati nella categoria dei riflessi primitivi. Che, secondo Milani Comparetti e Gidoni, il neonato abbia le sue proprie competenze non necessita più di alcuna sottolineatura.

Un'intera sessione di un congresso internazionale di molti anni fa:
5th Iternational Congress of Psychosomatic Obstetrics and Gynecology, 1977 Rome,
Molto più recente ed in vivace attività è l'APPPAH (americana): vedi per la relativa bibliografia Resources: 100 Books (And Videos, Too).
Importante e seria è pure l'europea ISPPM con una vastissima bibliografiaì.

International Congresses of the ISPPM:
* 1986 - Badgastein / Austria The Contribution of Prenatal Psychology to Preventive Medicine, Preventive Psychology and Preventive Aspects of the Socially-Oriented Professions

ISPPM-Secretary, A. & J. Bischoff Friedhofweg 8, D - 69118 Heidelberg, Germany
Phone: +49 6221 892729, Fax: +49 6221 892730

APPPAH was founded in 1983 by Toronto psychiatrist and psychologist Thomas R. Verny, M.D., D.Psych., F.R.C.P.C., as a forum for individuals from diverse backgrounds and disciplines interested in psychological dimensions of prenatal and perinatal experiences. Typically, this includes childbirth educators, birth assistants, doulas, midwives, obstetricians, nurses, social workers, perinatologists, pediatricians, psychologists, counselors, researchers, and teachers at all levels. One does not have to be a professional, however: all who share these interests are welcome to join. The Association has published the Pre- & Perinatal Psychology Journal quarterly since the Fall of 1986. Beginning with volume 12 (1) Fall, 1997 the title of the journal will be Journal of Prenatal and Perinatal Psychology and Health. This peer-reviewed journal is now published by the Association. On a quarterly schedule, the Association publishes The APPPAH Newsletter. Terry Larimore is Editor. The Newsletter is sent automatically to members. Regarding contributions, please contact the Editor. One Hundred Books (and Videos Too) is revised annually and covers publications and releases in the last fifteen years.

APPPAH (Association for Pre- & Perinatal Psychology and Health)
340 Colony Rd., Geyserville, CA 95441. 
Maureen Wolfe, C.N.M., Executive Director Collaborations,
Telephone: 707-857-4041, Fax 707-857-4042 E-mail: apppah@birthpsychology.com


Decima edizione delle Giornate siciliane di formazione micropsicoanalitica
LE PRIME INTERAZIONI MADRE-BAMBINO
Capo d’Orlando - Aula Magna di Villa Piccolo
5 e 6 dicembre 2008

CONGRESSO INTERNAZIONALE
"L'ESPERIENZA PRENATALE TRA NEUROSCIENZE,
MEDICINA, PSICOLOGIA ED EDUCAZIONE"

PARMA 24-25 Maggio 2008 Sala Auditorium del Campus Universitario BROCHURE IN ITALIANO e BROCHURE IN INGLESE

La vita psichica prenatale: breve rassegna sullo sviluppo psichico del bambino prima della nascita. La vita prima di nascere. Archivio bibliografico. a cura di Anna Della Vedova
Organizzazione Mondiale delle Associazioni di Educazione Prenatale e dalla sua "filiale" italiana:
Associazione Eazionale di Psicologia e di EEducazione Prenatale
Segreteria  A.N.P.E.P.:  Via Barriera, 31 - 31058 Susegana (TV) -
anpep@tiscalinet.it

Educazione Pre- e Perinatale Congresso tenuto a Milano il 9-10 giugno 2001 Convegno Nazionale Azienda ASL di Forlì

Impatto della vita prenatale sull'evoluzione dell'individuo, della cultura e della società
Ass. per lo studio della Psicologia e delle Neuroscienze Gian Mario Balzarini

La comunicazione nella perinatalità Congresso ANEP tenuto a Forlì, 19 aprile 2002
 XV  Comgresso  Nazionale  SIPPO  -  25/26 Settembre 2003 - (SIPPO Società Italiana di Psicoprofilassi Ostetrica Prof. R. Russo)



Non tutti però hanno potuto esser favoriti da una nascita "bella": nascite difficili, dolorose, se non terrificanti e veramente a rischio di morte posson lasciare segno emotivo di sè per tutto il corso della vita. Come ogni altro trauma però anche le conseguenze psichiche di queste nascite sfortunate possono comunque venir superate: ma come per ogni altro trauma ciò può avvenire solo purchè il soggetto abbia sufficiente coraggio per lasciar uscire dall'inconscio le memorie corporee di questo evento, abbia sufficiente capacità - e volontà - di accettarle, e possa pure venir aiutato e non smentito nel riviverle e nell'avviarsi gradualmente - nel tipico modo zig-zagante in cui possono emergere i traumi - a trasformarle in vissuta esperienza senza più esserne invece intralciato. 
Vedi anche il libro dell'allievo di Freud, Otto Rank: Il trauma della nascita. Sua importanza per la psicoanalisi.
Nel file/capitolo Un brutto sogno e nell'annesso Documento l'incubatrice era stata vissuta da una neonata come un incubo, ma da una neonata che l'aveva "subìta" SENZA averne avuto bisogno;  invece testimonianze-ricordo di persone nate premature da gravidanze veramente ad alto rischio (e quindi di notevole disagio soggettivo per il feto) ne riportano al contrario il ricordo di sensazioni entusiastiche: per uno di essi: di pace, di "stabile" tranquillità, all'opposto delle convulsioni materne in crisi eclamptica; o, per un'altra persona, di accudimento personale preciso all'opposto di quanto poi avvenne nell'ambiente successivo troppo affollato e confusionario. Un piccolo aneddottico esempio: la "luce argentata" della "tenda a ossigeno" era stata per una di queste persone così piacevole da fargli ricercare ogni occasione possibile per ritrovarla: ecco perché ... la motocicletta con l'obbligo di usare il casco - dalla visiera trasparente! - gli piaceva tanto!

Ma non tutti la pensano così...

Si può andar oltre la possibilità di un semplice completamento della propria esistenza come ottimale prospettiva di psico-sociale restitutio ad integrum: al di là di ogni difficoltà, blocco, trauma, sofferenza e compensazione patologica "speciali" esperienze totalmente vissute possono aprire orizzonti impensati di resiliente maggiorate e valorizzate conoscenza, consapevolezza  e... "sapienza".

... è mai possibile che un bambino di poco più di due mesi mi  sorrida con aria furbetta e complice fino quasi a commuovermi  come se mi avesse fatto un lungo discorso silenzioso??? Se con M. capita questo è evidente che è possibile. Chissà quante cose avremo da dirci... - racconta un lontano parente del bambino...

I bmbini non capiscono nullaChi considera un vantaggio il forzato oblio allo stesso tempo convalida "scientificamente" il concetto freudiano di rimozione. Discorsi banali e frequenti:
- I bambini non capiscono niente
- Non importa: poi tanto i bambini dimenticano...
- Ma figurati se se ne è accorto....

Afferma pubblicamente   R. Laing - come punto culminante della citazione, tratta dal volume The voice of experience (titolo nella traduzione italiana - I fatti della vita. Sogni, fantasie, riflessioni sulla nascita)

Se l'esperienza non è un'illusione, allora ogni teoria che sostiene il contrario deve essere sbagliata...
un mestiere difficilissimo


- Lei crede che il bambino senta? - gli chiedo: il professore risponde senza esitazione:
- Mi dispiace non riesco nemmeno a immaginare una simile eventualità. ...


Eventualità??? E invece:
Dolore dei neonati: basta anche un semplice prelievo per procurare uno stress ossidativo
Venerdì 12 Febbraio 2010 12:50 Ricerca dei neonatologi del policlinico di Siena dimostra che bastano solo tre minuti per valutare lo stress ossidativo dei piccoli pazienti
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica americana Pain
Bastano solo tre minuti per sapere se un neonato, dopo un semplice prelievo di sangue, ha subito un dolore tale da causargli stress ossidativo. Uno studio effettuato dai neonatologi del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena e pubblicato sulla rivista scientifica americana Pain, ha infatti dimostrato che, anche un esame di routine, come una punturina, può essere così doloroso da provocare uno stress tale da far aumentare i radicali liberi nel piccolo organismo.La ricerca, finanziata dalla Fondazione Euraibi, è stata diretta dal professor Giuseppe Buonocore, responsabile della Pediatria Neonatale e coordinata dal neonatologo Carlo Bellieni dell'U.O.C. Terapia Intensiva Neonatale del policlinico Santa Maria alle Scotte, diretta dal professor Franco Bagnoli. E' un risultato sorprendente - ammette Buonocore - perchè analizzando le differenze tra la prima e l'ultima goccia di sangue, in un semplice prelievo effettuato nell'arco di soli tre minuti, abbiamo evidenziato importanti variazioni nella quantità di radicali liberi.

D'altra parte se ci si può divertire con il testo ed ancor più con la scherzosa bibliografia del
file/capitolo canzonatorio: Infanzia: eziologia e trattamento,

non si può scherzare sul titolo allegro del file/capitolo che rimanda alla rassicurante Mary Poppins ed è invece una serie di testimonianze di dura accusa e denuncia

Da un'altra citazione di Laing:
La caratteristica specificatamente umana dei raggruppamenti sociali umani puòessere sfruttata per rappresentarli come sistemi disumani. Tutti coloro che cercano di controllare il comportamento di un gran numero di altre persone lavorano conl'esperienza di quelle altre persone. Una volta che le persone hanno sperimentato una certa situazione in maniera simile, ci si può aspettare che reagiscano in maniere simili. Mettete gli individui in condizione di volere la stessa cosa, di odiare le stesse cose, sentirsi trattati alla stessa maniera, e il loro comportamento sarà prigioniero. Avrete i vostri consumatori o la vostra carne da cannone. Diffondete l'idea dei Neri come subumani o dei Bianchi come viziosi e decadenti, e i comportamenti possono essere manovrati in maniera conseguente... L'inerzia dei raggruppamenti sociali umani, tuttavia, sebbene possa apparire come la negazione autentica della prassi, è in effetti nient'altro che il prodotto della prassi. L'inerzia di gruppo può essere soltanto strumento di mistificazione in quanto considerata come parte del 'naturale ordine delle cose'. L'abuso ideologico di una tale idea è ovvio. Serve evidentemente gli interessi di coloro il cui interesse è avere gente che crede che lo status quo sia voluto dall' 'ordine naturale' . Per volere divino o 'cause naturali' ... Il gruppo diviene una macchina e si dimentica che è una macchina fatta di esseri umani e che la macchina è fatta dai medesimi uomini. E' completamente difforme da una macchina costruita dall'uomo che può avere un'esistenza propria. Il gruppo è l'uomo stesso che cerca se stesso nei modelli e nei livelli, assumendo e assegnando differenti energie, funzioni, ruoli, obblighi, diritti ecc.

Consapevolezza, il TEMPO e la pienezza dell'esistere: 

Il titolo di questo file/capitolo indica come prioritario il concetto di consapevolezza seguito da memoria che ne è in fondo quasi un attributo. Ma un altro attributo imprescindibile della consapevolezza è la concretezza come contrario della mera apparenza in ogni sua manifestazione. Queste - famose - vignette che descrivono una delle più tipiche "malefatte per buona intenzione" del "burrascoso Giannino Stoppani" sono tratte dal Giornalino di Gian Burrasca, libro destinato ai ragazzi, ma molto educativo anche per gli adulti. La pseudo-crescita artificialmente - anzi surrettiziamente - forzata della benamata piantina di dittamo della vicina di casa, non esemplifica forse la "crescita" forzata e solo apparente, le guarigioni solo apparenti che si vorrebbe potessero venir fornite dal cognitivismo?
Prospettiva della psicologia contemporanea che si sviluppa a partire dalla secondo metà degli anni '50, in aperta opposizione al comportamentismo. Di quest'ultimo, il cognitivismo rifiuta soprattutto la concezione riduttiva della relazione stimolo-risposta, riportando al centro dell'indagine l'organismo quale mediatore attivo tra le sollecitazioni provenienti dall'ambiente (input) e i comportamenti posti in essere dall'organismo stesso (output). Una delle caratteristiche distintive del cognitivismo è la sua decisa connotazione interdisciplinare, raccogliendo al suo interno contributi provenienti da aree di ricerca che comprendono la filosofia, la linguistica, l'antropologia, l'informatica, la cibernetica e le neuroscienze. Nel cognitivismo, la mente viene considerata sostanzialmente come un elaboratore di informazione, funzionalmente non molto dissimile dai modelli computazionali proposti dai teorici dell'intelligenza artificiale. In tale prospettiva, i processi cognitivi (la percezione, l'attenzione, il linguaggio, la memoria, il pensiero, la creatività) vengono intesi come manipolazioni formali di simboli, analoghi alle operazioin di calcolo effettuate dai computer. Si riabilita in tal modo il mentalismo, ossia l'idea che gli stati mentali interni al soggetto siano cause del comportamento (idea che il comportamentismo aveva decisamente negato), anche se tale concezione non riesce a trovare alcuna collocazione per la coscienza.  
Colgo l'occasione per meglio precisare che non solo questo ma anche un altro motivo è basilare per contestare il o dal comportamentismo come presunto capitolo della scienza psicologica e/o - ben peggio! - di una pratica da considerarsi terapeutica. Esiste di sicuro il comportamento come tale, cioè il modo "esterno" di porsi, di agire e di reagire; esistono comportamenti più o meno adeguati alle situazioni o difettosi fino alle intemperanze comportamentali: ma qui NON siamo nel campo "interiore" di pertinenza della "psicologia" o della "terapia" nè tanto meno della "scienza" siamo solo in quello dell'educazione se non magari della Legge e dei Codici: Civile quando non Penale.

CRESCITA o SVILUPPO? Una pianta ben radicata o un inerte, allungabile "palo"?
Il giornalino di Gianburrasca Il giornalino di Gianburrasca Il giornalino di Gianburrasca

Apparenza, visibilità, pubblicità e diffusione..., e altresì razionalità e inelligenza e più ancora lucidità, nella sua esattezza semantica di superficiale brillantezza... non indicano certo vera consapevolezza: non certo saggezza, nè tento meno quella profondità di pensiero e spessore di umanità che possono solo provenire da una ricchezza acquisita di vissute e ben "metabolizzate"  esperienze.
Lucidità e prontezza di risposte derivanti dalla vivacità di funzionamento della memoria a breve termine, efficienza anche lavorativa basata sulla disponibilità immediata della memoria a medio termine sono poi soltanto dotazioni pratiche di efficienza, mentre una efficace memoria a lungo termine utilizzata velocemente assieme a capacità di osservazione e sintesi può - anche se non proprio esattamente - venir definita intuito.
- Per istinto ho trovato subito la soluzione... Istintivamente ho cercato nel libro giusto...
Ecco un modo di dire abbastanza frequente ma quanto mai improprio: infatti ben assurda nella sua sproporzione è la confusione tra una semplice capacità tempestiva di utilizzare consapevolmente al bisogno l'enorme deposito - esperenziale ma anche culturale - del connubio tra memoria e attenzione, equivocandone le elementari possibilità di sincronizzare all'occasione differenti ma semplici mentali "processi cognitivi" con quel fattore super-personale dotato di un enorme portata di vera "energia", qual'è l'istinto.

Come conclusione di questi paragrafi dedicati alla CONSAPEVOLEZZA, ma anche come considerazione conclusiva e fondante di questo file/capitolo - o meglio -  di tutto questo lavoro propongo citazioni di prima mano e ne enfatizzo l'insegnamento che se ne può/deve trarre.
Ho spesso sognato qualcosa che mi spaventava a tal punto da obbligarmi a svegliarmi di soprassalto urlando come per difesa rispetto a quell'incubo ma il più delle volte era paura ma non capivo di cosa, intuivo solamente. Quante volte ho poi creduto che quegli incubi notturni mi riportassero al periodo dell'ospedale. Era stata mia madre stessa a raccontarmi più e più volte quell'episodio, quasi cercando di giustificarsi, o forse mi viene da pensare oggi, per farmi credere che tutto avesse avuto quel momento come principio e che se non ci fosse stato quella brutta esperienza la mia sarebbe stata un'infanzia felice. ... L'episodio dell'ospedale sembrava superato eppure quegl'incubi continuavano, fino a quando non ho guardato in faccia ciò che mi faceva veramente paura. Mi sento un pò un sopravvissuto e come loro ho la stessa sensazione che pochi crederebbero a ciò che ho appena scritto.

Analogamente a questo caso, molti pensano che per una psicoterapia "valida" possa essere sufficiente mettere in chiaro gravi episodi rimossi, "svelare" singoli "segreti" o "ricordare" singoli fatti traumatici: anzi molti si illudono che una volta "scovato" il "colpevole" - trauma, abuso, conflitto, spavento ecc. - tutto vada a risolversi per il meglio e che ogni sintomo sia destinato a sparire.
Ho fatto nuovamente un sogno che mi ha obbligato a svegliarmi urlando. Entra abbastanza trafelata una donna ... Entra come se fosse di casa e mi saluta, io sono stupito di vederla, Mentre mi passa davanti si gira e mi guarda. Incrocio lo sguardo e una paura tremenda mi assale e mi sveglio urlando. La scorsa notte ne ho fatto un'altro: ho avuto nuovamente quella sensazione che mi portava a svegliarmi ma questa volta il sogno è continuato perché evidentemente la paura non era così forte. Non poteva nuocermi come nell'altro sogno perché era come se l'avessi immobilizzata, murata. Quasi non ci credo se penso a quanto tempo ci è voluto perché questa storia venisse fuori. Lo sapevo certo ma un conto è saperlo un conto è sentirla la paura.

Istinti? "Castrazione"? Corporeità e pienezza dell'esistere: "dentro" e "fuori"?

Mi aspettavo di vedere negli occhi di mia madre e di mio padre quanto importante fossi io...
Quanti anni vissuti nel terrore può trascinarsi dietro anche solo un semplice incrociare di sguardi malevoli?
Oggi ho visto una donna incinta e più tardi un ragazzo la cui moglie sta per partorire tutto contento come di chi non vede l'ora, poi,sempre oggi,la sorella di V. (anche lei incinta) mi ha mandato con un mms la foto dell'ecografia in cui si vede il feto (è quasi al terzo mese e vedevo già una persona) in mezzo un'altro papà di una bambina di 13 mesi che mi raccontava invece di quanto fosse faticoso per lui. Della prima in particolare notavo (oltre al fatto che aveva preso un pò di fisicità, mentre prima sembrava quasi anoressica) le mani e l'avanbraccio scoperte; trovavo quella parte del suo corpo molto bella per il tono, il colore, l'impressione di una levigatezza quasi marmorea, quella pancia così ben arrotondata (solo apparentemente una cosa tutta estetica ma in realtà di come la maternità abbia aggiunto e non tolto anzi abbia trasformato un corpo così poco "corporeo" prima in qualche cosa di "ammirevole" come se la natura si fosse presa tutto il suo spazio e avesse fatto vedere ciò di cui è capace. Mi viene in mente il David di Michelangelo proprio nel senso della rappresentazione di qualcosa che si avvicina in modo straordinario, non alla perfezione, ma alla pienezza delle forme e al suo essere così "infinitamente vicino" al concetto di Natura) E poi, forse per la prima volta, il pensiero della nascita (non mia) ma di una nuova nascita, come qualcosa di bello, di una gioia indescrivibile (quel padre in attesa era contagioso) quel momento intendo, quando nasce una persona nuova. Mi piacerebbe provarlo. Non so se alla mia di nascita fossi circondato da questo clima di attesa positiva ma credo che no, doveva essere ben diverso, ciò che mi aspettavo era diverso: mi aspettavo e questo lo posso dire senza vergogna, di vedere negli occhi di mia madre e di mio padre quanto importante fossi io per loro, ma loro non mi guardavano con quegli occhi e per me quella fu la prima, grande, immensa, delusione. Era come se mi avessero spalancato un baratro senza fine.
Un baratro senza fine formato da SINGOLI episodi traumatizzanti o tutta una situazione AMBIENTALE di vero e continuativo PERICOLO? Traumi fisici - percosse, abusi di ogni genere, mal-trattamento... - ma quanti anni vissuti nel terrore può trascinarsi dietro anche solo un semplice incrociare di sguardi malevoli?
Per non arrecare successive ferite  con che pazienza e cautela è necessario procedere per ricostruire moltissimi pazienti un solido tessuto di esistenza in una vera restitutio ad integrum; per ridar a ciascuno la possibilità di ritrovarsi e ripercorrere uno sviluppo che sarebbe stato il loro NORMALE al posto di quello che era un percorso ad ostacoli continuamente minato, un labirinto senza uscita, con un unico obiettivo: la sopravvivenza.
Momenti belli o brutti, di espansione gioiosa o di fatti traumatizzanti: nel corso degli anni, nel percorso delle "fasi di sviluppo"? Ricordi "rimossi", come pure interpretazioni riduttive, episodiche, sensazionalistiche della propria esperienza...? quanto possono trasformare il completamento dello sviluppo in un labirinto senza uscita e ingarbugliare invece di liberare e dipanare? E allora adesso è un pò come se avessi mentito a me stesso e avessi perso anche tanto tempo. Questo mi duole di più. Mai avrei immaginato, se non lo avessi provato sulla mia stessa pelle, quanto importante è il ruolo di chi si impegna a diventare genitore, quanto può essere distruttivo per un figlio, (anche senza arrivare all'estremo ultimo dell'infanticidio), se lo sviluppo diventa un percorso ad ostacolilabirinto senza uscita, con un unico obiettivo: la sopravvivenza. Aggiungo sinteticamente che il sogno dell'altra sera sembra avere prodotto qualcosa. Ho l'impressione che quella figura ormai fossilizzata di mia madre abbia un significato più ampio. Mi sembra che si stia verificando una storicizzazione della mia vicenda personale, come se la stessi riconducendo da un piano solo ed esclusivamente personale ad uno collettivo (o generale). Me ne sono accorto guardando stasera un pezzo di uno spettacolo di Paolini sul romanzo di Rigoni Stern: Il sergente nella neve. Era Storia. Non  c'entravano più mio nonno, mio padre, i loro ricordi, le montagne, Il Veneto eccetera. Potrebbe essere anche un fatto contingente, non so... Però perché non ricondurre questo alle parole di Einstein:
continuamente minato, un
Ora comprendo che il paradiso della giovinezza, così presto perduto, fu un primo tentativo di liberarmi dalle catene del "puramente personale", da un'esistenza dominata solo dai desideri, dalle speranze, dai sentimenti primitivi. Fuori c'era questo enorme mondo, che esiste indipendentemente da noi, e che ci sta di fronte come un grande, eterno enigma, accessibile solo parzialmente alla nostra osservazione e al nostro pensiero. La contemplazione di questo mondo mi attirò come una liberazione...


l'animalità lungimirante della lince espressa nello sguardo - attento, perplesso,preoccupato -Il sonno della ragione produce mostri ?
Allora non ci si deve stancare di rimanere VIGILANTI, VIGILANTI, VIGILANTI. Mai ci si deve accontentare delle affermazioni altrui e neanche delle proprie - non documentate - sensazioni. DUBBI e ATTENZIONE A LARGO RAGGIO devono essere sempre le principali GUIDE.
 


Ed invece come raccomanda Pennac:
quando nella folla incontri un essere umano seguilo, seguilo...
Di questo autore va raccomandata anche la lettura del fondamentale libro Storia di un corpo

... Fame di vita, la giornata non è ancora piena, stentare a rassegnarsi al sonno...
Da quando, a partire da che età si può cominciare a considerare indispensabile preoccuparsi della pienezza dell'esistere? Quanto incidono e incideranno poi per tutta la vita le soddisfazioni o le carenze e/o i fraintendimenti iniziali delle funzioni biologiche primarie?
Per cominciare: ci si chiede - come fossero questioni burocratiche o di di moda e non di vitale importanza - i "se", i "come", i "perché" della scelta tra allattamento a richiesta oppure a orario; oppure - in un'ottica altrettanto fanatica e costrittiva - dell'obbligare a tutti i costi le neo-mamme ad allattare, illudendosi di poter velleitaristicamente (pseudo-)incentivare la secrezione del colostro attraverso un vero e proprio "ricatto" e così privare il neonato di ogni altro apporto alimentare. Ecco una raccomadazione ufficiale che risponde ad almeno uno dei fondamentali e molto generalizzabili "PERCHE?".
Ipoglicemia grave influenza cognizione nel bambino
Episodi di ipoglicemia grave, soprattutto in età precoce, possono avere un impatto sulla performance della memoria spaziale nei bambini.... Il presente studio supporta una comune ipotesi secondo cui l'ipoglicemia grave nelle prime fasi della vita è più rischiosa per la funzionalità cognitiva rispetto a quella intervenuta più tardivamente. Lo studio si focalizza soltanto sulla performance della memoria spaziale di cui precedentemente si era dimostrata l'ipersensibilità all'ipoglicemia ripetuta. Lo sviluppo cerebrale nei bambini molto piccoli potrebbe essere più vulnerabile rispetto al cervello dei bambini più grandi agli effetti negativi dell'ipoglicemia grave per quanto riguarda la memoria spaziale a lungo termine. Sono comunque necessarie ulteriori ricerche sul modo in cui questo effetto si relazioni alla vita di tutti i giorni. Questa informazione potrebbe eventualmente essere utilizzata nella valutazione dei benefici e dei rischi dello stretto controllo glicemico ad età molto precoci. (Diabetes Care 2005; 28: 2372-7)

Si tratta di una citazione tratta da una pubblicazione ufficialmente dedicata ai medici: citazione comunque ben più generalizzabile rispetto al solo diabete ed alle impostazioni sbagliate della relativa terapia.)
Piange perché ha sonno e "non riesce" [o NON VUOLE?] addormentarsi...???
(Pseudo-)colica dei tre mesi del lattante, avventurismo degli adolescenti...., pseudo-insonnia a qualsiasi età... O al contrario: paura che restringe i margini di esistenza e allarga le disponibilità alla sottomissione e all'inganno.
A qualsiasi età?
 vedi Newsletter di Eugenio Guarini del 29/06/2006: Non andresti mai a letto
Doucement
) (anche come commento al quadro)
Non andresti mai a letto. Arriva la sera e tu sei un po’ intorpidito dalla cena e dalla giornata. Però, che giornata! Comunque, la domanda è sempre lì: che cosa desideri? Tu traffichi tutto il giorno, un po’ manovrando il timone, un po’ portato dagli eventi. Quanto traffichi, tutto il giorno! Ma ora è sera... E’ stata dunque una giornata positiva. Ma, questa sera, prima di andare a dormire, tu senti ancora il pungolo di quella domanda: Cosa desideri ancora? E’ come se, dopo aver mangiato tutto il tuo giorno di cose,l’appetito – forse la fame – non si sia ancora acquietato. Che curiosi esseri che ci troviamo a gestire, quando si tratta di noi stessi! A volte ti sorprendono. Esseri così famelici... Quella parte di te che sfugge alla presa diretta guarda, considera, valuta e sente che c’è ancora fame di vita. Possibile? Eppure è così. Ed è per questo che non vorresti mai andare a dormire. Come se ci fosse ancora qualcosa che potresti fare, o che potrebbe ancora succedere… Anche se gli occhi ti si chiudono.... Lo confesso: anche se è stata una giornata stupenda, piena di cose, malgrado questo, io sono più in quell’ancora che in tutto ciò che è stato.

Alla fine e a completamento di questo file/capitolo le citazioni - dalle Newsletter di Eugenio Guarini del 22/07/2008 e del 29/05/2009 - in fondo riassumono metaforicamente l'epitome dell'intero contenuto di Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi -> adulti di domani: anzi esemplificano l'essenza del concetto-base di "quarta dimensione", cioè del fondamentale spessore dato dal TEMPO vissuto nell'individualità di ciascuno.
La sofferenza, a prenderla con dolcezza, offre un unguento che lenisce e guarisce. Sorrido di quanto sono stato stupido - ancora una volta. E la vergogna svanisce. E apprezzo perfino di fare tanti errori, in continuazione. Tanti errori mi portano avanti. E gli errori si rivelano per quello che sono: tappe importanti dell’apprendimento.

gli errori si rivelano per quello che sono: tappe importanti dell’apprendimento...
 anche un passato resta attaccato al futuro

Ma quanti e quanti anni occorrono per accorgersi degli errori e delle ingenuità fonte di stupidaggini e azioni improvvide! Quanti e quanti anni occorrono per APPRENDERE e rendersi coscienti di una minima parte non soltanto dl questo enorme mondo, che esiste indipendentemente da noi, e che ci sta di fronte come un grande, eterno enigma, accessibile solo parzialmente alla nostra osservazione e al nostro pensiero ma anche del "piccolo" mondo umano con cui abbiamo di continuo a che fare e in cui dobbiamo - consapevoli o meno -  agire in modo responsabile!

Quando la strada è tortuosa ci vuole un bel panorama.Tra l'incudine e il martello
Il tempo stesso appare sempre di più come una cosa meno scontata, qualcosa che ha un suo segreto, il suo mistero. Il punto sta proprio in questo dilemma: il ha il suo peso, e persino alle cose, alla geografia dei luoghi che percorro, ma ha anche un passato resta attaccato al futuro che sta nelle necessità e nei desideri. E ognuno dei due cerca di catturare completamente, ogni giorno. Ma è una scelta che non voglio fare. Voglio stare tra l’incudine e il martello. Voglio stare nella terra di nessuno, ancora per un po’. Voglio spingere il corpo a occuparsi di ciò che non esiste ancora, invece di lasciarlo risucchiare in ciò che è esistito un tempo – e questo, senza cancellare dalla vista tutti quei ricordi che salgono a galla man mano che percorro questi luoghi. Tra l'incudine e il martello... Ecco, sembra che la differenza stia in gran parte dietro questa parola: gradualmente. Le cose non sono più istantanee – come prima - ma graduali: richiedono tempo. Curioso il tempo nella testa di uno della mia età. ... E' giocoforza che i ricordi si siano stratificati sugli stessi sentieri... … Se fossi in un posto nuovo per la prima volta, il tempo non sarebbe diverso?



bambini e cagnolini copyright Pucci Violibambine e gattini copyright Pucci Violi

la scaletta delle età



Aggiornamenti e segnalazioni:

Per informazioni, precisazioni, commenti riscriviamo
l'indirizzo e-mail che era stato ABUSIVAMENTE cancellato
Questo sito e i libri che ne derivano NON sono di INFORMAZIONE, ma si costituiscono come una specie di ENCICLOPEDIE TEMATICHE, in cui vengono presentati e discussi vari argomenti da leggersi e soprattutto da CONSULTARE di volta in volta.

In particolare proprio QUESTO FILE costituisce il centro focale di un volume a se stante Consapevolezza e Memoria

che può venir acquistato nelle librerie come tale in forma cartacea ma può anche anche venir scaricato in rete dal relaivo pdf e stampato a proprie spese dall'utente.

Mentre dal punto di vista del sito e di questo file "html" va considerato che gli argomenti che vi vengono esposti - e TESTIMONIATI - non sono banalmente innocui nè tanto meno di facile accettazione: pertanto come altri impegnativi file viene presi di mira e boicottato da abili hacker. Questo è anche successo di recente ed ha richiesto una molto accurata revisione: non soltanto della forma grafica e informatica ma dei contenuti di testo in molti punti resi disorganizzati e persin contraddittori.

Il sito verrà di continuo aggiornato:per cui occorre di tempo in tempo ridargli un'occhiata ed eventualmente proporre considerazioni, critiche o informazioni che saranno molto gradite.

Ogni link è monitorato e aggiornato

Dovute alle diverse fonti culturali questo file in italiano ha un corrispettivo in inglese - Consciousness and memory - non rispecchiante una semplice traduzione per le differenze di impostazione: lo stesso dicasi per quelli intitolati Presentazione metodologica e introduzione, Quando la certella clinica è terapeutica...,, e Le faccende domestiche,Ergonomia e psicologia di un VERO lavoro, Infanzia: tempo di mutamenti che si differenziano dai file in inglese - Introduction, Anamnesis a way for healing?, Domestic chores. Ergonomics and psychology of a REAL work, Childhood: times of mutability - per dati bibliografici, citazioni e testimonianze.

Sitemap_video.xml
Sitemap_images.xml
Sitemap.xml
Sitemap_news.xml



File/capitoli strettamcente collegati on questo:
Quando la cartella clinica è terapeutica
Quando la cartella clinica è terapeutica... Dare ai ricordi una specie di seconda vita?
Medicina: scienza applicata e multidisciplinare: Emozioni, istinti, ricordi, contraddizioni
L'importanza dei ricordi, delle emozioni e delle idee sul futuro
Basta un poco di zucchero e la pillola va giù...
STUPRI DI GUERRA: i figli dell'odio
soprattutto a:
Dal Sublimato al Concreto ... e viceversa
Infanzia: tempo di Mutamenti
Infanzia:un mestiere difficilissimo  
Imbroglio è il contrario di sviluppo

da considerare con particolare attenzione il lato più oscuro e i recuperi più impensabili:
ESPERIMENTI SU BAMBINE/I
STUPRI DI GUERRA Gravidanze forzate: i figli dell'odio

Per accogliere le richieste di una più agevole lettura, i testi di questo sito sono stati - anche - trasferiti in un LIBRO: Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi -> adulti di domani
Cortina Torino
Via Ormea 69 10125 Torino (ITALY)
Tel: 0039 0116507074 / 00390116505228
Fax: 00390116502900
ordini@cortinalibri.it
giuliana@cortinalibri.it, on-line international orders

CreateSpace


E' in vendita anche il libro From children of YESTERDAY to adults of TOMORROW in cui sono stampati i file in inglese: Abebooks.com, Alibris.com, anche presente in Kindle, nonché in edizione più curata e aggiornata in Cortinalibri.it



L'edizione del 2006 del libro Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi -> adulti di domani risulta ora molto arretrata rispetto al sito Web: ne vengono quindi predisposti aggiornamenti sotto forma di libretti tematici. Il sito infatti nel tempo si è molto arricchiro, precisato, aggiornato: per poterne pubblicare le novità i vari file verranno via via stampati raggruppandoli in una serie di "libretti tematici" i cui capitoli dei vari libri - molto più completi dei file in .htm - possono venir scaricati dal sito a partire dai relativi link. I nuovi volumi possono esser acquistati come veri "libri", ma anche i relativi pdf possono venir SCARICATI e stampati a proprie spese dall'utente. Tutti i nuovi volumi possono esser acquistati come veri "libri", ma i relativi pdf possono venir SCARICATI e stampati a proprie spese dall'utente, ma a due condizioni:
1) Il libro, qualsiasi sia il supporto, dovrà essere assolutamente integro e completo sia nel testo che nella grafica; ogni modifica, soppressione, aggiunta di qualsiasi tipo faranno decadere il permesso di duplicazione e faranno automaticamente ricadere nei reati previsti a tutela del diritto di autore.
2) L'eventuale distribuzione dei duplicati, qualsiasi sia il supporto, dovrà essere fatta esclusivamente a titolo gratuito. Eventuali operazioni commerciali dovranno essere concordate con l'autore.
Come i libri, i capitoli dei vari libri - molto più completi dei file in .html - possono venir scaricati dal sito a partire dai relativi link. Ma se tutti i nuovi volumi possono esser acquistati come veri "libri" e i relativi pdf SCARICATI e stampati a proprie spese dall'utente, anche ogni file - duplicato o riprodotto su supporti elettronici, cartacei o di qualsiasi altro tipo - può venir distribuito ma soltanto a condizione di venir direttamente CITATO come tale nella sua integrità senza omissioni fuorvianti.

Libri in pdf
Copertina libro Infanzia Infanzia:un-mestiere-difficilissimo
Consapevolezza e Memoria

File in PDF
Nella nuova edizione del libro Infanzia: un mestiere difficilissimo molti capitoli sono già pronti e si possono trovare/scaricare in rete come URL Basi teoriche... Guide... Organizzazioni in particolare è molto rinnovato e meglio sistematizzato rispetto all'omonimo file html.
Consapevolezza e memoria
ESPERIMENTI SU BAMBINE_I.PDF
Quando la cartella clinica è terapeutica... Dare ai ricordi una specie di seconda vita?
Medicina: scienza applicata e multidisciplinare: Emozioni, istinti, ricordi, contraddizioni
Danza-del-tempo. Giornata.pps
Danza lenta
Presentazione professionale
Presentazione-libri

Libri di alti autori:
STUPRI DI GUERRA: I figli dell'odio
Libro-Regina-Louf.pdf

Raggruppati per singoli argomenti, aggiornati e completati, i capitoli ormai superati del libroBambini di IERI= Adulti di oggi. Adulti di oggi -> Adulti di DOMANI sono presenti in volumi separatiterminanti ciascuno con il file Considerazioni e conclusioni / To complete and to outline che offre una sintesi organica e riassuntiva di tutti i problemi in discussione.


Sitemap_video.xml
Sitemap_images.xml
Sitemap.xml
Sitemap_news.xml

Peacock Media: Easily find your website's broken links.Online Broken Link Checker


Tutti i links sia interni che esterni sono costantemente monitorati.
As every other file of this site, the review of links is continually checked